Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute mass media diritti civili giustizia ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie banche carceri eurocrati satira immigrazione renzi scuola facebook euro grillo guerra manipolazione mediatica bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari Russia poteri forti massoneria sovranità monetaria razzismo manifestazione finanza debito pubblico tasse israele siria UE disoccupazione ucraina travaglio agricoltura marijuana militari banchieri mario monti trilaterale califfo canapa germania geoingegneria ISIS terrorismo Grecia bambini obama vaticano Traditori al governo? big pharma inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano enrico letta cancro vaccini tecnologia PD nwo armi equitalia Angela Merkel BCE austerity sondaggio umberto veronesi meritocrazia nucleare suicidi fini informatitalia.blogspot.it magdi allam cannabis m5s ministero della salute privacy video assad clinica degli orrori eurogendfor Putin marra sovranità nazionale staminali CIA bancarotta boston bufala droga monsanto prodi INPS elezioni fondatori del sito globalizzazione iene iraq politica troika evasione matrimoni gay nigel farage acqua anatocismo fmi fukushima nikola tesla società usura 11 settembre diritti draghi fisco golpe moneta pedofilia rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu africa alimentazione francia imposimato nsa ricchi terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati autismo bavaglio costituzione federico aldrovandi fiscal compact giuseppe uva lega nord nato petrolio roma servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale Cina Fornero Unione Europea borghezio casaleggio controinformazione corruzione crimea famiglie fed forconi giovanardi giustizia sociale goldman sachs influencer islam mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio propaganda proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna storia suicidio svendita terra turchia violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chernobyl chico forti dittatura edward snowden elites false flag frutta inciucio india laura boldrini magistratura marine le pen no muos no tav nuovo ordine mondiale precariato prelievi forzoso privilegi prostituzione ungheria università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione corte europea diritti uomo delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne ebola educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione islanda latte legge elettorale marò microspia mmt ocse orban paola musu pensioni radioattività ricerca riserva aurea salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi taranto telefono cellulare truffe online vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni degrado dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra multe musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia riformiamo le banche rigore risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 5 ottobre 2012
Aumentano vertiginosamente i casi di Alzheimer: in sei anni, secondo quanto riportato da un articolo de "L'Eco di Bergamo" sarebbero addirittura raddoppiati. Qual è la causa di questo forte aumento? Quando si parla di dati relativi alla mortalità della cittadinanza, aumento dell'incidenza di patologie e magari sulle probabili cause - perché alla base di aumenti così consistenti un motivo ci deve essere - c'è ben poca attenzione, sia da parte del mondo dell'informazione e dei mass media in generale e ancora meno dalle istituzioni e dalla politica, e troppo spesso i risultati vengono "interpretati" o persino NASCOSTI alla popolazione, un caso eclatante è quello di Taranto dove Ilva per anni non ha rispettato le prescrizioni dell'AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) rilasciata a cura del Ministero dell'Ambiente, e l'azienda ha inquinato liberamente e impunemente. I dati di alcune ricerche e le perizie disposte dal giudice  che ha disposto il sequestro degli impianti Ilva sostengono che a Taranto l'inquinamento uccide e che l'incidenza di certe malattie è aumentata, tuttavia se non fosse intervenuta la magistratura tutto sarebbe andato avanti normalmente.

Di seguito un articolo de "L'Eco di Bergamo" che parla dell'aumento dei casi di Alzheimer:


Aumentano i casi di Alzheimer
In sei anni casi più che raddoppiati

«L'Alzheimer è come tornare ad essere bambini. È una situazione diversa ma non meno carica di affetto e amore». È così che Paola Merlo, responsabile del reparto di neurologia Humanitas Gavazzeni, spiega la malattia al marito di una paziente colpita dall'Alzheimer nel filmato «AAA video – idee» a cura di Laura Morelli proiettato in occasione del convegno organizzato da Asl Bergamo per la «XIX Giornata Mondiale Alzheimer» presso la Casa del Giovane. 

Una situazione vissuta da 1720 persone nella sola provincia di Bergamo nel corso del 2011. Un numero da moltiplicare al cubo perché «le demenze non riguardano solo le persone che ne soffrono, hanno un raggio d'azione purtroppo più vasto. Per ogni singola diagnosi sono tre le persone impattate dalla malattia» spiega Alberto Zucchi dell'Osservatorio epidemiologico Asl Bergamo. 


Durante il convegno sono stati presentati nel dettaglio i dati epidemiologici della provincia di Bergamo, contenuti in uno studio condotto da Alberto Zucchi insieme al Comitato scientifico interaziendale delle demenze, da cui emerge un'impennata del fenomeno del 57,5% nell'arco di sei anni (nel 2006 erano 5.599). E sulla base del registro Asl in 3 anni di osservazione sono stati tracciati 10.118 casi (over 60), di cui 3.125 uomini e 6.993 donne. Le ultime cifre, aggiornate al 1° gennaio 2012, vedono 8.921 casi registrati, di cui 2.733 uomini (30,6%) e 6.188 donne (69,4%), per una prevalenza pari a 81,2 per 10.000 abitanti (popolazione generale). Tra le cause che hanno portato all'incremento, quel fenomeno che gli anglofoni chiamano «Silver Tsunami», l'invecchiamento della popolazione: «Il mondo sta invecchiando ed è un fenomeno iniziato a partire dalla metà del secolo scorso – spiega Zucchi -. Sono fenomeni di natura socioeconomica e il contesto epidemiologico nelle demenze è rilevante. In Europa sono 19milioni le persone colpite e la spesa che ne consegue è di oltre 160miliardi di euro spesi solo nel 2008. Un problema che anche nel nostro territorio sta diventando molto importante, con un aumento dei costi previsto di circa il 23%». 

Fonte: http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/315601_aumentano_i_casi_di_alzheimer_nel_2011_ha_colpito_1720_persone/

E sulla questione, non mancano le cosiddette "teorie complottiste", che talvolta vengono considerate "fantasiose" ma che spesso offrono riflessioni interessanti e condivisibili: chiunque investiga e approfondisce le varie questioni di pubblico interesse fa qualcosa di positivo, stimola il controllo democratico ed il dibattito.

I malati di morbo di Alzheimer aumentano vertiginosamente nel giro di sei anni: qual'è la vera causa?


Un articolo pubblicato il 22 settembre 2012 sull'eco di Bergamo ci informa che  nel giro di 6 anni i casi di Alzheimer sono più che raddoppiati. In realtà sulle cifre l'articolo non è molto chiaro, all'interno si cita un aumento del 57% (che viene confermato dalla lettura diretta dello studio dell’Asl) ma anche un aumento di "solo" il 57 per cento, sarebbe una crescita incredibilmente rapida.  

L'articolo in questione, al pari dell'analogo articolo comparso sull'Unità, punta il dito sull'invecchiamento della popolazione, ma è alquanto discutibile che nel giro degli ultimi pochi anni l'età media della popolazione sia aumentata in maniera così massiccia da creare da sola l'aumento dei casi di alzheimer. Le prove con tutti i calcoli e i dati presi dall'Istat sono riportati in fondo all'articolo come appendice, e mostrano che l'invecchiamento della popolazione potrebbe spiegare al massimo metù di questi casi di malattia.

In effetti il medico che viene citato nell'articolo afferma che l'invecchiamento della popolazione è "tra le cause" dell'aumento di casi di Alzheimer, e su questo possiamo concordare tranquillamente, ma resta da capire quale fattore ambientale possa avere causato questo improvviso picco della malattia. Poiché di fattore ambientale certamente deve trattarsi, dal momento che non può essere un fattore genetico a causare questo picco. E allora chiedetevi: cosa diavolo è cambiato drasticamente in questi ultimi 10 anni? Quale elemento inquinante è aumentato a dismisura?

Chiunque può leggere un po' di materiale relativo al morbo di Alzheimer e scoprire che, sebbene la causa della malattia non sia del tutto accertata, il principale indiziato è l'alluminio, che negli ultimi 100 anni è stato introdotto sempre più massicciamente nelle pentole, nei contenitori delle bevande gasate (lattine), nei farmaci, nei deodoranti, e in quasi tutti i vaccini. Esistono persino additivi alimentari il cui utilizzo è consentito nei cibi (sebbene l'Unione Europea stia rivedendo i livelli di utilizzo queste sostanze possono legalmente essere inserite nei nostri cibi):

E520 Solfato d'alluminio - utilizzato come rassodante
E521 Solfato d'alluminio e sodio - utilizzato come rassodante
E522 Solfato d'alluminio e potassio - utilizzato come regolatore di acidità
E523 Solfato d'alluminio e ammonio - utilizzato come regolatore di acidità



    Per quanto riguarda le prove sulla correlazione tra alluminio e morbo di Alzheimer possiamo citare ad esempio un articolo sul sito dell'agenzia di stampa Reuters che espone uno studio scientifico che ha mostrato come la presenza di livelli più alti di alluminio nell'acqua potabile aumentata la probabilità di contrarre la malattia. Qui sotto alcuni dettagli dello studio appena citato.
    ” Alti livelli di alluminio nell’acqua potabile sembrano aumentare il rischio delle persone di sviluppare la malattia di Alzheimer, mentre i livelli più elevati di silice sembrano diminuire il rischio, secondo gli inquirenti francesi.

    “La patologia di Alzheimer è una malattia multifattoriale, e le concentrazioni di alluminio nell’acqua potabile possono avere un effetto sul declino cognitivo ”  ha detto  il Dr. Virginie Rondeau.
    Rondeau, presso l’Institut National de la Santé et de la Recherche Medicale a Bordeaux, insieme a  colleghi esperti nel settore, ha esaminato le associazioni tra l’esposizione all’alluminio o silice da acqua potabile e il rischio relativo di declino cognitivo, demenza e malattia di Alzheimer nei soggetti anziani seguiti per 15 anni .
    L’assunzione giornaliera di alluminio di almeno 0,1 milligrammo è stato associata con un maggiore declino cognitivo nel corso dello studio, secondo i del team pubblicati in American Journal of Epidemiology.
    I soggetti con un alto consumo di alluminio al giorno hanno un rischio 2,26 volte maggiore di demenza, fanno notare i ricercatori. (..)”


    Nel Journal oh Alzheimer's disease è stata pubblicata di recente anche un'altra prova, ovvero l'articolo Aluminum disruption of calcium homeostasis and signal transduction resembles change that occurs in aging and Alzheimer's disease il quale descrive i come i danni causati dall'alluminio siano simili a quelli che si osservano nel morbo di Alzheimer.

    Su tale articolo leggiamo che “..livelli considerevoli di tracce di alluminio riescono ad attraversare la barriera emato-encefalica e progressivamente si accumulano in grandi neuroni piramidali dell’ippocampo, corteccia, e altre regioni cerebrali vulnerabili al morbo di Alzheimer (...)”

    Il fatto stesso che il morbo di Alzheimer ed il morbo di Parkins si manifestano in tarda età per altro si può spiegare facilmente proprio in termini di bioaccumulo di metalli pesanti nel corpo: l'alluminio (a differenza di altre sostanze nocive) difficilmente viene eliminato dal corpo e quindi (se non si interviene con qualche tipo di chelazione, farmacologica o naturale) tende ad accumularsi in misura sempre maggiore nel corso del tempo sino a causare degenerazioni neurologiche. Del resto occorre ribadire che gli anziani non devono necessariamente andare incontro ad una degenerazione mentale, a meno che il loro corpo non accumuli veleni. Una persona anziana che tiene allenata la mente e che riesce ad evitare l'accumulo di sostanze tossiche per il sistema nervoso centrale di regola non va incontro a nessuna forma di demenza.

    Ma adesso chiedetevi: da dove viene l'alluminio nell'acqua che beviamo?

    Da una parte potrebbe venire dallo stesso trattamento delle acque potabili: si tuilizzano infatti prodotti a base di alluminio nel processo di flocculazione (parte del processo di depurazione delle acque che giungono ai nostri rubinetti).

    Potete verificare per esempio leggendo quanto scritto ai due link seguenti



    Ma è possibile imputare ai residui della lavorazione/depurazione dell'acqua l'aumento dei casi di alzheimer nell'ultimo decennio? Per quanto la presenza di alluminio causata da questa fonte possa destarer preoccupazione, siccome tale trattamento è in uso da molto più tempo, non può essere responsabile del picco della malattia. Anche gli altri usi citati in precedenza non sono stati introdotti di recente ed infatti, da parte di chi espone la sua preoccupazione per l'uso e l'abuso di alluminio nella nostra società, tali usi vengono citati da più di dieci anni come fonti di contaminazione di alluminio. Vedi ad esempio l'ottimo libroAlluminio usi e abusi di Giuseppe Chia pubblicato nel 2003.


    La reale causa dell'incredibile aumento di malati di Alzheimer va quindi cercata altrove.


    Che vi piaccia o no, sulla Lombardia (come sulle altre regioni d'Italia) il cielo è sempre più coperto da strane "nuvole" che nuvole non sono, che vengono fuori da aerei che solcano incessantemente il nostro cielo, oscurandolo o velandolo quasi totalmente.

    Qui sotto un esempio di cielo a strisce. E non ditemi che sono nuvole!





    (qui si seguito i link di alcuni canali youtube che documentano la presenza in Lombardia di queste scie che oscurano/velano il cielo come non era mai successo prima: uno, due tre quattro,cinque sei sette). Qui sotto uno dei miei video al riguardo.
    L'insigne medico, nonché professore universitario Russel L.Blaylock della National Health Federation  parla specificatamente delle particelle dei composti di alluminio di dimensioni nanometriche che vengono diffusi attraverso queste scie anomale, affermando come sia dimostrato scientificamente che tali particelle siano infinitamente più reattive e che inducano ad intense infiammazioni in uno svariato numero di tessuti. Egli afferma che le nanoparticelle di alluminio stanno causando un aumentanto delle malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson e la malattia di Lou Gehrig (S.L.A.). Potete leggere la sua denuncia al seguente link:



    La presenza di alluminio e bario in queste scie è stata verificata anche da analisi di laboratorio commissionati da una televisione locale degli USA, la KSLA, mentre in Italia diverse analisi di laboratorio e articoli di giornale che mostrano come da Orvieto a Firenze a Genova l’acqua piovana presenta massiccie quantità di metalli pesanti come l’alluminio e il bario che il nostro corpo riesce a tollerare solo in bassissime concentrazioni (CLICCA QUI).

    Per non parlare della "strana coicidenza" del lungo elenco di studi  di botanica  e biogenetica  per creare varietà di piante commestibili resistenti all’alluminio. Vedi tutte le prove fornite al seguente link:
    A questo punto per comprendere davvero il fenomeno e verificare come esistano anche scienziati, meteorologi, e persino uomini di governo (come l'ex ministro di Pietro) che ammettono e denunciano l'esistenza di queste scie chimiche occorre iniziare una ricerca a partire dai seguenti link.

    Le prove:
    Articolo descrittivo con diversi link di approfondimento

    Si ringrazia vivamente l'amico di Lo Sai che tramite il suo recente articolo ha fornito molto del materiale qui utilizzato: http://www.losai.eu/bergamo-in-6-anni-alzheimer-57-scie-chimiche/


    Appendice: i dati dell'Istat
    Come breve appendice ecco le prove che l'invecchiamento della popolazione non basta a giustificare il vertiginoso aumento dei malati di Alzheimer.


    Basta leggere i dati istat ai seguenti link




    Inserendo "dagli 80 anni in su" e poi facendo click sul pulsante "tavola".



    I dati sono di 3.008.534 persone nel 2006 e di 3.477.727 nel 2010. Questo aumento può essere generato da un aumento annuo pari alla radice quarta dell'aumento totale su 4 anni. Il rapporto tra i due numeri citati è 1,155954. La radice quarta di tale valore è 1,036896. Moltiplicando 4 volte il valore iniziale di 3.008.534 persone ultraottantenni per la quantità appena determinata si riottiene il valore di 3.477.727 ottantenni nel 2010. Estrapolando questi dati, ovvero moltiplicando ancora due volte per lo stesso numero si ottiene una stima di 3.739089 persone nel 2012. Come chiunque può facilmente verificare ciò corrisponde ad un aumento del 24%, ovvero di meno della metà dell'aumento dei casi di Alzheimer nello stesso periodo di tempo (57%)
    Chi si fosse perso nei ragionamenti matematici può sempre provare a moltiplicare il dato iniziale di 3.008.534 per il numero 1,155954, ripetere il procedimento 4 volte e verificare che si ottiene il dato finale di 3.477.727. Ripetendo tale moltiplicazione altre due volte di ottiene il dato estrapolato (stimato) per il 2012, che ci permette di fare il raffronto con il valore 56% l'aumento dei casi di Alzheimer nello stesso periodo di tempo.

    Se poi ai due link sopra segnalati inseriamo la fascia tra 60 e 79 anni e rifacciamo gli stessi calcoli otteniamo un aumento su tutti e 6 gli anni di appena 2,5 per cento.


    I numeri rilevati mostrano che l'aumento del numero di anziani nel nostro paese non può essere responsabile dell'aumento dei casi di Alzheimer, e conferma quanto affermato nell'articolo precedente: c'è un nuovo fattore ambientale che causa tutto ciò, ed facile supporre che il contributo fondamentale viene dal fenomeno delle scie chimiche, particolarment eintensificatosi negli ultimi pochi anni.


    NB: ho riprovato ad eseguire i calcoli anche inserendo la scelta "solo dati dell'Italia Nord Occidentale"; i risultati sono pressoché identici, con una differenza solo sulla seconda cifra decimale.


    tratto da terrarealtime.blogspot.it


    1 commenti:

    Anonimo ha detto...

    .. ci sono città come ad es. Londra, New Yorki .. ecc. nei cui cieli solcano centinaia di aerei al giorno da molti anni: lì la percentuale di malati è maggiore che in altri luoghi? Poi bisogne condidera i fattori metereologici: vento, pioggia, ecc.

    I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

    macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

    Seguici su Facebook

    cerca sul blog

    Caricamento in corso...

    Archivio articoli

    Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

    Blog Archive


    Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

    Lettori fissi