Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 17 novembre 2010


Gli abitanti del pianeta Terra dovrebbero ridurre notevolmente (se non eliminare) il consumo di carni. Tale procedura aiuterebbe la conservazione dell'ecosistema oltreché salvare 45.000 vite umane all'anno.

Questo il messaggio di un report dell'associazione ambientalista Friends of the Earth (FoE), diretto dal dottor Mike Rayner e pubblicato dal quotidiano britannico "Guardian".

In primis, la salute umana. La squadra del dottor Rayner sostiene che una riduzione dei piatti a base di carne eviterebbe 45.000 morti precoci: 31.000 persone per malattie cardiache, 9.000 per tumore e 5.000 per ictus, tutte malattie in cui l'eccesso di carne gioca un ruolo fondamentale.
E poi, lo stato del pianeta. La riduzione della nutrizione a base di carne renderebbe possibile il risparmio dell'equivalente di 1,2 miliardi di sterline e mitigare il cambiamento climatico e la deforestazione in Sud America. In tale regione, le foreste pluviali sono distrutte, il loro terreno trasformato in pascoli per nutrire i bovini destinati ai Paesi industrializzati.

Inoltre, ricorda FoE, non è necessario tagliare immediatamente e totalmente la carne: si possono ottenere buoni risultati anche riducendone il consumo a non più di 210 grammi a settimana. In particolare, è buona cosa tagliare le dosi di carni lavorate, le più pericolose potenzialmente.
Craig Bennett, direttore della campagna FoE, riassume così il tutto: "Non abbiamo bisogno di diventare vegetariani per badare a noi stessi e al nostro pianeta, ma abbiamo bisogno di ridurre la carne. Mentre il governo ha ignorato l'aspetto ambientale dell'alto consumo di carne e latticini, non può ignorare le vite che sarebbero salvate passando a una riduzione e un migliore consumo di carne".

L'iniziativa ambientalista non ha lasciato indifferente l'opinione pubblica britannica: al contrario, sono subito nate correnti favorevoli e contrarie.

Come prevedibile, i produttori di carne non hanno apprezzato. Così un loro portavoce: "È troppo semplicistico dire che cambiare un solo elemento della dieta può avere un risultato così drammatico. La carne rossa svolge un ruolo importante come parte di una dieta sana e bilanciata".

Paradossalmente, la stessa disapprovazione è stata espressa da Jen Elford, della Vegetarian Society. Per Elford, FoE non dovrebbe usare mezze misure, ma consigliare subito il passaggio diretto ad una dieta interamente vegetariana.

FONTE: Denis Campbell, "Eating less meat could save 45,000 lives a year, experts claim", The Guardian, 19/10/010

Clicca il pulsante sotto il post per condividere su Facebook o altri social network

4 commenti:

ponyo sulla scogliera ha detto...

Completamente vegetariane la maggior parte delle persone non lo diverranno mai, è troppo radicata la convinzione che la carne sia indispensabile, i governi dovrebbero spingerne per ridurne il consumo ma come al solito ci sono troppi interessi dietro e troppi soldi. Figuratevi poi se la salvaguardia dell'ambiente possa bastare a diminuirne il consumo, l'uomo sta devastando il paineta e la maggior parte dei suoi abitanti vive nell'ignoranza per scelta, troppo presi a guardare scempiaggini in tv o sul web.. questa è la tristissima realtà.

Flavio ha detto...

Quindi dovrebbe morire l'arte culinaria?
Ma se a me piace la carne e non ne consumo a fiumi perché non posso mangiarla..
altro che censura!

tk71 ha detto...

infolatte.it,provate a leggere anche
le notizie riguardo al latte!!
Diventare vegetariani è la scelta + giusta sia per il propio fisico che per il pianeta SVEGLIA GENTE!!

Anonimo ha detto...

La carne è si un alimento bilanciato e nutriente, ma il modo in cui viene trattato l'animale è quanto di più deplorevole e violento....se è un discorso di sopravvivenza sono daccordo nell'abbattere alcuni capi solo per sostentarsi...ma credo che al giorno d'oggi questa necessità non esista...una dieta bilanciata la si ottiene anche senza carne ne pesce...non lo dico io ma i più grandi scienziati...acquistare ortaggi nei fruttivendoli sicuramente non risolve il problema....bisogna autoprodursi quasi tutto... io lo faccio da qualche anno...sarà la sfida del futuro...sveglia gente!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi