Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

martedì 28 febbraio 2012
Doveva iniziare il primo marzo a Mantova ma subirà un rinvio, per l'impedimento di un tecnico di parte civile, il processo a Patrizia Moretti e ad alcuni cronisti ferraresi denunciati per diffamazione dalla pm Mariangela Guerra, quella di turno all'alba del 25 settembre 2005 quando il figlio di Patrizia, Federico Aldrovandi, incappò nel misterioso e violentissimo "controllo" di polizia nel quale fu ucciso.

Aveva 19 anni e stava solo tornando a casa a piedi dopo una notte in discoteca. Ci sarebbe voluta una faticosissima indagine difensiva - una sorta di controinchiesta da parte dei familiari del ragazzo e dei loro legali - perché i quattro agenti fossero condannati in primo e secondo grado per eccesso colposo nell'omicidio colposo. Per il 21 giugno è prevista la sentenza di Cassazione a mettere la parola fine al filone principale del clamoroso caso di "malapolizia" che, tra i vari strascichi, ha visto altri quattro tra colleghi e superiori dei quattro agenti finire alla sbarra per aver contribuito a depistare le indagini di quella domenica mattina.
Intanto, però, c'è quest'altro processo che ribalta le posizioni e prova a inchiodare la madre coraggio grazie alla quale si riaprì un caso dopo cento giorni di silenzio assordante e il tentativo di processare lo stile di vita della vittima anziché gli abusi della polizia. La querela della pm arriva nel 2010 dopo le sentenze sui depistaggi che, probabilmente, le impedirono di impostare correttamente le indagini.

Però, tra gli articoli "alla sbarra" ci sono anche quelli sul caso Bad Boys, rampolli della Ferrara-bene, tra cui il figlio della pm, accusati di spaccio. All'epoca ci fu chi tentò un collegamento tra quell'inchiesta e la lentezza del caso Aldrovandi fino alla rinuncia della pm nel febbraio 2006. E forse la pm vuole sciogliere proprio quel nodo. Ma proprio quei tre mesi opachi potrebbero essere illuminati dal nuovo procedimento all'apparenza paradossale. In aula con Patrizia ci saranno anche giornalisti della Nuova Ferrara: il direttore Paolo Boldrini, il giudiziarista Daniele Predieri e Marco Zavagli, collaboratore esterno, direttore del quotidiano on-line Estense.com. Quest'ultimo non è l'autore di uno degli articoli contestati, scritto invece dalla giornalista Alessandra Mura ma la procura di Mantova e la gup che ha deciso il processo sostengono che sarebbe lo pseudonimo usato da Zavagli.
La pm Guerra si costituirà parte civile ma solo nei confronti del quotidiano La Nuova Ferrara e non di Patrizia Moretti, chiedendo ai giornalisti un risarcimento almeno di 300mila euro più 1 milione e mezzo di danni nel processo civile in corso ad Ancona. Guerra, che quella mattina - forse depistata dagli agenti accorsi - non si presentò sul luogo del delitto, è convinta di essere stata oggetto di una «campagna denigratoria e diffamatoria».
Tra i testimoni a Mantova, le difese hanno messo in lista i giudici Francesco Caruso, Monica Bighetti, il pm Nicola Proto, gli ex procuratori capo Severino Messina e Rosario Minna, il giudice d'appello Luca Ghedini. Anche il sindaco estense Tiziano Tagliani, nella veste di avvocato, così come don Domenico Bedin e Anne Marie Tseguaeu, testimone della colluttazione tra Federico e gli che proprio Tagliani assisterà nella delicatissima fase della sua presa di parola, unica testimone - terrorizzata per eventuali ritorsioni - nella "zona del silenzio" ferrarese.
Per Articolo 21 e per il sindacato dei giornalisti il processo altro non sarebbe che un attacco alla libertà di stampa. «Amaramente penso che chi querela le vittime non cerchi giustizia, ma affermazione di potere», scrive Patrizia nel suo blog, quello da cui scaturì la campagna di controinformazione decisiva per l'impulso alle nuove indagini. La donna ha avuto già diverse querele anche da parte dei responsabili della morte di Federico. Tutte archiviate. Fino al processo di Mantova deciso con una rapidità irrituale. Anche il questore dell'epoca altri pezzi della polizia si sono dedicati negli anni a inseguire, denunciare, intimorire i frequentatori del blog con un'energia che avrebbe meritato altri obiettivi. «In molti - dice ancora Patrizia - per la paura di un processo hanno patteggiato e pagato loro dei soldi. La gente normalmente teme i Tribunali, si sa. I miei avvocati hanno dovuto rispondere al loro Ordine per richiami partiti dal vertice della Procura ferrarese. La stessa procura che chiese l'identificazione dei giornalisti (tra cui questo cronista, ndr) e dei direttori di quelle testate che parlavano del caso Aldrovandi». «Quasi non riesco neanche più ad essere arrabbiata, sono soprattutto triste, delusa, affranta da tutto questo. Ma questo è niente rispetto all'assenza di Federico - si legge ancora nel post - ma che cosa si vuole dimostrare con questa querela? Ormai tutti sanno come sono andate le cose. E' scritto su almeno 3 sentenze e in 6 anni di cronaca». «In molti - dice ancora Patrizia - per la paura di un processo hanno patteggiato e pagato loro dei soldi. La gente normalmente teme i Tribunali, si sa. I miei avvocati hanno dovuto rispondere al loro Ordine per richiami partiti dal vertice della Procura ferrarese. La stessa procura che chiese l'identificazione dei giornalisti (tra cui questo cronista, ndr) e dei direttori di quelle testate che parlavano del caso Aldrovandi». «Quasi non riesco neanche più ad essere arrabbiata, sono soprattutto triste, delusa, affranta da tutto questo. Ma questo è niente rispetto all'assenza di Federico - si legge ancora nel post - ma che cosa si vuole dimostrare con questa querela? Ormai tutti sanno come sono andate le cose. E' scritto su almeno 3 sentenze e in 6 anni di cronaca».

fonte



1 commenti:

Anonimo ha detto...

Mariangela Guerra...e meno male che sei un pm...mi viene da chiedere...ma figli non ne hai?...

Pace a Federico e sua madre!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi