Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

mercoledì 10 novembre 2010

Il regalo più gradito dalla gran parte delle ragazzine italiane dopo l’esame di maturità è un paio di seni siliconati. Sempre più spesso i genitori esaudiscono i desideri delle loro figlie. Infatti, con dei seni siliconati si può fare molta strada in Italia. Possono essere utilissimi per la foto da allegare al proprio curriculum, ad esempio. E agli esami universitari – quasi sempre orali – con quegli insegnanti noti per “squadrare le ragazze”. Ma, più di tutto, un bel paio di seni siliconati possono portare una giovane donna fino in paradiso. Cioè in tivù.
Molti conoscono ormai il formato standard della televisione italiana: un anziano in giacca e cravatta circondato da uno sciame di donnette mezze nude. L’abbiamo visto recentemente nel fantastico documentario di Erik Gandini, “Videocracy”. Lo stesso anno, nel 2009, è uscito un corto documentario per la tivù fatto da tre giornalisti italiani, “Il corpo delle donne”, ovvero il montaggio di scene di programmi diversi durante un giorno qualsiasi. Cose che si fanno vedere all’ora in cui i bambini tornano da scuola. Cose che si guardano all’ora di cena, con la famiglia riunita in cucina davanti alla tivù. Cose con le quali la mia nonna italiana di 91 anni si addormenta la sera seduta in poltrona.
In realtà sono cose viste e straviste, messe da parte con sdegno insieme a un sospiro di rassegnazione. Quando però le si guarda così, compresse come ne “Il corpo delle donne”, c’è da star male. Alcuni esempi presi dal film: una ragazza stretta in un vestito succinto viene rinchiusa in una gabbia trasparente sotto un tavolo, in funzione di gamba dello stesso; un conduttore dà uno scappellotto a una valletta e commenta: “non c’hai neanche il cervello”; una donna con addosso solo un paio di mutandine penzola da un gancio per prosciutti e riceve il marchio di approvazione sul sedere.
Dov’è finita la resistenza? Le donne italiane non sono certo famose per essere delle mammolette. Nonostante negli anni ’70 il movimento femminile fosse forte e vitale, a definirsi femministe oggi sono in pochissime. Chi prova ad indignarsi nei confronti dell’immagine della donna sui media viene subito etichettato come noioso moralista. Delle invidiose, ecco. È per questo che anche donne meno giovani ricorrono oggi ad un po’ di “lifting”. Serie giornaliste televisive con nasi miniaturizzati, labbra giganti e lineamenti del volto stirati al massimo.
Forse la resistenza verrà dalla letteratura? In primavera è uscito l’eccellente romanzo “Acciaio”, che tratta di due bellissime ragazzine tredicenni e di ciò che succede quando i riflettori dei maschi si dirigono verso i loro fiorenti corpi. Il romanzo ha vinto il prestigioso premio Campiello e l’evento è stato trasmesso in tivù. Quando la giovane scrittrice, Silvia Avallone, stava per ricevere il premio, il conduttore Bruno Vespa ha cominciato a gridare al cameraman: “Prego inquadrare lo spettacolare decolleté della signorina”.
È inevitabile provare nostalgia per la leggendaria attrice Anna Magnani, che durante le riprese del film di Pasolini ”Mamma Roma”, al momento del trucco per una scena, sbottò: “Lasciamele tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una, che ci ho messo una vita a farmele!”.


Per condividere l'articolo premi l'apposito pulsantino sotto il post

6 commenti:

PrimulaNera ha detto...

vorrei scrivere qualcosa di più inteligente, ma mi viene in mente solo un esclamazione: che schifo

irenep ha detto...

A me dispiace tantissimo questa cosa, ma la colpa è nostra perchè continuiamo a guardare questi programmi che mercificano il corpo delle donne... la colpa è dei genitori di queste ragazze perchè invece di imparare alle proprie figlie ad accettarsi come sono, preferiscono azzittirle comprandogli dei seni nuovi, come se fossero un paio di pantaloni firmati... ormai dove vogliamo andare? Speriamo che il processo evolutivo faccia presto il suo corso e soprattutto che ci preservi da una fine ignobile come quella ci si sta prospettando...

Anonimo ha detto...

Ma quando ci sara' la siliconatura del cervello?

Anonimo ha detto...

Vedete io ho solo 16 anni e sono stato fortunato a trovare anche una ragazza seria e a modo al mio fianco. Non sono per il femminismo assoluto, ne per il maschilismo...diciamo che per me queste sono solo "manifestazioni esuberanti" di quel che veramente è giusto.

Riferendomi però alla "siliconatura", alle "pupette senza cervello" che vorrebbero affermare nelle nostre menti con la tv e la "prostituzione assistita" che è insita nella nostra società rimango davvero indignato..
Quello che mi spaventa è il tempo che scorre inesorabile e che ci minaccia con il timore che tutto ciò possa andare avanti.
Io ho una sorellina piccola e la televisione è una forte influenza sulle menti più piccole...cosa sarà dei bambini di oggi? Cosa sarà anche dei nostri figli? E anche se noi li indirizzassimo bene come potrebbero salvarsi dall'urto che la società ormai plagiata da tutto questo gli darà?
E' davvero come un cancro lento ed inesorabile...è sempre stato così il mondo ma ora ha solo la possibilità di espandersi...

Anonimo ha detto...

La responsabilità di quello che si fa è personale,anche se derivano dalla "società".Quella in gioco non è la dignità delle donne,ma di quelle persone in particolare e della società tutta.
In questi giorni si sente sempre più spesso la lamentela verso il mondo maschile,mondo maschile che ha sempre teso a tenere coperte le donne invece che denudarle.
Ma allora che succede?Se gli uomini vogliono coprire le donne si sbagliano,se le vogliono scoprire pure...il corpo è mio e me lo gestisco io,questi sono i risultati.
Sembra un capriccio questo,perchè tutte le donne che vanno in tv nude,o che fanno il mestiere (dal mio punto di vista equiparabili) lo fanno per scelta loro,perchè è meglio prendere un sacco di soldi senza fare nulla,invece che lavorare ed impegnarsi.

Anonimo ha detto...

sono dell'idea che nn bisogna generalizzare ....è da bloccare chi lo fa per capriccio ....e senza un reale motivo che porta malessere ...

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi