lunedì 4 marzo 2013

I militari greci si preparano alla repressione di massa

iVEd_4iltG_s
L’ex alto diplomatico greco Leonidas Chrysanthopoulos ha dichiarato al New Statesman inglese, la scorsa settimana, che discussioni hanno avuto luogo tra esponenti politici e delle forze armate greci sulla risposta dei militari a ciò che Chrysanthopoulos ha descritto come “esplosione di disordini sociali” che dovrebbero avvenire “molto presto”. Chrysanthopoulos ha detto che nei prossimi mesi, “ci saranno ulteriori azioni armate. Ci saranno dimostrazioni sanguinose.” Senza entrare nei dettagli, ha detto che “Vi sono contatti di certi politici con elementi delle forze armate per garantire che, in caso di gravi disordini sociali, l’esercito non intervenga“. Questa affermazione è stata l’ultima, probabilmente, fatta per il pubblico. Anche se tale richiesta fosse stata fatta, nessuna garanzia dei militari greci sarebbe utile, data la storia recente del Paese, quando il “regime dei colonnelli” prese il potere con un colpo di stato militare nel 1967, e che durò fino al 1974. Dall’inizio dell’austerità di massa in Grecia, nel 2010, vi sono continue voci su discussioni tra i vertici militari su un colpo di stato.
L’aspetto più significativo dell’intervista di Chrysanthopoulos è la rivelazione delle discussioni tra politici e militari su come rispondere alla minaccia della rivoluzione sociale. I circoli dominanti greci lavorano sul presupposto che le lotte insurrezionali siano inevitabili per via del disagio intollerabile che hanno imposto alla classe operaia. In meno di quattro anni, la posizione sociale della classe lavoratrice greca è stata ridotta a livelli che non si vedevano dall’occupazione nazista, durante la seconda guerra mondiale. Una povertà brutale ha colpito la vita di milioni persone.

Un aspetto importante dell’assalto alle condizioni di vita è la rimozione della sanità pubblica. Più di 50 conglomerati farmaceutici hanno interrotto o ridotto selvaggiamente le forniture alla Grecia, citando le preoccupazioni per i loro profitti. La pericolosa carenza di centinaia di medicinali di base si traduce in scene caotiche di pazienti che corrono da una farmacia all’altra alla ricerca di farmaci vitali, mentre gli ospedali pubblici sono privi di adeguate forniture di farmaci da dispensare. Tale comportamento non si limita alle grandi aziende farmaceutiche. Il 27 febbraio è emerso che la Croce Rossa Svizzera, agenzia di soccorso senza scopo di lucro, ha imposto una drastica riduzione delle forniture alla Grecia delle sacche dei donatori di sangue, citando il problema di che le forniture precedenti non erano state  completamente pagate, ed annunciando che a partire dal 2015 il numero di sacche di sangue dei donatori inviati alla Grecia sarà dimezzato, rispetto al livello attuale annuale di 28.000 unità.
Come risultato delle politiche di austerità richieste dalla “troika” (Fondo monetario internazionale, Banca centrale europea e Unione Europea), l’incredibile cifra di 4.650.000 di persone è ora disoccupata o economicamente non attiva. Vi sono 450mila famiglie in cui nessuno si occupa. Delle 2,6 milioni di persone occupate nel settore privato nel 2010, 900.000 sono state licenziate. Poiché la durata delle prestazioni è stata ridotta, appena 225.000 dei disoccupati ora hanno una retribuzione per la disoccupazione. Nel settore privato, 600.000 lavoratori (su un totale 1,6 milioni) ora vengono regolarmente pagati per una giornata lavorativa di otto ore. Il professore Savas Robolis dell’università Panteion di Atene ha detto di recente, “Il resto dei lavoratori ha avuto l’orario ridotto o sono stati pagati in ritardo, quattro o cinque mesi di ritardo. Sono in uno stato di disperazione.”
La relazione annuale, questa settimana, della Banca di Grecia ha rilevato che il 23 per cento della popolazione viveva al di sotto della soglia di povertà nel 2012, rispetto al 16 per cento nel 2011. Inoltre, nota l’aumento esponenziale della povertà infantile, con un tasso di famiglie a rischio che raggiunge il 31 per cento in un solo anno (2010-2011). Nel periodo 2010-2012, il salario medio lordo del paese è stato ridotto del 20,6 per cento e il costo del lavoro per i datori di lavoro è diminuito del 18,5 per cento. Date le misure di austerità già in vigore, ci sarà una riduzione complessiva del costo del lavoro in Grecia per il periodo 2012-2014, pari al 17,6 per cento. Queste  misure così selvagge vengono imposte per arrivare a ridurre del 15 per cento la spesa complessiva, come richiesto dalla troika. Presentando la relazione, il presidente della banca George Provopoulos ha affermato che la ripresa economica si avrà mediante l’austerità e ha chiesto misure ancora più dure da imporre. “Ora che il traguardo è finalmente visibile”, ha detto, “dobbiamo intensificare gli sforzi, accelerare il nostro ritmo per coprire il tratto finale e garantirci che i sacrifici dei cittadini non siano stati vani…” Parlando delle vittime di queste politiche, ha dichiarato, “richieste critiche e irragionevoli da parte di gruppi sociali non contribuiscono a questo obiettivo.”
La relazione della banca è stata emessa mentre i rappresentanti della troika, ancora una volta convergevano su Atene per controllare l’attuazione del programma concordato con il governo Nuova Democrazia/PASOK/Sinistra democratica. Tra le questioni da regolare vi è il modo più reciso per ridurre il bilancio farmaceutico di quest’anno. In seguito alle richieste precedenti della troika, il bilancio è stato ridotto da 3,7 a 2,4 miliardi di euro lo scorso anno. I rapporti suggeriscono che potrebbe essere ridotto a 2 miliardi quest’anno. Con aziende farmaceutiche che già trattengono molti farmaci, questa è la ricetta per una catastrofe sanitaria e parecchi morti inutili. La troika prevede anche di chiedere di aumentare la rapidità del licenziamento di 25.000 lavoratori del settore pubblico quest’anno (entro metà giugno), al fine di soddisfare i concordati 150.000 licenziamenti entro il 2015. Se Atene non dovesse imporre i tagli per soddisfare la troika, due tranche di prestiti per marzo e aprile, per un totale di 8,8 miliardi di euro, verrebbero bloccate o assai ridotte. La mancata ricezione di tali finanziamenti, renderebbe la Grecia inadempiente sul suo debito.
Con la promessa, se eletto, di invertire il programma di austerità, SYRIZA (Coalizione della sinistra radicale) ha avuto quasi il 30 per cento dei voti nelle elezioni dello scorso anno. Si è presentata come gruppo di organizzazioni di pseudo-sinistra in alternativa progressiva ai partiti di governo pro-austerità e mezzo per contrastare l’avanzata del movimento fascista Golden Dawn. In realtà, SYRIZA non è meno una creatura della classe dirigente del partito di destra Nuova Democrazia, e non è meno legata al programma di austerità. Questa settimana, il portavoce di SYRIZA Panos Skourletis ha dichiarato: “Noi non abbiamo la bacchetta magica in grado di migliorare e cambiare la situazione da un giorno all’altro… Dobbiamo renderci conto che ogni giorno in cui questa politica viene applicata, le cose peggiorano. Questa devastazione è incalcolabile e, quindi, riprendersi dalle ripercussioni di questa politica diventa sempre più difficile.” Il significato di tali osservazioni, che non è possibile invertire l’austerità programma, è inconfondibile. SYRIZA prepara i suoi argomenti per quello che sarà chiamata a svolgere, se raggiunge il suo obiettivo di entrare in un futuro governo contrario alla classe operaia.


Traduzione di Alessandro Lattanzio - SitoAurora - http://aurorasito.wordpress.com/2013/03/02/i-militari-greci-si-preparano-alla-repressione-di-massa/


Nome

Email *

Messaggio *