Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

venerdì 19 novembre 2010
Articolo di Donatella Poretti, senatrice Radicale


Di seguito, pubblichiamo la proposta della senatrice radicale Donatella Poretti: che riteniamo giusta e sacrosanta: pochi cittadini sanno che i soldi dell' 8 x mille di chi non esprime una preferenza, vengono suddivisi in base alle percentuali di chi ha espresso una preferenza: nonostante la maggioranza dei cittadini non la esprima, la stra-grande maggioranza di coloro che la esprimono, devolvono l'otto per mille alla Chiesa Cattolica: di conseguenza, la maggioranza dei soldi di chi non esprime tale preferenza, finisce alla Chiessa.

La revisione del meccanismo dell'otto per mille del gettito Irpef, almeno nella parte piu' perversa, ossia quella della ridistribuzione delle scelte non espresse, produrrebbe nuove entrate per le casse dello Stato di oltre mezzo miliardo di euro all'anno.
In occasione della manovra economica ho presentato col senatore Marco Perduca un ordine del giorno (essendo impossibile intervenire direttamente in materia con iniziativa parlamentare) chiedendo al Governo per quanto di sua competenza di rivedere il meccanismo.
I contribuenti che annualmente in sede di dichiarazione dei redditi esprimono la loro preferenza a questa o quell'altra confessione religiosa, sono circa il 40 per cento del totale. Un esempio: nel 2008 l'ammontare dell'otto per mille è stato di euro 948.583.048,73. Le scelte espresse sono state pari al 41,83% del totale dei contribuenti. Col meccanismo attuale (terzo comma art.47 legge 222/1985) tutta la cifra a disposizione è stata distribuita in due battute: prima il 41,83% (pari a euro 396.792.289,28) a tutti i beneficiari secondo l'indice di gradimento dei firmatari, e poi il restante 58,17% (pari a euro 551.790.759,45), sempre secondo l'indice di gradimento dei firmatari, ma questa volta solo a coloro che hanno accettato la quota non espressa (tutti meno le ADI-Assemblee di Dio in Italia e i Valdesi).
Se venisse rivista la formula attuale sulla ripartizione delle scelte non espresse, lo Stato avrebbe reintroitato quei quasi 552 milioni di euro (il 51,87% pari alle preferenze non espresse). 

Con l'odg chiediamo al Governo di impegnarsi:
- a pubblicizzare i lavori della commissione paritetica istituita dall'art. 49, i componenti e le eventuali proposte di modifiche che sono state presentate;
- per quanto di sua competenza, e tramite i componenti di nomina governativa, a verificare l'opportunita' della revisione del meccanismo della ripartizione delle scelte non espresse.

qui il testo integrale dell'ordine del giorno



Articolo della senatrice radicale Donatella Poretti, pubblicato da Aduc




Per condividere su Facebook o altri social network utilizza l'apposito pulsantino sotto il post

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi