venerdì 6 dicembre 2013

Il ruolo degli Stati Uniti nel narcotraffico globale

Nel 1890, Alfred Marshall ha formulato la legge della domanda e dell'offerta - il consumatore ha i soldi e vuole comprare qualcosa, il produttore ha la merce e vuole venderli. Il prezzo del prodotto è formato a seconda del rapporto tra domanda e offerta. Qualsiasi narcotrafficante conosce questa legge, che è la base materiale e ideologica della sua esistenza."OK, allora", dice uno spacciatore di droga. "Così ho smesso di fare il lavoro sporco, e mi impegnerò in forniture all'ingrosso di olio di girasole, e allora? I miei clienti dovranno semplicemente andare dal mio concorrente, e nulla cambierà. "

In breve, il problema è con i tossicodipendenti. Creano la domanda. Tutti gli altri sono semplicemente l'incontro alle esigenze dei consumatori. Nessuno obbliga questi consumatori ad utilizzare tutta questa spazzatura - giusto?

C'è un avvertimento qui. Né Ecstasy, né l'LSD e neppure l'eroina, cresce liberamente in natura o si formano come depositi nelle grotte. Essi sono stati tutti sviluppati in modo perfettamente legale, nei laboratori, costruiti con soldi da aziende farmaceutiche, e anche da fondi pubblici. Prima del loro aspetto, come i farmaci contro malumori e raffreddori, la domanda per loro era semplicemente inesistent. Inizialmente, è stata creata l'alimentazione. L'ecstasy è stata diffusa alle masse attraverso locali notturni con rave e altri elementi della cultura per i "liberi individui" storditi. Ricordate come la marijuana e l'eroina siano diventate di moda. Sono entrati con il pretesto della musica.

Il percorso dell'ecstasy è stato il seguente (nessuno è stato costretto a usarlo, questo è sicuro). In primo luogo, Alexander Shulgin, un dipendente della Dow Chemical, un biochimico e farmacologo aveva "testato una sostanza" inventato da Anton Kelish (dipendente di Merck) - la droga MDMA. Ha trovato questo farmaco essere eccellente e ha cominciato a pubblicizzarlo tra i suoi amici nella comunità scientifica. Ovviamente, egli periodicamente ha sperimentato anche gli effetti delle sostanze psicoattive. I praticanti, psicoterapeuti, su raccomandazioni della comunità scientifica, hanno cominciato a utilizzare questo farmaco nella loro pratica. Hanno detto ai pazienti qualcosa come: "Butta via tutte le paure in testa, ti darò l'ultimo farmaco e tutti i tuoi malumori scompariranno in soli cinque minuti."

Nel frattempo, MDMA, alias Ecstasy, nel 1950 è stato testato nell'esercito degli Stati Uniti, sugli animali naturalmente, o su quelli che i generali americani considerano come animali. Ovviamente, i soggetti dell'esperimento hanno anche scoperto la droga essere eccellente. Senza ampi studi clinici, si sa, nessun farmaco può entrare in circolazione, e al Pentagono lavorano persone molto serie. Nei primi anni 80', le proprietà di questo nuovo farmaco miracoloso sono stati strombazzati dalla stampa libera, e l'estasi divenne uno dei migliori amici della gioventù americana. Nel 1985, la US Drug Enforcement Administration ha vietato l'MDMA. Alla fine, questo doveva essere fatto, e lo hanno fatto - ma la domanda era già stata creata.

Se si sostiene che né le agenzie governative degli Stati Uniti né le aziende farmaceutiche siano coinvolte nello sviluppo e nella promozione di ecstasy, allora non siete semplicemente interessati a nulla, o, nel corso degli ultimi 20 anni, hai studiato il comportamento dei pinguini che non hanno mai lasciato l'Antartide .

Con le imprese farmaceutiche, in linea di principio, tutto è chiaro. Questi sono predatori capitalisti, pronti a incassare su qualunque cosa, compresa la salute umana. Tuttavia, come può il governo degli Stati Uniti, questo bastione della libertà, umanesimo e tutti i tipi di democrazia, essere impegnato nel traffico di droga? C'è il sospetto che  in grandi volumi, questo traffico valga centinaia di tonnellate e miliardi di dollari.

Non ci addentreremo a scavare di nuovo in quei giorni celesti quando l'Impero britannico vendeva oppio in Cina. Questo commercio si è conclusa con l'avvento al potere del PCC e il compagno Mao Zedong. Povera, infelice, l'Inghilterra ha sofferto crudelmente, guardando il tormento dei tossicodipendenti nelle carceri cinesi, ma per aiutarli, ahimè, non ci riuscì. I comunisti hanno le loro proprie idee circa i bisogni della classe operaia e operatori culturali. E 'possibile che parte di questa ideologia comunista fosse la vera ragione per l'invasione del Vietnam dall'esercito americano.

Sì, il governo degli Stati Uniti non mentiva quando diceva che stava cercando di fermare la diffusione del comunismo in Indocina. Vale a dire, il tenente Jones ha dovuto prendere il fucile e andare a migliaia di chilometri da New Jersey e uccidere i vietnamiti, perché i comunisti sono cattivi e leggevano libri scritti da Karl Marx.

La domanda - "Che cosa cercavano gli americani quando sono entrati nel povero Vietnam? - Questa domanda rimane ancora senza risposta in studi politici contemporanei. Nel frattempo, la risposta è semplice. Il comunismo è infatti una ideologia espansionista, e il vietnamita era un combattente coraggioso e intelligente. Il problema a quel tempo era questo.

Che ne sai tu del cosiddetto "Triangolo d'oro"?

Dopo che  l'Afghanistan raggiunse la capacità di progettazione per la produzione di oppio ed eroina, la gente si dimenticò del "Golden Triangle". Oggi, questa regione ha perso la sua importanza, però, perché così all'improvviso? Bene, eccolo qui. Il "Triangolo d'Oro", è una zona geografica situata tra le montagne al confine di tre paesi del Sud-Est Asiatico - Thailandia, Myanmar e Laos.Qui un tempo, veniva prodotta una quantità enorme di eroina venduta nel mondo.

E ora immaginate questo, nelle immediate vicinanze di questo tesoro, farcito con centinaia di miliardi di dollari, c'è un duro regime comunista, ostile non solo alla borghesia, ma anche per il traffico di droga. Che collisione!

La gente nel "Triangolo d'oro" viveva come in una colonia. Raccolta e produzione di oppio ed eroina è nelle mani di signori locali. Ma chi era dietro a tutto questo, e controlla tutto questo, non era chiaro. Vale a dire, qui vi era una pura democrazia di libero mercato, finché, nelle immediate vicinanze delle piantagioni, è venuto lo spettro incombente del comunismo. In primo luogo, il governo sud-vietnamita ha cercato in maniera indipendente, con il supporto tecnico da parte degli Stati Uniti, di seppellire questo flagello. Tuttavia, quest'ultimo era terribilmente tenace. E poi sulla scena arrivò il vero proprietario di questo fiore giardino - gli Stati Uniti. Il 2 Agosto 1964 nel Golfo del Tonchino si è verificato il primo incidente armato, uno scontro tra le navi degli Stati Uniti e Vietnam del Nord Marina. La guerra era cominciata.

L'esercito americano ha ricevuto ordini dal presidente del paese. I presidenti degli Stati Uniti sono persone estremamente rispettabili - non sanno nulla di droga e non hanno mai provato la marijuana. Essi sono santi. Sono i 'loro generali che fanno male e sono inclini alla corruzione'.

Come viene consegnata l'eroina agli USA dal "Triangolo d'oro"? Non ci crederai, ma tutti coloro che vogliono davvero conoscere questa verità, sanno che questo trasporto viene fatto con aerei militari della US Air Force. Nel 2007, il film di Ridley Scott, il gangster americano, descrive in dettaglio l'organizzazione su larga scala dell'offerta di eroina all'ingrosso dai territori delle basi aeree americane ai piccoli grossisti e poi giù fino ai piccoli dettaglianti. Il film è prodotto e basato su eventi reali.

In Russia, si è soliti citare studi specifici, mentre negli Stati Uniti i blockbuster hollywoodiani. Quindi, si procederà ora come la libera stampa americana. Secondo il film, le balle di eroina sono state trasportate dal Vietnam agli Stati Uniti su aerei da trasporto, e poi piccoli commercianti all'ingrosso della mafia venuti a ritirare le forniture direttamente sul territorio delle basi militari, poi confezionati questi "beni" in piccolo contenitori in fabbriche sotterranee per poi diffondere l'eroina ai tossicodipendenti attraverso la rete di vendita al dettaglio.

Il film American Gangster ha ricevuto due premi Oscar, e Ridley Scott è stato citato in giudizio per aver diffamato l'esercito e il governo degli Stati Uniti.

La via della droga...
Se il "Golden Triangle" si fosse rivelato essere l'unica area al mondo adatto per la coltivazione del papavero da oppio, la guerra del Vietnam avrebbe probabilmente preso una piega completamente diversa. Ma questa volta il mondo ancora una volta è riuscito a evitare un altro piccolo bombardamento nucleare. Per la gioia di tutti coloro che beneficiano dei profitti del traffico di droga dal papavero da oppio che cresce in molti angoli remoti in tutto il pianeta. Questi angoli sono abitate da poveri e, quindi, da popolazione non molto esigenti. Inoltre, gli oppiacei non sono l'unico modo per i tossicodipendenti di ritirarsi dalla realtà abominevole.

Gli Stati Uniti hanno ritirato le proprie truppe dal Vietnam nel 1973, e fino al 1975 i comunisti del nord stavano cercando di finire il regime fantoccio di Saigon, ma quali cambiamenti porterebbe in linea di principio? Che sia stata per coincidenza o no, ma negli anni '70-'90 del secolo scorso i cartelli sudamericani della cocaina hanno ampliato le loro attività. Questa espansione è stata accompagnata da accordi di chitarra elettrica incoraggianti (beh, chi non ricorda Cocaina e Nazareth?) E le promesse stridenti dell'amministrazione degli Stati Uniti per porre fine a tutte queste sciocchezze. Nel frattempo, Hollywood ha alzato la posta in gioco e ha deciso di chiarire nel dettaglio la lotta di classe dei Muchacos contro alcuni agenti di polizia americana incorruttibili. Diverse personalità della cultura pop si affrettarono a confessare la dipendenza da cocaina, mentre la morte di alcuni di loro attraverso l'overdose è diventata una leggenda della musica rock.

Aereo della CIA precipitato in Messico con 3,7 tonnellate di Cocaina a Bordo
La storia epica della nascita, lotta e morte del cartello di Medellín è ben nota. Nel periodo dal 1970 agli anni '90, ha praticamente monopolizzato la produzione di cocaina in Colombia. E ciò che è importante qui è questo. Qualsiasi monopolio ha generato superprofitti garantita da prezzi elevati, e la seconda causa di questa impennata dei prezzi è stato causato dalla mancanza di concorrenza.

Un giorno, i leader del cartello della droga hanno deciso di rivendicare i loro diritti per più di un semplice controllo tecnico sulla raccolta e il confezionamento di cocaina grezza. Hanno iniziato a comprare attivamente  personaggi pubblici e politici. In America Latina, come è ben noto, la morale di questi ultimi è molto semplice e senza complicazioni. Se vengono offerti soldi, li prendono, e poi promettono alle elezioni che verranno presi tutti i trasgressori della corruzione. E' ovvio che, in un certo senso, Escobar e il suo gruppo stavano proteggendo i loro investimenti.

All'amministrazione della Casa Bianca non piaceva nulla di tutto ciò, così nel 1984 ha deciso di dichiarare una "crociata" contro l'impero del male della cocaina. Decise di sfidare il cartello.

In risposta alle iniziative strategiche del governo statunitense, i cani selvaggi del cartello di Medellín non sono stati a guardare, con la coda tra le gambe. In questo modo il cosiddetto "triangolo andino" fu trasformato per alcuni anni in un inferno vivente in cui la vita di un essere umano valeva assolutamente nulla. Dai primi anni del 1990, la "guerra della cocaina" era generalmente terminata con la vittoria incondizionata della democrazia. Tutti i capi del cartello di Medellín erano stati uccisi o arrestati. E allora? Vuol dire che i servizi segreti americani misero in atto una protezione sicura contro il flusso di cocaina che stava portando la droga a tonnellate nei loro territori degli Stati Uniti? Niente affatto.
Agenti della CIA coinvolti nel traffico di droga.

Secondo la ricerca condotta da Yuri Latov (Ministero degli Affari Interni), la dinamica dei prezzi al dettaglio della cocaina dimostra che l'efficacia della guerra con il cartello è stata discutibile: nel periodo 1984-1988, un chilo di cocaina è diventato cinque volte più conveniente negli Stati Uniti - il prezzo è scesa da 300 mila dollari al chilo a 60 mila. Durante questo periodo, questo tipo di droga è diventato molto più accessibile negli Stati Uniti rispetto a prima. Come è stato possibile? Hanno interrotto la fornitura e la penuria di merci ha portato a prezzi più bassi? Questo non è possibile.

Una letteratura esperta su questo argomento contiene una spiegazione - Washington "voleva il meglio, ma si è rivelata come sempre", in altre parole, a un certo punto un errore di calcolo è stato fatto, l'uomo sbagliato è stato ammazzato e quello giusto no - "ma abbiamo combattuto, l'abbiamo fatto no?".

Oh sì, la CIA ha combattuto, questo è sicuro.

Come è stato sottolineato in precedenza, il monopolio del cartello di Medellín negli anni '70-'80 del secolo scorso ha causato l'impennata dei prezzi  negli Stati Uniti, e questo fattore è stato limitato con la diffusione dei farmaci e la riduzione della base clientelare. E a che cosa ha portato la distruzione dei cartelli?

Yuri Latov osserva che, entro la fine del 1990, una situazione paradossale stava emergendo nel triangolo andina: quasi tutti i più importanti trafficanti di droga erano o in prigione o erano stati uccisi, ed ancora il flusso di esportazione di cocaina non era diminuito, e le piantagioni di questa coltura non avevano ridotto la loro produzine. Tuttavia, non è paradossale affatto. Questo è il modo di regolamentazione dei prezzi di mercato introdotto nelle società soggette a giunte e monopoli. Banditi barbuti sono stati sostituiti da impiegati che indossano camicie bianche e che trasportano computer portatili. Questo si chiama civiltà, e questa è la differenza dall'illegalità criminale.

Qualcuno può dire che l'attività della CIA sia stata inefficace? Niente affatto. È chiaro che il risultato voluto è stato ottenuto. Un prodotto di alta qualità ad un prezzo accessibile - che è la perfezione nel campo dell'economia di mercato. Se Pablo Escobar non avesse praticato tanto le sparatorie ed omicidio ma avesse studiato i principi dell'economia di mercato, invece, avrebbe cambiato radicalmente la sua strategia aziendale e avrebbe vissuto molto più a lungo.

La storia del cartello colombiano è solo uno degli episodi in cui l'agenzia governativa americana è sta coinvolta nei paesi dell'America Latina.

Agenzie investigative del governo USA avrebbero visto coinvolti ufficiali della CIA nell'importazione di Cocaina in America.

Non sarebbe molto esagerato dire che, nei governi latinoamericani, ci sono probabilmente tanti ufficiali della CIA quanti a Langley. Ad esempio, cosa è successo al generale Noriega? Ha usato l'essere un agente della CIA per ricevere soldi da essa. Il generale fu insignito dell'Ordine Nazionale della Legione d'Onore da parte della Francia, e comprò immobiliare in quel paese. Il Direttore del Foreign Policy Research Institute di Philadelphia Harvey Sicherman assicura: "La CIA respinse i suoi servizi, quindi Noriega iniziò maltrattare i cittadini americani a Panama. Allo stesso tempo, ha continuato a trafficare in stupefacenti e armi. Pertanto, il Presidente Bush (senior) lo rimosse dal potere con la forza militare. "

Vedete? Basta pensarci. La CIA ha respinto i servizi del generale, ma lui ha continuato ad essere impegnato nel traffico di armi e droga, cioè, egli continuava a fare ciò che era solito fare durante il suo servizio per Washington. Ma possiamo capire il generale, no? Bush (senior) licenziò tutto il personale della CIA dedicato, ma il generale dovette continuare a guadagnare soldi nel modo in cui lui era abituato.

Qual è la vita di un ex di agente della CIA in prigione?

Harvey Sicherman sostiene che sono state create le condizioni particolarmente favorevoli per il generale Noriega in carcere per impedirgli di parlare troppo, perché questo uomo sapeva davvero troppo. Per impedirgli di parlare di cosa? Sicuramente non delle sua attività con i servizi segreti cinesi?

Vedete?

Il 15 novembre 1996 Michael Ruppert - un ufficiale della divisione anti-droga a Los Angeles (dove aveva lavorato 20 anni) - ha fatto una dichiarazione pubblica di fronte al direttore della CIA John Deutch e ha accusato l'organizzazione guidato da parte di quest'ultimo di trasportare droga sul territorio degli Stati Uniti. Un mese dopo, John Deutch lasciato il suo posto di lavoro. No, il direttore della CIA non aveva trattato i suoi amici con della cocaina durante le riunioni di lavoro a Washington. E' che ad un certo punto il suo computer ha iniziato ad avere problemi ad alcuni accessi segreti.

Peter Dale Scott, un ex diplomatico canadese e docente presso l'Università della California, scrive a La Tribune che il coinvolgimento della CIA e la responsabilità per traffico di droga a livello mondiale è un argomento tabù nei circoli politici, nelle campagne elettorali e nei mass media. Coloro che hanno tentato di violare tale divieto, come il giornalista Gary Webb, hanno pagato con la loro carriera. C'è stato un certo cambiamento nei confronti di questo problema quando un grande articolo di Alfred McCoy è apparso sul sito Tom Dispatch il 30 marzo 2010.

Il problema è assolutamente chiaro. Le operazioni multi-miliardi con la droga, con il coinvolgimento della CIA, stanno diventando sempre più grandi, mentre i funzionari della unica superpotenza del mondo stanno diventando sempre più insolenti. La situazione in Afghanistan è un esempio grafico di questa situazione.


Fonte: 

-   http://fractionsofreality.blogspot.it/2013/11/il-ruolo-degli-stati-uniti-nel.html
http://fractionsofreality.blogspot.it/2013/12/il-ruolo-degli-stati-uniti-nel_2.html

Frammenti di Realtà ha detto...

terza e ultima parte: http://fractionsofreality.blogspot.it/2013/12/il-ruolo-degli-stati-uniti-nel_9.html

Nome

Email *

Messaggio *