Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 9 novembre 2010


Primo novembre, comunicato stampa del capo dipartimento della Protezione Civile: "Mentre proseguono le attività di raccolta dei rifiuti giacenti nelle strade di Napoli da parte di Asia - con il pieno utilizzo del termovalorizzatore di Acerra, che ieri ha smaltito 1598 tonnellate di rifiuti tritovagliati - il Dipartimento della Protezione Civile informa che, con le disposizioni adottate dal Presidente del Consiglio dei Ministri riguardo a Cava Sari ed a Cava Vitiello concordate con i sindaci dei 18 comuni dell'area vesuviana, viene a cessare il ruolo di affiancamento della protezione civile nazionale alle autorità locali nella gestione dello smaltimento dei rifiuti in Campania. La struttura militare guidata dal generale Morelli continuerà ad assistere la Regione Campania e la Provincia e il Comune di Napoli nella programmazione dei flussi per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani fino alla piena normalizzazione delle attività in corso e nell'opera di analisi, verifica e sistemazione della Cava Sari che viene assegnata come utilizzo ai comuni della fascia vesuviana".

Ad oggi le strade di Napoli e di tutta la provincia sono ricoperte di rifiuti, tonnellate e tonnellate di spazzatura lambiscono il territorio, seppellendolo. Il termovalorizzatore di Acerra funziona a singhiozzi: due dei tre forni sono guasti; si sono guastati bruciando rifiuti per i quali non sono stati costruiti, il tal quale, ed emettendo nell'aria ceneri tossiche. I fondi stanziati dalla Unione Europea per la gestione dei rifiuti in Campania sono spariti senza esser stati costruiti impianti adeguati ad una gestione legale dei rifiuti e senza aver attuato un ciclo integrato dei rifiuti; a conferma, una sentenza della Quarta Sezione contro il governo italiano in data 4 marzo 2010.


Per condividere l'articolo premi l'apposito pulsantino sotto il post

Fonte

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi