Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

martedì 17 agosto 2010
Si chiamava Giuseppe Casu e faceva il venditore ambulante abusivo a Quartu S. Elena, un grosso comune nella cintura urbana di Cagliari. È l'ennesima vittima delle politiche "securtarie" tanto di moda tra le amministrazioni di ogni orientamento politico. La metafora della guerra torna di moda, anche per colpire quelli che di volta in volta vengono individuati come i nemici interni. Guerre agli "ambulanti", ai "clandestini", ai "drogati", agli "imbrattatori", e via discorrendo. Che si tratti poi di guerre reali, e non metaforiche, condotte con lo spirito e i metodi della guerra, ce lo dicono le vittimeche queste piccole guerre interne disseminano nelle nostre strade.Giuseppe Casu è una vittima della "guerra agli ambulanti abusivi" proclamata dagli amministratori del suo comune per il ripristino della legalità.

Inizialmente è stato perseguitato dalle guardie municipali che lo hanno tempestato di multe per più di un anno. Per motivi non chiari multavano quasi esclusivamente lui. Questa strana circostanza l'ha ammessa anche il vicesindaco, Tonio Lai, rispondendo in consiglio ad una interrogazione sulla vicenda. Poi però afferma che tutto è chiaro e non è necessario aprire alcuna inchiesta interna. Quasi un'aperta rivendicazione di quello che è successo.

Giuseppe Casu, benché preoccupato, tutte le multe che riceveva le ha pagate regolarmente e ha continuato a scendere in piazza a vendere verdura. Il 14 Giugno 2006 le guardie gli hanno contestano un verbale per la cifra stratosferica di 5.000 euro, una cifra che Casu non può a quel punto pagare. Il giorno successivo ad aspettarlo in piazza, oltre ai municipali, ci sono anche i carabinieri e persino la stampa, avvisata evidentemente dal comune. Tutto avviene molto rapidamente, le guardie municipali si avvicinano a Casu e gli notificano un altra multa, ancora 5000 euro, poi Casu viene aggredito davanti a tutti, buttato a terra e ammanettato dalle guardie. A questo punto spunta fuori un'ambulanza e un incartamento, firmato dal sindaco e da alcuni medici che Giuseppe Casu non lo conoscevano e non lo avevano mai visto prima. Le carte dispongono il Trattamento Sanitario Obbligatorio (ricovero coatto) di quest'uomo, giustificato con la sua "agitazione psicomotoria".

Magia delle parole, un'aggressione in pieno giorno diventa un "trattamento sanitario", la naturale e logica reazione dell'aggredito è definita "agitazione psicomotoria" e la violenza ci viene ancora una volta goffamente spacciata per "cura". Il contenzioso tra il venditore abusivo ed il comune si incaricano di risolverlo gli psichiatri.

"Sgombero forzato, se ne va anche l'ultimo ambulante", titola trionfalmente il giorno dopo L'Unione Sarda (il fogliaccio reazionario locale), in un pezzo chiaramente ispirato dall'amministrazione comunale. È vero il contrario, Casu non è l'ultimo ambulante di piazza IV Novembre, ma tutti gli altri, il giorno dopo la sua aggressione, preferiscono spostarsi nelle vie limitrofe. Colpirne Uno per educarne cento.

Nell'aggressione probabilmente Giuseppe Casu è stato ferito, ha una mano gonfia e tumefatta, probabilmente una frattura, tracce di sangue nelle urine. Nessuno si preoccupa però delle sue ferite nel reparto psichiatrico nel quale viene condotto, nessun accertamento, nessuna cura. Questi aguzzini che si spacciano per medici hanno un'unica preoccupazione: i "trattamenti di contenzione", come li chiamano loro. I familiari, avvisati con grande ritardo di quanto era accaduto, trovano Giuseppe Casu legato mani e piedi a un letto e imbottito di psicofarmaci, rimarrà in questo stato, ininterrottamente per sette giorni, fino alla sua morte, avvenuta il 22 giugno per "tromboembolia-venosa". Lo hanno ammazzato loro.

Come descrivere il "trattamento" che ha dovuto subire quest'uomo? Non si trovano le parole, forse tortura è l'espressione più adatta. Mi viene in mente quel passo di Marcuse: "Coloro la cui vita rappresenta l'inferno della Società Opulenta sono tenuti a bada con una brutalità che fa rivivere pratiche in atto nel medioevo e all'inizio dell'età moderna" (da "L'uomo ad una dimensione"). Oltretutto ciò che Giuseppe Casu ha subito non è eccezionale né raro, è la normalità, la pratica quotidiana in un reparto di psichiatria come quello di Is Mirrionis a Cagliari.

Come in innumerevoli altri casi la sua fine sarebbe passata inosservata, nessuno indaga su casi come questi. Una serie di fortunate circostanze l'ha impedito: la famiglia non si è voluta rassegnare, il caso è stato conosciuto, sollevato pubblicamente, ora si è anche formato un comitato, tutte cose che gli assassini di Giuseppe Casu non si aspettavano, abituati come sono ad agire nella totale indifferenza e nell'impunità.

In seguito a queste denunce la Asl competente ha persino aperto una inchiesta interna scoprendo l'ovvio, e cioè che quest'uomo non è stato curato e anzi ha subito quelle che loro definiscono pudicamente come
"pratiche inaccettabili". L'inchiesta accerta anche che queste stesse "pratiche" vengono utilizzate sistematicamente nel reparto e si conclude però, naturalmente, senza che sia individuata nessuna responsabilità né richiesto nessun provvedimento concreto. C'è però, per il futuro, il proponimento di riformare il reparto e cambiare i "protocolli". Come dire: "si, è vero, siamo stati noi, però, credeteci, d'ora in poi saremo più bravi e non lo faremo più".

Ci tengo a raccontare questa terribile storia anche perché non penso si tratti di un caso singolare e raro, ma, al contrario, mi sembra una vicenda suo malgrado esemplare.

Veniamo educati all'idea che al mondo ci siano competenze e responsabilità differenziate, garanzie, separazioni di poteri, etc. Che ci siano politici che si occupano dell'amministrazione pubblica, guardie che tutelano "l'ordine pubblico", medici che curano, magistrati che giudicano il cittadino e che lo tutelano anche dagli "abusi di potere", e così via discorrendo.

Poi ti affacci nel mondo reale e ti accorgi che la realtà e ben diversa e che tutti i poteri collaborano a individuare il nemico e a colpirlo con i mezzi più diversi. Un meccanismo ben oliato, una logica di Guerra.

Guerre condotte in nome di un principio astratto di "legalità", per sostenere il quale si calpestano le più elementari esigenze di giustizia sociale e di solidarietà umana. Guerre condotte nel nome della "sicurezza", ma sicurezza per chi? A questa domanda ha dato una risposta esemplare l'assessore alle politiche sociali di Quartu, tale De Lunas. In un'assemblea popolare, per giustificarsi delle politiche di guerra all'abusivismo, costata la vita a Giuseppe Casu, così si esprime:"La gente si lamenta, non si trova parcheggio, i bottegai che vendono la verdura in negozio si lamentano della concorrenza...". Mostri. Nel nome della loro legalità bottegaia non abbassano lo sguardo nemmeno di fronte all'omicidio, convinti come sono che le loro politiche securitarie, alla fine, da un punto di vista elettorale, paghino.

Cosa dire infine della psichiatria? Cosa dire di questa pratica che pretende ancora di essere considerata scienza medica, ma che poi viene utilizzata dal potere come un brutale strumento di repressione? La sua è
una storia tragica e criminale, ha ammesso nel passato metodi di "cura" quali le mutilazioni cerebrali (lobotomia), lo shock insulinico (stato di coma indotto da iniezioni di insulina), la distruzione psicofisica dei
pazienti attraverso la segregazione a vita nei manicomi. Tutte pratiche attuate contro la volontà dei pazienti e definite a suo tempo innocue. In ogni epoca poi la psichiatria ha rinnegato se stessa, ha abbandonato con orrore quello che qualche decennio prima veniva spacciato come "cura", ha adottato nuove pratiche definite a loro volta "innocue" (oggi vanno di gran moda elettroshock e psicofarmaci) e che in realtà comportano sempre gravi rischi per la salute. Sono cambiati gli strumenti e le pratiche ma
la psichiatria non ha mai abbandonato, unica tra le discipline mediche, la pretesa di curare i suoi "pazienti" con la forza e contro la loro volontà. Pseudo-medici che svolgono una funzione disciplinare e di controllo, più che di "cura". Tutto questo si legge con una evidenza abbagliante nella tragica vicenda di Giuseppe Casu.

Ora nel nome di quest'uomo e per tutte le altre vittime senza nome di simili nefandezze, si è formato un comitato, lo si può contattare all'indirizzo elettronico com_sgc@yahoo.it, spero avrete presto sue
notizie. Gli assassini di Giuseppe Casu non devono dormire sonni tranquilli.

Massimo Coraddu
(Articolo pubblicato su Umanità Nova, n 33 del 22 ottobre 2006, anno 86)


Il blog del figlio di Giuseppe Casu:



0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi