*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 29 novembre 2010

8.000 barre di uranio transitano sul nostro mare, nel silenzio generale...


Ha attraversato mezza Europa, la scorsa settimana: giunto in Slovenia, a Capodistria, e' stato poi trasferito su una nave diretta verso un sito segreto di "stoccaggio di scorie radioattive" in Russia. Il 24 Novembre la nave con ottomila barre d'uranio super radioattivo ha navigato nell'adriatico meridionale, mentre noi italiani non ne sapevamo nulla. La notizia si è diffusa, ed ha avuto scarso rilievo, solo mentre la nave transitava nelle acque territoriali italiane, diffusa dagli ambientalisti sloveni, e riportata prontamente in rete, sempre più preziosa, dai siti più sensibili a queste tematiche.
Il carico e' partito da Belgrado e, passando per l' Ungheria, ha raggiunto il confine Ungherese-Sloveno nella localita di Hodos Sabato scorso alle 21.00. Il lungo giro extra-europeo è stato necessario perché Ucraina e Croazia hanno negato il permesso di transito del pericoloso carico: gli Ucraini, di nucleare, ne sanno qualcosa... Giunto a Capodistria trasportato in contenitori speciali, lo scottante carico è stato imbarcato prontamente sulla nave. Una bomba ecologica dal potenziale distruttivo continentale ha transitato nel nostro Adriatico, nelle nostre acque territoriali, senza un minimo cenno su giornali e tv. Mentre le altre nazioni hanno fatto la classica "levata di scudi", il governo, evidentemente, ha tacitamente consentito il transito nel nostro mare di ottomila barre di uranio:  che sia dovuto alla "proverbiale" amicizia tra Putin e Berlusconi? Comunque, se succedeva un inconveniente, il disastro ecologico sarebbe stato praticamente irreparabile.

Un servizio di report sulle scorie radiattive

Condividi su Facebook
Anonimo ha detto...

Se fosse successo...se questo, se quello, se un terremoto, se un terrorista, se uno tsunami...troppi "se"...intanto il nulceare è la fonte energetica che causa meno morti per teraWattora di energia prodotta...

Nome

Email *

Messaggio *