Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 7 novembre 2010


Mentre nel nostro Paese non sono pochi i media caduti al livello di manifesti pubblicitari o strumenti d'attacco contro interessi concorrenti, dall'Algeria ci giunge un esempio che, pensiamo, debba farci riflettere non poco. Stiamo riferendoci ad "El Watan", tradotto dall'arabo "La Patria",  uno dei piu' affermati quotidiani algerini indipendenti, che in queste ore ha compiuto  20 anni di attività e che, per l'occasione, e' uscito in edicola con un numero speciale completamente dedicato alla sua storia.
Questo giornale si e'da sempre battuto per un'informazione libera e indipendente, operando in un contesto territoriale estremamente difficile, opponendosi decisamente al potere centrale e all'islamismo politico e riuscendo a sopravvivere alla censura e agli attacchi di temibili gruppi armati.
Attraverso una prima pagina  firmata dal noto vignettista algerino Hic, secondo il suo stile personale molto pungente, "El Watan" ricorda di essere nato sotto il presidente Chadli, l'8 ottobre del 1990, di aver sperato con Boudiaf, di aver resistito sotto Zeroual e di essere sopravvissuto a Bouteflika. Anche nei momenti piu' difficili e bui del paese algerino, dopo il blocco del processo democratico del 1992, con l'annullamento delle elezioni vinte dal Fronte islamico per la salvezza (Fis), e l'esplosione delle violenze dei gruppi armati di matrice islamica, ha scelto la via piu' difficile, ma certamente la più onorevole per un giornale ed i suoi giornalisti, per mettersi in contrasto con la classe di potere vigente  e contro i suoi tentativi di instaurare l'islamismo politico.

Per moltissimo tempo i collaboratori tutti di questo giornale sono entrati ogni giorno in redazione con la paura nello stomaco, senza sapere se quel giorno sarebbe stato l 'ultimo della loro vita per via di un improvviso attentato, con in mente ancora fresco il ricordo dei tanti giornalisti già assassinati,o dell'arresto di qualche collega.  Ricordiamo che nel decennio nero della guerra civile algerina, sono stati uccisi piu' di 100 giornalisti, oltre a uomini di cultura ed artisti. In molti sono dovuti fuggire   all'estero, soprattutto in Francia per cercare di sottrarsi alla repressione brutale del potere. Molti altri giornalisti e scrittori hanno subito la dura esperienza del carcere. "El Watan" è stato dunque un esempio di libertà ed indipendenza capace di offrire luce a molti giornalisti di ogni paese, sulla strada che porta al vero giornalismo e per questo è stato premiato dai suoi lettori: dai 24,3 milioni di copie del 1993, ha raggiunto nel 2009 la tiratura annua di 47,3 milioni, una media di 127.290 al giorno. Come si vede, successo ed indipendenza dei media camminano insieme.


Fonte

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi