Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

giovedì 18 novembre 2010

Cinque miliardi di euro all'anno per sostenere la Libia nella lotta all'immigrazione clandestina, Mediterraneo libero da flotte militari di paesi "non rivieraschi", ovvero gli Usa. L'accoglienza solenne riservatagli dal governo italiano e da Silvio Berlusconi non mitiga le richieste di Muammar Gheddafi che dal palco della caserma Salvo D'Acquisto, con al fianco il premier italiano, avverte l'Europa: "La Libia chiede all'Unione Europea che l'Europa offra almeno cinque miliardi di euro all'anno per fermare l'immigrazione non gradita, altrimenti "l'Europa potrebbe diventare Africa, potrebbe diventare nera".
Un intervento di circa 40 minuti, quello del leader libico ieri, contro poco meno di dieci impiegati da Berlusconi, per chiedere anche che il Mediterraneo, un "mare interno", proprio per questa caratteristica "deve essere libero da flotte militari degli Stati non rivieraschi". Da Gheddafi sono arrivate parole di condanna per "Mussolini, Graziani e Balbo", per i crimini commessi "dall'Italia fascista, non dall'Italia", e il riconoscimento del "coraggio di Berlusconi" che ha consentito la firma di un trattato cercato senza successo da anni. Al termine del discorso, Gheddafi ha ricevuto gli applausi della tribuna, con Berlusconi che lo ha abbracciato sollevandogli in alto il braccio.
Prima di lui il premier italiano ha replicato a chi, dall'opposizione ma anche dalla maggioranza (i finiani), ha criticato il rapporto di amicizia con il Colonnello: "E' un vantaggio per tutti che le relazioni tra Italia e Libia siano cambiate e siano cosí positive", ha sottolineato Berlusconi. "Chi non lo capisce, e in questi giorni ci sono state alcune critiche, appartiene al passato ed è prigioniero di schemi superati. Noi invece vogliamo guardare al futuro, per il bene dei nostri figli", ha attaccato Berlusconi replicando all'opposizione e ai finiani.
A sostegno della propria tesi, il premier ha aggiunto: "Quando due popoli ritrovano l'amicizia, questo avviene a vantaggio di tutti. E' grazie a questa amicizia che l'Italia ha potuto risolvere la crisi dei visti, ed è stato possibile contrastare la tratta dei clandestini dall'Africa all'Europa". Con la firma del Trattato di amicizia tra Italia e Libia, di cui si è celebrato il secondo anniversario, "abbiamo inaugurato una nuova era nei rapporti tra i due Paese e tra le sponde del Mediterraneo", si è "chiusa la ferita" del colonialismo" superando "il dolore e la tragedia" inflitta al popolo libico durante l'occupazione italiana:"Tutti dovrebbero rallegrarsene, perchè abbiamo chiuso una ferita e iniziato una nuova vita".
Dopo gli interventi dei due leader, le celebrazioni sono proseguite con una danza di un gruppo folkloristico libico, poi con l'esibizione di 30 cavalieri berberi. A seguire, il carosello del Quarto reggimento dei Carabinieri a cavallo, lungamente appluadito da Gheddafi e Berlusconi che hanno seguito tutta la cerimonia seduti vicini sul palco d'onore. Una lunga esibizione, terminata solo alla mezzanotte, dopo la quale Gheddafi e Berlusconi hanno raggiunto - con la limousine del leader libico - il vicino circolo ufficiali della caserma, dove si è tenuto un ricevimento per circa 800 invitati, tra cui numerosi esponenti del mondo politico, economico e finanziario, inizato circa a mezzanotte e mezza. Seduti al tavolo d'onore con Berlusconi e Gheddafi, l'ambasciatore di Tripoli, Abdulhafed Gaddur (che funge anche da interprete) e la delegazione libica, unitamente a quella italiana (accanto a Berlusconi, il ministro degli Esteri, Franco Frattini, quello della Difesa, Ignazio La Russa, dell'Interno, Roberto Maroni, e i sottosegretari Gianni Letta e Paolo Bonaiuti).

Clicca il pulsante sotto il post per condividere su Facebook o altri social network

5 commenti:

Anonimo ha detto...

sì cinque miardi, di mine anti uomo distribuite per bene sulle coste libiche.

Anonimo ha detto...

basta fare una bella sventagliata appena si avvicinano alle coste europee, come fanno gli spagnoli

Anonimo ha detto...

Ma cosa dite?!e se lo facevano ai fostri antenati che sono andati in america?e se lo fanno a voi?ma per favore....

Io Non Sono Anonimo ha detto...

3° Anonimo:

i nostri avi andarono in America ma non domandarono allo stesso tempo 5 miliardi allo stato Americano... all'epoca siamo stati un peso sotto il punto di vista dell'immigrazione ma non economico, qua invece ci dovremmo sorbire la perdita economica ingente per ritrovarci sommersi di merda... bello sto paese.
Si, dicono che col versamento di questa somma il tasso di immigrazione in Italia da parte della Libia scenderebbe, ma voi ci credete? Siete ancora disposti a credere a tutte le merdate che ci sparano in faccia giorno dopo giorno?

Anonimo ha detto...

non si può aiutarne 200 milione

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi