Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta esteri governo economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola immigrazione eurocrati facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria parentopoli Grecia germania siria banchieri inquinamento mario monti enrico letta marijuana big pharma napolitano nwo obama vaccini Traditori al governo? agricoltura ogm austerity sondaggio tecnologia Angela Merkel bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi PD terrorismo BCE clinica degli orrori equitalia privacy video nucleare prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo evasione fisco magdi allam moneta pedofilia usura FBI elezioni francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società troika Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon africa attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini m5s magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL Unione Europea aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri casaleggio cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 15 novembre 2010


Orientamento sessuale, convinzioni politiche, credo religioso, abitudini. Tutte queste informazioni, che spesso finiscono sul profilo di Facebook, Myspace o altri social network, possono essere usate contro gli stessi utenti. Sebbene la parola d’ordine del XXI secolo sia “condividere” è necessario sapere che c’è l’occhio di un Grande Fratello che ci spia superando le restrizioni per la protezione della privacy, spesso non sufficienti. Internet registra tutto e non dimentica niente. Ogni foto messa online, ogni aggiornamento del proprio stato, post o blog rimangono nell’archivio permanente del Web.
Una ragazza inglese è stata licenziata per aver scritto su Facebook, in orario lavorativo “Mi sto davvero annoiando”. Ad uno psicoterapeuta canadese è stato impedito l’ingresso negli Stati Uniti ed è stato bandito dal paese dopo che un guardiano di frontiera aveva scoperto, tramite internet, che il dottore aveva scritto per un giornale di filosofia un articolo su un esperimento fatto 30 anni prima con Lsd.
Questi sono alcuni dei numerosi esempi riportati dal New York Times, in un lunghissimo articolo che dimostra come le grandi reti sociali costituiscano una gigantesca sfera di cristallo dentro la quale guarda un pubblico esterno. Un enorme reality virtuale in cui azioni, parole, link, diventano la nostra scheda di presentazione.
I social network sono il nostro curriculum. Negli Stati Uniti, secondo un’indagine condotta dalla Microsoft, il 75% delle aziende fa ricerche online sui candidati, setacciando tutte le possibili fonti che possono rivelare qualsiasi tipo d’informazione. Il 70% di queste aziende ha confermato di aver respinto potenziali candidati per aver trovato conversazioni su bacheche, appartenenze a gruppi o semplicemente foto che non erano gradite.
Tutto questo sarà presto illegale in Germania. Il governo tedesco ha infatti deciso di intervenire con un progetto di legge per la protezione dei dati, che vieterebbe ai datori di lavoro di condurre ricerche nelle reti sociali sui vizi e le abitudini dei propri impiegati e di quelli futuri.
Si tratterebbe della prima legge che pone un limite a questa pratica ma la cui effettiva applicazione sarebbe complessa e difficilmente realizzabile. Il suo fondamentale intento però è quello di avvisare tutti coloro che sono alla ricerca di un lavoro di tenere in conto che il proprio profilo potrebbe essere esaminato e che ciò potrebbe avere delle conseguenze sul piano lavorativo. Per questo motivo, data la difficoltà nel verificare l’effettiva applicazione della legge, gli esperti affermano che l’unica soluzione per gli utenti è che, in modo individuale, si difendano da soli eliminando tutto ciò che potrebbe essere compromettente e pensando attentamente a cosa condividere con gli altri della propria vita privata e a cosa sarebbe meglio lasciare “segreto”.
Dalla privacy alla totale trasparenza: Facebook cambia politica. In diversi stati sono state avanzate numerose proposte per cercare di proteggere effettivamente la privacy del popolo dei social network. Mentre i governi si muovono in una direzione, alcuni social network, e non solo, vanno in quella opposta ossia verso la trasparenza piuttosto che verso la privacy.
Facebook ad esempio, è al centro di discussioni per la novità introdotta nell’area Richieste di Amicizia. Se prima infatti era possibile scegliere tra “conferma” o “ignora” ora quest’ultima opzione è stata sostituita dalla nuova formula “non ora”. Cliccandoci sopra, chi richiede l’amicizia viene posto in uno stato di limbo derivante dal fatto che l’amicizia non è né rifiutata né accettata. Questo stato incerto però non è così passivo dato che permette di visualizzare tutti i post pubblicati fino a quando la richiesta di amicizia non viene ufficialmente rifiutata. Questo accadeva già in precedenza nel momento in cui non si sceglieva tra le due vecchie opzioni. Con il tasto “non ora” Facebook gioca sul fatto che ci si dimentichi della richiesta che invece chi l’ha avanzata, continua a seguirci e rende più complicata la procedura per potersene liberare. Come Facebook ci sono anche altri casi in cui si cerca continuamente di trovare soluzioni nascoste che permettano di saperne di più sulla nostra vita privata.
Si dice spesso che in un’era permissiva si hanno infinite seconde possibilità. La verità è che, nella maggior parte dei casi, proporzionalmente al crescere della banca di memoria permanete del Web diminuiscono queste possibilità. Iniziano a mancare le opportunità di fuggire dalla lettera scarlatta segnata dal proprio passato digitale. Il social network, così, si sostituisce al gossip.
Il carattere di ciascuno non può essere mai giudicato da estranei sulla base dei profili su Facebook o di Google, può essere giudicato solo dalle persone vicine attraverso l’intuito e la comprensione. Nel frattempo però tutti devono imparare a vivere e sopravvivere nel migliore dei modi in questo mondo tecnologico che non dimentica niente. Per questo bisogna imparare a difendere e a salvaguardare la propria riservatezza.
Clicca il pulsante sotto il post per condividere su Facebook o altri social network

3 commenti:

Anonimo ha detto...

C'è un grosso problema alla base di tutto questo...l'ignoranza delle persone che hanno accesso ai sistemi informativi.

Moltissime persone non sono a conoscenza che Facebook (per rimanere in tema) ha un "pannello di controllo" che permette una severa restizione all'accesso da parte di altri utenti al proprio profilo on line, addirittura permette di selezionare tra le "amicizie" chi deve vedere cosa e chi no.

Per quanto riguarda l'occhio di un possibile "Grande Fratello", non c'è davvero bisogno di Facebook per dare alla mercè di tutti i nostri dati personali....un'utente medio di internet ogni volta che apre un browser ed effettua una navigazione, lascia dietro di se enormi tracce di dati personali senza nemmeno saperlo, dai gusti musicali ai gusti alimentari, dalle opinioni politiche a quelle religiose e via discorrendo...potrei elencarne a centinaia....

Il problema è che le persone spesso utilizzano strumenti a loro sconosciuti senza informarsi sul loro utilizzo e sui rischi che ci sono attraverso l'utilizzo degli stessi.

Internet è un modo molto affascinante ma racchiude in se molti rischi.

Non c'è bisogno di registrarsi ad un Social Network per lasciare on-line i nostri dati personali.......in molti, lo facciamo da anni, senza nemmneno saperlo.

Anonimo ha detto...

il problema più grosso è quando i tuoi responsabili hanno la tua amicizia su facebook e non ti senti più libero di scrivere nulla e magari ti accorgi che ti spiano anche!!!Mio Dio a saperlo prima non mi sarei mai creato un account visibile a loro!!e facebook diventa così un modo per spiarti e se sei in malattia attento a non scrivere loro sanno che sei malato d anche se stai morendo e vuoi magari rilassarti attento potresti essere frainteso..ti spiano!!!!

Anonimo ha detto...

Il fatto è che la gente "demente" dà l'amicizia ai propri responsabili e poi scrivono le peggio idiozie che vengono loro in mente....il problema non è facebook ma sono le persone che sono stupide.....MEDITATE GENTE....MEDITATE...non è sempre una congiura verso di noi...più spesso siamo noi ad usare in modo improprio certi strumenti....

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi