Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 26 dicembre 2012

L’uomo di Goldman Sachs si dimette per tornare subito, scompaginando il “bipolarismo obbligato”. Obiettivo: per instaurare l’autocrazia del grande capitale finanziario.

Mario Monti
Il professore è stato paracadutato a Palazzo Chigi con un compito preciso: distruggere l’Italia, per “rifarla” in modo che possa funzionare da paradigma europeo. Il programma, dichiarato ormai con imbarazzante chiarezza da Monti stesso, è sconcertante: «Far arretrare le condizioni di vita della stragrande maggioranza della popolazione fino al punto in cui (secondo i manuali di macroeconomia liberista) diventano “competitive” con quelle di paesi che stanno soltanto ora approdando alla “civiltà industriale”», rileva Claudio Conti su “Contropiano”. (Nota: la conferma è quanto sta accadendo in Grecia dove i lavoratori percepiscono 3€ all'ora senza alcun diritto e intendono farli lavorare per legge 6 giorni su 7, cosa che molti fanno già)

«Si tratta di un esperimento mai tentato prima in tempi di pace: obiettivi così sanguinosi, fino alla Seconda Guerra Mondiale, venivano raggiunti con una bella sequenza di stermini sui campi di battaglia e soprattutto con bombardamenti a tappeto tali da distruggere la “capacità produttiva in eccesso”». 
Era un modo «brutale ma capitalisticamente “normale”» di far ripartire l’accumulazione su nuove e più ristrette basi: «La bomba atomica diffusa, com’è noto, ha bruciato questa possibilità», aggiunge Conti. «I paesi o le aree continentali di potenza industriale simile dispongono di testate nucleari sufficienti a distruggere più volte il pianeta». Oggi, ormai, «la guerra si introverte dunque all’interno dell’Occidente, diventa guerra alla popolazione». Ne parla apertamente lo stesso Monti, prima in conferenza stampa e poi in un’intervista a Lucia Annunziata: i “nemici” da battere sono la rappresentanza del lavoro, sindacati e partiti politici. La Cgil? Un’organizzazione «nobilmente arcaica», conservatrice come il suo affannato scudiero, Vendola.

Chiarissimo anche l’obiettivo di brevissimo periodo: spaccare entrambi i poli fin qui dominanti nell’osceno “bipolarismo forzato” all’italiana, e ricomporne le parti disponibili intorno all’unico programma che possa esistere, l’agenda Monti: «Ovvero la “lettera della Bce”, ovvero il Fiscal Compact e il pareggio di bilancio per sempre, ovvero la riduzione a nulla della spesa sociale (a cominciare da quella sanitaria, che incide immediatamente sulla lunghezza della vita media e quindi può contribuire rapidamente anche alla riduzione del “monte pensioni” (se muori prima, se ne pagheranno meno e per meno tempo)». E’ la fine del welfare state, della sicurezza sociale, dei diritti acquisiti attraverso decenni. «Ma Bersani e Vendola se ne sono accorti?», si domanda Conti. «Se sì e non sono d’accordo, dovrebbero dichiarare guerra agli “impegni europei”. Se no, cambiassero mestiere, perché non sono tagliati per la politica di questi tempi di crisi».


Fonte: libreidee.org - tratto da frontediliberazionedaibanchieri.it

6 commenti:

Mario Agostini ha detto...

Gli italiani sono ingenui e creduloni, hanno creduto nel Berlusca. Crederanno anche in Monti?
Se ancora dormi, svegliati. Mai fidarsi di chi manovra l'economia. Cosa ha fatto Monti? E cosa vorrebbe fare? La lunga mano clericale muove la sua quinta colonna: attenti a Renzi!!!

myname thesame ha detto...

Sembra che alla gente non importi nulla. Pochi hanno capito la gravita della situazione, ma ci penserà il pirata professore a concludere il lavoro sporco prima di andare al Quirinale. Dove i suoi amici massoni lo hanno già designato da tempo.

Anonimo ha detto...

Se gli Italiani leggsesero il libro i Protocolli dei Sette Savi di Sion di S. Nilus si accorgerebbero che il potere è in mano alle groose lobby ebraiche a cui fa capo la BCE e le varie agezie di reting Mont oltre ad essere Presidente della commissione trilaterale insieme al gruppo dei Bildelberg è anche un massone come gli altri membri della commissione, noi italiani siamo pecore e quindi tutto quello che ci viene fatto lo accettiamo e di conseguenza ce lo meritiamo,purtroppo. Io questa coaà l'ho già capita da molto temponon guardo nè TG che raccontano solo quello che gli viene imposto, come fanno anche i vari quotidiani.



Enzo Carrara ha detto...

La storia si ripete... E ci insegna.... Stiamo per attraversare una nuova era socio-economica che vedra' versare, purtroppo, molte lacrime...

arsyclus ha detto...

sono della stessa idea di Anonimo: i veri burattinai sono la cricca che costituisce i gruppo bilderberg che poi sono quelli che hanno in mano il potere finanziario mondiale, il che equivale al controllo di qualsiasi governo. Renzi, Bersani, Casini, Berlusconi, Maroni...i politici Italiani non contano niente. la democrazia, fino a che saremo nell'euoro e schiavi di quest lobby e massoni, è una farsa bella e buona. I media (TG, stampa e radio) sono i mezzi che questi signori del bilderberg (leggi gruppo criminale) usano per creare panico, confusione e innondare la società di menzogne pre-confezionate in modo da controllarci sempre di più.
Ma qualcosa si può fare: usare internet per divulgare le verià e condividere le notizie vere e poi votare cercando di scegliere he va in direzione dell'uscita dell'Italia dall'euro.

Anonimo ha detto...

Il fatto che i fondi pensionistici, comunque denominati, pubblici e privati, sono al collasso; è già noto da tempo, almeno vent'anni.
Ma la causa non è, come si vuole far credere, l'allungamento della vita e/o i contributi insufficienti.
La causa, vera, è la malversazione perpetrata dai dirigenti dei fondi medesimi.
Tanto per restare in italia: ricordate la (s)vendita degli immobili dell'INPS? Venduti per "quattro pidocchi" ai vari "potentati" nostrani e stranieri, banchieri in testa?
Ora, che è venuto il tempo di pagare (e non solo di incassare), si trovano nei guai per loro "colpa". Quindi cercano in ogni modo di non pagare il "dovuto" e, siccome le cifre in questione sono astronomiche, ricorreranno a qualsiasi nefandezza: guerre e genocidi compresi.
giesse51.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi