Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

venerdì 19 novembre 2010

Le motivazioni della sentenza che ha condannato il senatore PdL

Il senatore Marcello Dell’Utri avrebbe svolto una attivita’ di ‘mediazione’ e si sarebbe posto quindi come ‘specifico canale di collegamento‘ traCosa nostra e Silvio Berlusconi. Lo scrivono i giudici della Corte d’Appello diPalermo nelle motivazioni, depositate oggi e in possesso dell’ANSA, della sentenza con la quale Dell’Utri e’ stato condannato il 29 giugno scorso a sette anni di reclusioneper concorso esterno in associazione mafiosa.
SETTE ANNI DI RECLUSIONE – Sono 641 le pagine depositate in cancelleria dai giudici. Spiegano il perche’ della condanna di cinque mesi fa. Il parlamentare e’ stato condannato per i fatti avvenuti fino al 1992 e assolto per quelli successivi. Il collegio presieduto da Claudio Dall’Acqua, a latereSergio La Commare e il relatore Salvatore Barresi, gli hanno ridotto la pena dai nove anni subiti in primo grado a sette anni.
AGGANCIO’ BERLUSCONI – Per i giudici, Dell’Utri ‘ha apportato un consapevole e valido contributo al consolidamento e al rafforzamento del sodalizio mafioso‘. In particolare, l’imputato avrebbe inoltre consentito ai boss di ‘agganciare‘ per molti anni Berlusconi, ‘una delle piu’ promettenti realta’ imprenditoriali di quel periodo che di li’ a qualche anno sarebbe diventata un vero e proprio impero finanziario ed economico‘. Per questi motivi la Corte ritiene ‘certamente configurabile a carico di Dell’Utri il contestato reato associativo‘. Per i giudici il mafioso Vittorio Mangano fu assunto, su intervento di Dell’Utri, come ‘stalliere‘ nella villa di Arcore non tanto per accudire i cavalli ma per garantire l’incolumità di Silvio Berlusconi.
Per condividere su Facebook o altri social network utilizza l'apposito pulsantino sotto il post

2 commenti:

Anonimo ha detto...

sI PUO SAPERE DOVE SI TROVA ADESSO QUESTO "SIGNORE"?
E IN GALERA O AI DOMICILIARI???????????????????????????????

Anonimo ha detto...

è un capogruppo de PDL....

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi