Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 8 novembre 2010


E' un’Italia divisa, più che mai a due velocità sul piano economico, quella che si appresta ad entrare nel 150esimo anniversario della sua unità: a confermarlo è il recente rapporto dell’Ufficio Studi di Confcommercio-Imprese per l’Italia “Aggiornamento delle analisi e delle previsioni del Pil nelle regioni italiane” che certifica la netta spaccatura tra Nord e Sud del paese da un punto di vista di ricchezza prodotta.
Niente di nuovo, si intenda, le differenze economiche tra settentrione e meridione sono parte integrante della nostra storia a partire dalla data dell’ unità nazionale, nel 1861, che vide sin da subito il divario tra Nord e Sud quale principale problematica da risolvere; costituì, ai tempi, la prova certificata dell’ artificiosità e della tempistica non adeguata per l' unificazione del paese sotto un’unica bandiera nonchè elemento di sfiducia da parte dell'opinione pubblica agli occhi della quale la grave condizione delle province meridionali sollevava ben più di un dubbio sull'effettiva solidità del nuovo stato italiano. A distanza di 150 anni la questione sembra essere ancora aperta:
dai dati della Confcommercio sul Pil, risulta essere in crescita la ricchezza prodotta dalle regioni del centro Italia con una quota, rispetto al totale nazionale, che passa dal 21% del 1995 al 21,6% del 2007. Nello stesso periodo di riferimento resta immutata la crescita sia del Mezzogiorno che del Nord-Est, mentre si riduce la quota di Pil proveniente dal Nord-Ovest. In termini di ricchezza prodotta si conferma l’ampio divario tra Nord e Sud della penisola, con Valle d’Aosta, Lombardia, Trentino ed Emilia Romagna quali regioni con il Pil pro capite più alto, tutte sopra i 32.000 euro, seguite dal Lazio che sorpassa il Veneto; il risvolto della medaglia è dato da Campania e Calabria con meno di 17.000, e da Puglia e Sicilia che sorpassano di poco questa soglia.

Il dato più interessante arriva, come detto, dal rafforzarsi del Pil proveniente dalle regioni del centro Italia; si passa dal 21% del 1995 al 21,6% del 2007 con una previsione per il 2011 pari al 22,1%. In fondo alla graduatoria si trovano le regioni del Sud con un distacco notevole rispetto a quelle del Nord, e per comprendere meglio la portata di questo dato basta leggere alcuni numeri; la produttività media del Mezzogiorno risulta pari al 56,2% di quella del Nord-ovest, il Pil pro capite della regione meno produttiva (Campania) del Sud, non va oltre il 50% del reddito medio di quella più produttiva (Valle d’Aosta) al Nord. Rovesciando il punto di vista non sorprende quindi notare come la regione meno produttiva del Nord (Liguria) abbia comunque un Pil pro capite superiore di oltre il 24% rispetto a quello della regione più produttiva del Mezzogiorno (Abruzzo).
I numeri sulla ricchezza prodotta parlano chiaro, nel Nord del paese il Pil pro capite si attesta intorno ad una cifra di poco superiore ai 31.000 euro (con differenze irrilevanti tra Nord-Est e Nord-Ovest); al centro il Pil pro-capite è di circa 28.700 euro; nel Mezzogiorno il Pil pro capite medio si ferma a 17. 660 euro. Numeri eloquenti che certificano un andamento a due velocità dell’Italia da un punto di vista economico e conseguentemente anche sociale; una spaccatura netta tra Nord e Sud del paese che sta assumendo sempre più i contorni di una frattura insanabile.
Con buona pace degli eroi del nostro Risorgimento che, a 150 anni dalle loro imprese, sarebbero costretti ad assistere ad un paese ancora fortemente diviso.



Fonte

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Per correttezza, bisogna specificare che non è vero che la questione meridionale fu il principale problema da risolvere per l'italia unita già nel 1861. Niente di più falso. Un recente studio della Banca d'Italia ha provato che il reddito procapite delle regioni meridionali era equiparabile a quello delle regioni settentrionali nel periodo preunitario,e lo è stato ancora per un trentennio dopo l'unità. quindi la questione meridionale in definitiva è stata voluta e creata deliberatamente proprio dall'italia unita,perchè prima non esisteva.quindi è ovvio il motivo per cui non è stata risolta fino ad ora. perchè se è stata proprio l'italia a causare il tracollo dell'economia del mezzogiorno,favorendo lo sviluppo delle regioni settentrionali, non si capisce perchè lo stessa italia dovrebbe oggi aver cambiato idea e favorire lo sviluppo di un territorio che ha spolpato e ridotto ad una colonia!
no censura???ragazzi,parlate anche di questo allora.Il falso mito del Risorgimento è una pagina buia della storia italiana,piena di sangue,massoneria e ingiustizie.altro che festeggiamenti. non c'è proprio niente da festeggiare per almeno un terzo della popolazione italiana. gente che se oggi vive nella miseria e nella disperazione, lo deve al perpetuarsi di una gestione dualistica dello stato italiano che dura da 150 anni. Saluti

Anonimo ha detto...

sara vero anche questo link?
http://www.youtube.com/watch?v=f8_mU3AhSOQ

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi