martedì 18 febbraio 2014

RADIOATTIVITA’ NELL’ARIA: ESPERIMENTI MILITARI



di Gianni Lannes


I padroni del mondo, senza scrupoli hanno fatto impazzire prima il clima; ora stanno lobotomizzando gli umani e sono già riusciti a fare in modo che gran parte dei popoli ami la propria schiavitù.  

La troposfera - che si estende nel cielo da 10 a 50 chilometri - lo strato più denso a contatto con la superficie terrestre, è imbottita di inquinanti radioattivi, frutto degli esperimenti bellici della guerra fredda - mai terminata - targata USA & URSS.

Di recente l’università di Losanna - a cura dei ricercatori   J. A. Corcho Alvarado, P. Steinmann, S. Estie, F. Bochud, M. Haldiman, P. Froidevaux - ha effettuato nei cieli elvetici delle analisi approfondite. Le misurazioni scientifiche hanno mostrato elevate concentrazioni di plutonio e cesio, addirittura fino a 1000 volte più alte che al livello della superficie terrestre. 


Questi dati hanno mostrato che nell’atmosfera sono rimaste intrappolate numerose particelle radioattive di origine artificiale, conseguenza nefasta dei test nucleari condotti dalle due superpotenze, fino ai giorni nostri. C'è rischio, si corre pericolo? I mass media controllati dal sistema di potere dominante che ha innescato questo tipo di aggressione contro la Natura e a danno degli esseri umani, ovviamente minimizzano, mentre i negazionisti più o meno prezzolati sparano menzogne a raffica.




I ricercatori svizzeri sono convinti che la situazione sia identica ovunque, nel globo terrestre. Oltretutto, eventi catastrofici come le eruzioni vulcaniche possono far precipitare questi isotopi radioattivi nelle fasce basse dell’atmosfera.

La realtà è un'altra: la realtà non è quella che ti impone la televisione, non è quella che ti raccontano i giornali, non è quella che trasmette la radio. Basta squarciare il velo delle apparenze per rendersene conto. E’ in atto un esperimento su scala globale contro l’umanità, decollato a Washington nel 1943 con il memorandum Groves. Già Teller aveva teorizzato e sperimentato per conto dello zio Sam, l'uso della bomba nucleare per il controllo del tempo atmosferico.

I governi USA, Gran Bretagna e URSS dagli anni '50 in poi hanno sperimentato gli effetti nucleari sui rispettivi popoli. E in parte l'hanno anche ammesso (vedi il presidente Clinton), o sono stati smascherati dal giornalismo indipendente nel Regno Unito. 
  http://csat.au.af.mil/2025/volume3/vol3ch15.pdf

Le cosiddette scie chimiche (un nome inventato dall'USAF), non sono che l’ultimo anello visibile della catena di morte. Durante il letargo della ragione, date un’occhiata a questi documenti ufficiali.


























Fonte: sulatestagiannilannes.blogspot.it
 

Nome

Email *

Messaggio *