Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 22 novembre 2010

Nei giorni scorsi ha suscitato non poche polemiche la notizia,lanciata dal New York Times,secondo cui l’amministrazione Obama starebbe lavorando ad una proposta per rendere piu agevoli i controlli e le intercettazioni su Internet.A finire nel mirino degli 007 informatici americani sarebbero quindi tutti quei servizi di “comunicazione on-line” come Facebook e Blackberry e quelli “peer to peer“come Skype.Motivo?Proteggere gli Stati Uniti dal rischio del terrorismointernazionale.
Alquanto curioso che ad approvare una tale norma che di fatto annullerebbe la privacy sulla rete sia proprio il presidente Obama,lo sfidante alla Casa Bianca che costrui’ la sua campagna elettorale sulweb e che sogna di far discutere le leggi ai propri cittadini unendoli tramite una connessione adInternet.
In Italia,subito dopo il lancio della statuetta del Duomo scagliata da Massimo Tartaglia verso ilPremier Berlusconi,fu Schifani a dichiarare:”Facebook è più pericoloso dei gruppi extraparlamentari degli anni 70”.

Lo stesso Berlusconi il 4 Dicembre 2008,pochi giorni prima dell’aggressione a Milano da parte diTartaglia, dichiarò che:”A gennaio l’Italia presiederà il G8. In quell’occasione porteremo al tavolo dei Grandi una proposta di regolamentazione di Internet, visto che manca in questo settore una regolamentazione uniforme“.


i  politicanti stanno cercando di “imbavagliare“laRete.”Aggregatore di odio“,”covo di terroristi“,”mezzo di disinformazione e diffamazione“.Sono questi alcuni dei motivi che i nostri rappresentanti ci ripetono per giustificare le loro scelte ed ogni occasione,vedi l’attentato al direttore di Libero Maurizio Belpietro,è sfruttata per propagandare la pericolosità del web.
Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet“fu l’emendamento proposto dal senatore dell'Udc D'Alia che avrebbe obbligato i provider aoscurare siti, blog o social media come YouTube e Facebook su richiesta del ministero degli Interni per reati di opinione.
Poi è arrivato il "Decreto Romani“  col quale ogni testo postato online deve essere ricondotto ad un cittadino della rete, vietando di fatto la possibilità di esprimersi in maniera anonima.
Ma chi fu il primo a voler imbavagliare la Rete?
Era il 3 Agosto 2007 quando il Governo Prodi emana,prendendo il nome dal suo principale autoreRiccardo Levi, il cosiddetto “Decreto Levi-Prodi“ ribattezzato poi” Decreto Ammazza Blog“.
L’”editto-bulgaro“del democratico Governo Prodi qualificava come prodotto editoriale“qualsiasi prodotto contraddistinto da finalità di informazione, di formazione, di divulgazione, di intrattenimento, che sia destinato alla pubblicazione, quali che siano la forma nella quale esso è realizzato e il mezzo con il quale esso viene diffuso e rendeva quindi necessaria “l’iscrizione al Registro degli operatori di comunicazione dei soggetti che svolgono attività editoriale su internet rileva anche ai fini dell’applicazione delle norme sulla responsabilità connessa ai reati a mezzo stampa”dove per attività editoriale”si intende ogni attività diretta alla realizzazione e distribuzione di prodotti editoriali, nonché alla relativa raccolta pubblicitaria. L’esercizio dell’attività editoriale può essere svolto anche in forma non imprenditoriale per finalità non lucrative“.
Il sopraggiunto cambio di governo e le molte critiche, interromperanno l’iter fino alla nuovaripresentazione in parlamento il 9 giugno 2008 da parte dello stesso deputato Riccardo Franco Levi, con piccole modifiche al testo precedente.Nonostante tutto però la legge non prenderà mai forma.

Sinistra e Destra hanno scoperto di avere un nemico in comune: Internet.

Per condividere su Facebook o altri social network utilizza l'apposito pulsantino sotto il post

fonte

2 commenti:

alla_scuola_di_maria ha detto...

Vorrei pubblicare un video bocciato da YouTube perchè considerato con scene che possono turbare le persone. Si tratta di come viene ridotto un feto durante l'aborto. POTETE PUBBLICARLO?

alla_scuola_di_maria ha detto...

Vorrei pubblicare un video bocciato da YouTube perchè considerato con scene che possono turbare le persone. Si tratta di come viene ridotto un feto durante l'aborto. POTETE PUBBLICARLO?

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi