*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 14 novembre 2010

L'oncologo nominato al controllo nucleare


Affidereste un istituto dei tumori al migliore degli scienziati nucleari? E perché il contrario dovrebbe andare bene? Sono le domande che si fa Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace Italia e scienziato nucleare lui stesso. La risposta è ovvia: nessuno lo farebbe, avendo rispetto per i malati e per lo scienziato. Onufrio va però più in là. Osserva che nominare Umberto Veronesi, oncologo, presidente dell'agenzia di sicurezza nucleare, allunga la linea governativa della «truffa nucleare». «Il professor Veronesi - continua Onufrio - non ha alcuna competenza in materia. L'agenzia dovrà occuparsi di sistemi di automazione e controllo delle emergenze, qualità delle saldature e tenuta dei sistemi di contenimento». Ma «Veronesi ha deciso di chiudere la carriera da uomo immagine». E come promesso lascerà il suo incarico da senatore nel Pd.
Veronesi ha espresso un'ammirevole fiducia nel futuro del nucleare e nella sua intrinseca sicurezza e affidabilità. Non è questo che si vorrebbe dal presidente dell'Agenzia di controllo, ma tutto il contrario: una sana diffidenza, uno scrupolo continuo per controllare ogni numero, saldatura, ogni sistema di contenimento. È un responsabile che assomiglia di più a un promotore che a qualcuno che abbia il compito di controllare, far emergere difetti, incompletezze e pericoli presenti nel programma.  I quattro personaggi che completano il comando dell'Agenzia, sono due tecnici nucleari nominati dal neoministro dello sviluppo economico Romani e due magistrati, scelti dal ministro dell'Ambiente. Cosa ce ne facciamo di un tizio (Stefano Dambruoso) che da magistrato ha imparato, forse benissimo, come si dà la caccia a mafiosi e terroristi? Si prevede forse già da ora, che i futuri impianti siano a rischio di attentati o di commesse bacate? Non sarebbe stato meglio nominare una persona capace di affrontare gli aspetti di impatto ambientale di una centrale nucleare, la scarsità di acqua, i difficili trasporti? C'è poi il problema della struttura che verrà messa al lavoro all'Agenzia. Si parla di un centinaio di addetti e gli esperti del ramo assicurano che verranno scelti tra coloro che si avviano alla pensione; in altre parole persone tranquille e di età più che matura. Non proprio combattivi, insomma, e vogliosi di fare le pulci alle imprese, italiane, o francesi, o americane che siano. Gli esperti del ramo confrontano poi il centinaio dei nostri con i 400 addetti della agenzie analoghe degli altri paesi, i mezzi d'intervento diversi, la volontà qui di adeguarsi automaticamente ai controlli effettuati e alle autorizzazioni concesse in altri paesi; e là - in Francia, in Germania - di controllare i pericoli insiti nel lavoro delle centrali atomiche, intervenendo e vagliando sul serio i processi e la tecnologia.


Per condividere l'articolo premi l'apposito pulsantino sotto il post

Fonte
alberto ha detto...

Non mi pare che un oncologo che risiede nella commissione sicurezza sul nucleare sia una cattiva idea... anzi! Poi sui meriti e demeriti di una persona si può discutere!

Nome

Email *

Messaggio *