Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 14 novembre 2010
Pubblichiamo il seguente articolo di Marco Travaglio, pubblicato su "Il Fatto Quotidiano" del 9 Novembre: condividiamo l'iniziativa e le valutazioni dell'autore, in favore di Raphael Rossi, ex vicepresidente Amiat che, avvalendosi del suo ruolo ha bloccato l’acquisto di un macchinario inutile del costo di 4 milioni di euro e ha respinto un reiterato tentativo di corruzione collaborando con la magistratura



Siamo venuti a conoscenza dal servizio della trasmissione Report e da Annozero che ha ripreso il fatto,della vicenda di Raphael Rossi, il giovane ex vicepresidente dell’Amiat che, grazie alle proprie competenzetecniche, ed avvalendosi del suo ruolo direttivo nella società, ha bloccato l’acquisto di un macchinario inutile del costo di 4 milioni di euro e che ha respinto un reiterato tentativo di corruzione collaborando con la magistratura per smascherare ogni manovra. Dopo il suo esposto in Procura e dopo una lunga indagine, sonostati arrestati i protagonisti della vicenda ed il prossimo 13 dicembre si celebrerà l’udienza preliminare del processo.

Abbiamo appreso dei diversi segnali che Raphael Rossi ha ricevuto dalle istituzioni torinesi, ciascuno dei quali discutibile ma che tutti insieme appaiono come un tentativo di isolamento:
1. E’ stato l’unico membro del passato CDA a non essere confermato nella carica.
2. Nel comunicato stampa con cui, dopo la trasmissione di Report, il Comune ha annunciato che Amiat si sarebbe costituita parte civile contro l’ex Presidente Giordano, erano curiosamente minimizzati i reati, dimenticando la corruzione e citando solo la turbativa d’asta. Fra i rinviati a giudizio (sette in totale) c’è l’attuale direttore agli acquisti di Amiat, e proprio Amiat dovrebbe costituirsi parte civile contro tutti coloro i quali saranno riconosciuti colpevoli.
3. E’grave il fatto che il comune di Torino non intenda costituirsi direttamente parte civile al processo, e non è sufficiente la tardiva e parziale dichiarazione dell’Amiat a marcare la distanza tra il comune di Torino e la pratica della corruzione.
4. Il fatto più grave infine è che Raphael Rossi, per denunciare le persone potenti che hanno provato a corromperlo abbia dovuto avvalersi di un legale che ora lo assisterà nel processo in cui egli è parte lesa. Tocca a Rossi anticipare le spese di tale supporto legale.

I firmatari della presente sono preoccupati della recrudescenza della corruzione che vede l’Italia regredire al 67° posto nelle statistiche1, collocata peggio del Ruanda, e più che mai preoccupati di quanto afferma il presidente della Commissione Parlamentare Antimafia Beppe Pisanu “… (ho riscontrato) … una certa disinvoltura nella formazione delle liste. Gremite di persone che non sono certo degne di rappresentare nessuno”.

I sottoscritti cittadini preoccupati vogliono manifestare la propria vicinanza a Raphael Rossi chiedendo al Comune di Torino:

- di costituirsi parte civile al processo,
- di sostenere le spese legali che Rossi deve anticipare,
- di ringraziarlo pubblicamente per il suo operato.


Clicca il pulsante sotto il post per condividere su Facebook o altri social network

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi