Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 19 novembre 2010

Le motivazioni della sentenza che ha condannato il senatore PdL

Il senatore Marcello Dell’Utri avrebbe svolto una attivita’ di ‘mediazione’ e si sarebbe posto quindi come ‘specifico canale di collegamento‘ traCosa nostra e Silvio Berlusconi. Lo scrivono i giudici della Corte d’Appello diPalermo nelle motivazioni, depositate oggi e in possesso dell’ANSA, della sentenza con la quale Dell’Utri e’ stato condannato il 29 giugno scorso a sette anni di reclusioneper concorso esterno in associazione mafiosa.
SETTE ANNI DI RECLUSIONE – Sono 641 le pagine depositate in cancelleria dai giudici. Spiegano il perche’ della condanna di cinque mesi fa. Il parlamentare e’ stato condannato per i fatti avvenuti fino al 1992 e assolto per quelli successivi. Il collegio presieduto da Claudio Dall’Acqua, a latereSergio La Commare e il relatore Salvatore Barresi, gli hanno ridotto la pena dai nove anni subiti in primo grado a sette anni.
AGGANCIO’ BERLUSCONI – Per i giudici, Dell’Utri ‘ha apportato un consapevole e valido contributo al consolidamento e al rafforzamento del sodalizio mafioso‘. In particolare, l’imputato avrebbe inoltre consentito ai boss di ‘agganciare‘ per molti anni Berlusconi, ‘una delle piu’ promettenti realta’ imprenditoriali di quel periodo che di li’ a qualche anno sarebbe diventata un vero e proprio impero finanziario ed economico‘. Per questi motivi la Corte ritiene ‘certamente configurabile a carico di Dell’Utri il contestato reato associativo‘. Per i giudici il mafioso Vittorio Mangano fu assunto, su intervento di Dell’Utri, come ‘stalliere‘ nella villa di Arcore non tanto per accudire i cavalli ma per garantire l’incolumità di Silvio Berlusconi.
Per condividere su Facebook o altri social network utilizza l'apposito pulsantino sotto il post

2 commenti:

Anonimo ha detto...

sI PUO SAPERE DOVE SI TROVA ADESSO QUESTO "SIGNORE"?
E IN GALERA O AI DOMICILIARI???????????????????????????????

Anonimo ha detto...

è un capogruppo de PDL....

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi