Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta governo esteri economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi animali infanzia chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola immigrazione eurocrati facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria parentopoli Grecia germania siria banchieri inquinamento mario monti enrico letta marijuana big pharma napolitano nwo obama vaccini Traditori al governo? agricoltura ogm austerity sondaggio tecnologia Angela Merkel canapa meritocrazia umberto veronesi vaticano armi bambini cancro fini suicidi PD terrorismo BCE clinica degli orrori equitalia privacy video nucleare prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo evasione fisco magdi allam moneta pedofilia usura FBI elezioni francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società troika Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon africa attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini m5s magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL Unione Europea aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri casaleggio cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 9 settembre 2012
L'ennesima denuncia si aggiunge al lungo elenco di quelle presentate contro questo governo: da quando Napolitano ha imposto Monti alla guida del governo, sono fioccate denunce da nord a sud tra le tante meritano menzione l'esposto alla Procura dell'Avv. Alfonso Luigi Marra contro Mario Monti per la sua appartenenza al Bilderberg, e l'articolata denuncia presentata dall'Avv. Paola Musu
La denuncia, che di seguito pubblichiamo integralmente , a differenza di quella presentata dall'Avv. Paola Musu, ben circostanziata e mirata, appare utopistica: un'iniziativa, forse di carattere simbolico, che dal punto di vista giuridico appare molto "debole"; troppo "estesa" e troppo generica, senza precisi riferimenti temporali, anziché esser rivolta contro determinate persone è rivolta genericamente a chi ha ricoperto le più alte cariche dello stato e delle istituzioni più importanti, fino ai dirigenti. La denuncia chiama in causa svariate migliaia di persone, e pensare che possa esser presa in considerazione è utopistico, a differenza di quella dell'Avv. Paola Musu che - anche se probabilmente non servirà a niente - è basata su circostanze concrete, chiama in causa le azioni di determinate personalità e analizza certi accadimenti con un "modo di vedere le cose" che tra i cittadini trova moltissimi sostenitori: resta da vedere se lo sarà anche per la magistratura. Nella denuncia vengono imputati genericamente 33 capi d'accusa, alcuni dei quali dal punto di vista giudiziario appaiono fuori luogo, come la "riduzione in schiavitù", reato creato per ben altre circostanze.
Antonio Bacherini per nocensura.com- - - - - - - -Di seguito "Querela Suprema"  - di Orazio Fergnani QUERELA SUPREMA Di Orazio  Fergnani
FORMELLO, 08/09/2012

AL COMANDO DELLA STAZIONE DEI CARABINIERI
SEDE

ALLA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE
SEDE

ALLA COMPETENTE PROCURA DELLA REPUBBLICA
SEDE

E, p. C. AD ALTRI.

QUERELA/DENUNCIA  CONTRO :
1)                  Tutti i Presidenti della Repubblica in carica a partire dalle date di inizio dei fatti denunciati;
2)                  Tutti i Presidenti del consiglio dei ministri in carica a partire dalle date di inizio dei fatti denunciati 
3)                  Tutti i Presidenti della Camera in carica a partire dalle date di inizio dei fatti denunciati ;
4)                  Tutti i Presidenti della Camera in carica a partire dalle date di inizio dei fatti denunciati ;
5)                  Tutti i Ministri del Tesoro in carica a partire dalle date di inizio dei fatti denunciati ;
6)                  Tutti i Ministri delle finanze in carica a partire dalle date di inizio dei fatti denunciati ;
7)                  Tutti gli ottocento Dirigenti Generali dello Stato in attività sottocitati a partire dall’inizio dei fatti;
8)                  Il sig.r Befera come Direttore Generale dell’Agenzia delle Entrate e di Equitalia Spa;
9)                  Tutti i Parlamentari che in carica a partire dalle date di inizio dei fatti denunciati;
10)              Tutti i segretari dei partiti parlamentari in carica a partire dalle date di inizio dei fatti denunciati;
11)              Tutti i Dirigenti della Ragioneria Generale dello Stato in carica dall’inizio dei fatti denunciati;
12)              E quant’altri coinvolti nei fatti qui descritti che si ravvisassero nel corso delle indagini.

Per le ipotesi dei reati p. e p. dagli articoli:
1)                  Alto tradimento (art.90 Costituzione);
2)                  Concorso formale in reato continuato (art.81 c.p.);
3)                  Pene per coloro che concorrono nel reato (art.110 c.p.);
4)                  Circostanze aggravanti (art.112 c.p.);
5)                  Attentato contro l’integrità l’indipendenza e l’unità dello Stato (art.241 c.p.);
6)                  Intelligenze con lo straniero a scopo di guerra contro lo Stato italiano (art.243 c.p.);
7)                  Corruzione del cittadino da parte dello straniero (art.246 c.p.);
8)                  Infedeltà in affari di Stato (art.264 c.p.);
9)                  Attentato contro la Costituzione dello Stato (art.283 c.p.);
10)              Usurpazione di potere politico o comando militare (art.287 c.p.):
11)              Attentati contro i diritti politici del cittadino (art.294 c.p.);
12)              Corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio (art.319 c.p.);
13)              Corruzione di persona incaricata di pubblico servizio (art.320 c.p.);
14)              Abuso d’ufficio (art.323 c.p.);
15)              Omissione di atti d’ufficio (art.328 c.p.);
16)              Interruzione d’un servizio pubblico o di pubblica utilità (art.331 c.p.);
17)              Usurpazione di funzioni pubbliche (art. 347 c.p.);
18)              Associazione a delinquere (art.416 bis);
19)              Circostanze aggravanti (art.456 c.p.);
20)              Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art.476 c.p.);
21)              Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in  certificati (art.477 c.p.);
22)              Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art.479 c.p.);
23)              Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in certificati (art.480 c.p.);
24)              Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art.481 c.p.);
25)              Falsità materiale commessa dal privato (art.482 c.p.);
26)              Falsità ideologica commessa dal privato in atti pubblici (art.483 c.p.);
27)              Falsità commesse da pubblici impiegati incaricati di un pubblico servizio (art. 493 c.p.);
28)              Istigazione o aiuto al suicidio (art.580 c.p.);
29)              Riduzione in schiavitù (art.600 c.p.);
30)              Furto (art.624 c.p.);
31)              Truffa (art.640 c.p.);
32)              Circonvenzione di persone incapaci (art.643 c.p.);
33)              Abuso della credulità popolare (art.661 c.p.);

Ed eventuali altre fattispecie di reato che venissero rilevate nel corso delle indagini.-

SCENARIO

Denuncia di  atti gravissimi messi in atto dalle più alte cariche dello Stato, dai “grands commis” dagli alti funzionari dello Stato in danno dell’erario e all’economia del  paese  nel corso di alcuni decenni scaturente nella perdita  delle sicurezze giuridiche che garantivano le proprietà dello Stato; tutte indefessamente e gradualmente abrogate da leggi  ordinarie palesemente incostituzionali, rese operative e valide dalla censurabile inazione della corte dei conti (oltre che di altri apparati dello Stato), sul cui comportamento  dovrebbe indagare  la Magistratura Ordinaria e contabile a seguito dei fatti che con la presente si intende denunciare.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Ai sensi   del :  R.D. 1214\1934; d.l. 453\1993 convertito nella legge 19\1994;  legge  20\1994, ed altro.-

ESPOSTO

A codesta  Corte dei Conti   Sezione Giurisdizionale, quale Ordine  Magistrale  autonomo e indipendente da ogni altro potere,  a cui l’art. 103 co. 2 e l’art. 104 co. 2  della Costituzione attribuisce  competenza  esclusiva nelle materie di contabilità pubblica,
-    i fatti  e  i comportamenti appresso rappresentati, che hanno determinato  come conseguenza gravissimi danni all’Erario, fatti e comportamenti  messi in atto dagli attuali Dirigenti Generali  dell’Amministrazione Finanziaria in aperta violazione dei “ criteri e principi “ enunciati  dall’art. 54 e 97  della Costituzione, così come  recepiti dall’art.1 e dall’art.5 primo comma del dlgs 165\01 dove l’art. 5   prevede :

1)      che “ le Pubbliche Amministrazioni  assumono ogni determinazione organizzativa  dei pubblici uffici, assicurando l’attuazione dei  “principi“ enunciati  dall’art. 2 co.1 dello stesso decreto (dlgs 165\01) nella  esclusiva rispondenza al pubblico interesse dell’azione amministrativa”
-   che  i  “criteri di organizzazione”  enunciati dall’art 2 co.1 bis del dlgs 165\01 sono attuati nel rispetto della disciplina in materia  di trattamento dei dati personali , e dove l’art. 2 co. 1 bis e’ stato introdotto dall’art. 176 del dlgs 196\2003 sulla tutela dei dati personali.

Infatti se è vero quanto sancito dalla :
-                      Corte dei Conti Sezione del controllo sugli enti con
-                                                 1)  determinazione 43\2010 nell’adunanza dell’11 maggio 2010 e con
2)   determinazione n. 31            “                del 28 marzo  2008
-                      Corte Costituzionale con Sentenza n. 351\2008
-                      Corte Costituzionale con ordinanza n. 377 del 9.12.2007
-                      Consiglio di Stato con  decisione  della IV sez. n. 03812\2012  del 27.06.2012
-                      Consiglio  di Stato con decisione della IV sez. n. 3802  del 7.07.2000
-                      Consiglio di Stato con decisione della IV sez. n. 22.06.2000
-                      Cassazione sez Unite civili n. 4212 del 19.07.1982
-                      Commissione Trib. Region. Lazio  sentenza n. 43\37\09 -   37° sezione
Allora è altrettanto vero che ci troviamo di fronte al  peggiore e più devastante “danno all’erario“ che si sia realizzato nella Storia della nostra “Repubblica”, una vera è propria rapina dello “Stato”, danno che ha avuto ripercussioni talmente gravi sull’economia del nostro paese, che le conseguenze più evidenti sono la perdita dei posti di lavoro e la conseguente riduzione delle “capacita d’acquisto delle famiglie italiane”.
Gli Italiani si trovano oggi costretti a restituire un “debito pubblico” (tutto da dimostrare) che è cresciuto a dismisura in questi ultimi venti anni nonostante che contemporaneamente si sia  proceduto alla vendita di un patrimonio immobiliare dello Stato (Demanio) di valore inestimabile, compresa la vendita\alienazione\ valorizzazione\privatizzazione dell’Industria di Stato, e del  patrimonio immobiliare degli Enti Previdenziali.
“Debito pubblico” che, oltre a tutti i motivi ci vario ordine già denunciati in altre occasioni, ai sensi della legge 432\1993 in quanto il ricavato della suddetta vendita (meglio più precisamente chiamarla svendita, o meglio ancora “regalia”) avrebbe dovuto venire “prioritariamente destinato”all’estinzione del suddetto “debito pubblico“ tramite l’ammortamento dei Titoli di Stato.

Tuttavia così non è stato, e le cause sono riconducibili esclusivamente alla violazione delle norme sulla Contabilità di Stato, la cui giurisdizione è demandata dall’art. 103 della Costituzione alla competenza della Corte dei Conti.
Infatti dopo la soppressione delle Intendenze di Finanza, nessuna pubblica amministrazione ha vigilato perchè  si desse attuazione alla legge 432\1993 che aveva istituito il Fondo di ammortamento dei Titoli di Stato, fondo a cui dovevano  affluire i proventi  delle privatizzazione\dismissioni\vendita\alienazione\                                                                                valorizzazione dei beni  immobili dello Stato, dell’Industria di Stato, compresa la vendita del patrimonio immobiliare  “indisponibile”  degli Enti Previdenziali, patrimonio immenso che invece  è stato   dismesso\ venduto\regalato in deroga alle norme sulla contabilità di stato, ossia in deroga al principio sancito dall’art. 25 co. 2° della Costituzione e dall’art.11 delle preleggi approvate con r.d.  262  del 16 marzo 1942 e dal dpr 1092\1985, dove si prevede che la legge non può disporre che per l’avvenire, essa non deve avere mai effetto retroattivo.
Invece il suddetto patrimonio  è stato  alienato\ dismesso\ privatizzato  “attraverso norme ordinarie che – con effetto retroattivo -  hanno disposto deroghe a norme speciali” volando  l’art. 42 e 43 della Costituzione nonche’ l’art.834 del  codice civile, articolo posto a garanzia e tutela del  principio ermeneutico che  recita “ lex posteriori generalis non derogat priori speciali” e senza la preventiva e indispensabile – SDEMANIALIZZAZIONE – istituto giuridico che ai sensi dell’art. 829 del codice civile  “deve essere dichiarato dall’Autorità Amministrativa”  un tempo affidato alla competenza esclusiva  degli  Intendenti di Finanza, anch’essi sottoposti alla giurisdizione della Corte dei Conti ai sensi art.1 r.d. 185\1933, dell’art. 52 del r.d.1214\1934, r.d.454\1909 art.35 legge1089\1939, dpr 72\1955, che controllava se l’attività di gestione dei beni del demanio fosse conforme a quanto previsto dalle norme sulla contabilità di Stato, e dove il r.d.454\1909 ( art.16, 21,22,23) prevedeva che  in caso di alienazione del patrimonio  “disponibile” i dirigenti delle Intendenze di Finanza dovessero verificare  la regolarità della stima e dei dati trasmessi dagli Uffici Tecnici di Finanza, la validità e coerenza  dei documenti trasmessi e la regolarità di tutte le fasi dell’Asta Pubblica.
La legge 1095\1935 e la legge 2207\1939 prevedevano inoltre che a maggiore garanzia, per la vendita del suddetto patrimonio (solo quello “disponibile”) fosse necessaria oltre che la firma dell’Intendente di Finanza, anche di quella del Prefetto, nonchè del preventivo parere favorevole dell’Autorità Militare più elevata in grado, presente sul territorio.
Invece  attraverso una  “ finzione giuridica “ illecita ed illegittima i suddetti beni  dello Stato sono stati trasferiti e posti nella disponibilità di Società  private di gestione di fondi immobiliari, appositamente costituite  attraverso l’apporto di beni immobili dello Stato, ossia  di  Società private, che non potevano venire controllate “neanche indirettamente” dagli Enti dello Stato conferenti il loro patrimonio.
Inoltre, ai sensi legge 662\96 come modificata  dal d.l. 79\97 convertito nella legge 140\97, dalla legge 448\98 successivamente  modificata dalla  legge 488\1999, - l’art. 19 della  legge 448\98 ha previsto  che  il Ministro delle Finanze (figura politica) potesse vendere a delle società per azioni anche appositamente costituite, compendi o singoli beni immobili dello Stato, in deroga alle norme sulla contabilità di Stato, che la valutazione sul valore dei beni….  compresi quelli di interesse storico e artistico potesse venire affidata a uno o più consulenti  finanziari o immobiliari italiani o stranieri, scelti in deroga alle norme sulla contabilità di Stato, e quindi delle norme sulla trascrizione, iscrizione annotazione sui pubblici registri previste dal dpr 635\1972.
NORME, TUTTE, PALESEMENTE INCOSTITUZIONALI EMANATE IN APERTA VIOLAZIONE DEL CONCETTO DI  PUBBLICO SERVIZIO E DELL’INTERESSE GENERALE” DI CUI ALL’ART. 97 DELLA COSTITUZIONE E DELL’ART.  822 E SEGUENTI DEL CODICE CIVILE!
Infatti contravvenendo ai “principi“ sanciti dall’art. 54 co.2 e dall’art. 97 della Costituzione,  con
-   d.l. 332\94 convertito  nella legge 474\94  e con
-    legge 662\96 art. 3 comma 111
(che riscrive l’art.14 bis della legge 86\94, originariamente introdotto dall’art.14 bis del d.l. 406\95 convertito nella legge 503\95) sono stati trasferiti in capo ad uomini politici (Ministro Tesoro e Finanze) le competenze degli Intendenti di Finanza custodi  e tutori esclusivi degli  interessi  vitali dello Stato,  Intendenti  di finanza che erano gli  unici  Dirigenti  Generali posti ai vertici  del Ministero delle Finanze,  le cui competenze erano state individuate anche  nelle seguenti norme sulla Contabilità di Stato  :
-      il R.D. 2440\23;il  R.D. 94\1923; il R.D. 827\1924; il R.D. 185\1933 ( art. 1,78,79,80); il R.D. 1214\1934; la legge 468\78; la legge 362\88.-
Intendenti  di Finanza che esercitavano il controllo anche sul corretto andamento di tutti gli altri uffici finanziari ai sensi del R.D.185\1933 ( art.1,78,79,80) e del dpr 72\1955, compresi gli  uffici a cui  venivano    demandate  le attività di riscossione dei tributi, tra cui erano  comprese anche  le attività  demandate agli “agenti di riscossione” attualmente in capo ad Equitalia S.p.a. il cui  attuale  Direttore Befera  agisce da Controllato e Controllore in quanto  riveste contemporaneamente la doppia carica di Direttore anche dell’Agenzia delle Entrate e di Equitalia, in aperta violazione dei controlli sulla riscossione previsti dall’art. 5 del dlgs 112\99.
-   Invece  non  sono state demandate ad Equitalia S.p.a  (e a nessun altro) le competenze esercitate  un tempo dalle Intendenze  di Finanza ai sensi  dell’art.19  del dpr 602\1973 (testo storico)  che  affidava alla esclusiva competenza degli Intendenti di Finanza  “la prolungata rateazione dei debiti di imposta per la comprovata necessità di mantenere i livelli occupazionali, e al fine  di assicurare il proseguimento  delle attività produttive tenuto conto della localizzazione delle imprese”
-    nonchè quanto previsto dall’art.16 della legge 408\90, che attribuiva all’Intendente di Finanza  il potere di definire le controversie  sulle pene pecuniarie, nonchè il  potere esclusivo in tema di riscossione coattiva, compresa la sospensione  - sine die  - della riscossione con provvedimento motivato emanato in  via definitiva.

2)      Che il debito pubblico degli Italiani non dovrebbe più  esistere (in quanto già pagato) ce lo spiega  l’ex Ministro del Tesoro  Emilio Barucci nel suo libro intitolato
“ LE PRIVATIZZAZIONI IN ITALIA” editore Carocci  1° edizione gennaio 2007
che ci racconta :
( a pagina 71) “ uno dei miti che spesso aleggia attorno alle privatizzazioni è che a livello mondiale l’intero processo sarebbe stato guidato da una intensa attività lobbistica da parte delle Banche d’Affari  internazionali, le quali avrebbero intravisto nelle privatizzazione la possibilità di una fonte di guadagno notevole. Nel caso dell’Italia si fa spesso riferimento alla crociera che si tenne nel giugno del 1992 a bordo del panfilo “Britannia “ : in quella occasione il Direttore Generale del Tesoro Mario Draghi, incontrò le Banche d’Affari per illustrare il progetto del Governo sulla cessione dell’Industria di Stato. Le privatizzazioni, e non solo quelle italiane,  hanno sicuramente contribuito a rimpinguare  i profitti delle Banche d’Affari e le Banche d’Affari  sicuramente correvano in via XX Settembre ( sede centrale del Ministero del Tesoro) per offrire i loro servigi al Ministero del Tesoro”
(a pagina  40) “il potere politico inizia ad occuparsi  in modo sistematico di privatizzazioni all’inizio degli anni novanta, quando “ mani pulite” e la crisi della lira erano lontane. Il governo Andreotti nel documento programmatico (del 1990) individua in 6.000 miliardi di lire le risorse da reperire tramite le privatizzazioni.”
( a pagina 41) “ Con le privatizzazioni, si sarebbe definitivamente risanata la finanza pubblica, allargata  la dimensione del mercato azionario nazionale attraendo capitali dall’estero, migliorata l’efficienza della gestione delle imprese  pubbliche  esponendole agli stimoli derivanti  dalla concorrenza”.
E facendo riferimento alla cifra di 6.000 miliardi  di lire come risorse da reperire  tramite privatizzazioni, la  Commissione Scognamiglio nominata dal Ministro del Tesoro Guido Carli, riteneva che tale cifra potesse essere raggiunta  cedendo tra il 20% e il 30% del capitale delle società :ENEL,ENI,IMI,CREDIOP, società che comunque dovevano rimanere in mano pubblica,”
(a pagina 51 e 52)  “ Con  la  legge 432\1993 viene istituito il Fondo per l’ammortamento dei Titoli di Stato: nel fondo confluiscono i proventi da dismissioni incassati dal Ministero del Tesoro, proventi che sono vincolati per legge  alla riduzione del debito pubblico.
L’obiettivo perseguito tramite la costituzione del fondo per l’ammortamento dei Titoli di Stato era quello di  legare le mani ai governi futuri, istituzionalizzando il principio per cui con la cessione di attivi, come le partecipazioni, non si possono finanziare i flussi di spesa ( correnti) ma si deve ridurre lo STOK del debito che grava sullo Stato”.
Nel suo libro l’ex Ministro Barucci racconta delle difficoltà incontrate ad ottenere i dati certi riscontrabili in documenti  ufficiali relativi alle cessione dei suddetti attivi dello Stato, attivi ceduti attraverso le cosiddette “Privatizzazioni” che vengono elencate nel suo libro, elenco talmente affollato di cessioni, che anche agli occhi di chi è poco esperto della materia appare evidente come si sia ceduto un attivo assai maggiore di quanto ritenuto sufficiente, dalla Commissione Scognamiglio, a risanare il debito pubblico accumulato fino al 1993.
Ma allora ci si chiede, come sia possibile che il debito pubblico degli italiani sia cresciuto enormemente rispetto al passato, in un periodo nel qualesono state vendute non solo le  partecipazioni dello Stato nell’industria, ma anche  il patrimonio immobiliare degli enti previdenziali, le cui entrate (fitti passivi) erano più che sufficienti  per  pagare  le pensioni a tutti gli italiani,  comprese le pensioni delle  future generazioni senza gravare sulla spesa corrente ?
-                      in quanto nel 1992, tramite  una  errata e  “dolosa”  interpretazione del dpr 44\90,sono stati decapitati i Vertici  Dirigenziali del Ministero delle Finanze, del Ministero del Tesoro e delle  Ragionerie  dello Stato (centrale,regionale e provinciale)decapitazione che si è realizzata con la loro retrocessione  dai ruoli dirigenziali della Carriera Direttiva Ordinaria disciplinata dal dpr 3\57 e ristrutturata dal dpr 748\72,
“ai Ruoli Impiegatizi“ disciplinati dalla legge 312\80 i cui profili professionali sono stati individuati con dpr 1219\84 e con dpr 44\90, retrocessione in carriera  illecita e illegittima in quanto effettuata in carriera diversa e inferiore  rispetto a quella nella quale erano stati originariamente assunti e inquadrati in ruolo i Dirigenti dell’Amministrazione Finanziaria.
-  Appare evidente che di conseguenza, con la decapitazione dei  vertici (Dirigenti) del Ministero del Tesoro e  del Ministero delle Finanze e della Ragioneria dello Stato sono venuti cadere i :
-                      controlli sulla gestione della “Spesa Pubblica” previsti dall’art. 81 e 103 co. 2° della Cost., dove si prevede  che il bilancio dello Stato è regolato dalle norme speciali sulla contabilità di Stato, - e che la Corte dei Conti ha giurisdizione nelle materie di contabilità pubblica e nelle altre specificate dalla legge.
-                       Si tratta  delle norme speciali che ai sensi  del R.D. 2440\23 e del  R.D. 827\1924  avevano  affidato  i suddetti  controlli ai Dirigenti delle Intendenze di Finanza , ai Dirigenti del Ministero del Tesoro ai Dirigenti delle Ragionerie dello Stato e  la giurisdizione  sulle violazioni, ai Magistrati della Corte dei Conti .
-    Controlli posti a garanzia dell’adempimento anche dei principi posti dalla Costituzione  agli artt.54, 81 e 97, controlli affidati ai Dirigenti dello Stato, ossia a coloro che erano stati assunti tramite pubblico concorso nei ruoli  dirigenziali della Carriera Direttiva Ordinaria disciplinata dal dpr  3\57 e ristrutturata una prima volta dal dpr 748\72 e una seconda volta dal dlgs  29\93, Dirigenti le cui competenze, ruolo e funzioni risultano tutt’ora disciplinate dal dlgs 165\01 che li individua  in combinato disposto, tra i seguenti art.  97 e  54 co. 2  Costituzione; art. 5 co. 1 dlgs 165\01; art. 2 co.1 e co. 1 bis) dlgs 165\01; art.16  co. 1 e co. 4 dlgs 165\01; art. 4  co. 2  e co. 3 dlgs 165\0, dove si prevede  che :
-                      “ I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano assicurati il buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione. Nell’ambito degli uffici sono determinate le sfere di competenza, le attribuzioni e le responsabilità proprie dei funzionari. Che agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante  pubblico concorso ( art. 97 Cost.)”
-                      Che i  cittadini cui sono affidate le pubbliche funzioni hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando Giuramento nei casi stabiliti dalla legge ( art 54 co. 2 Cost)”
-                      Che le Camere approvano ogni anno i  bilanci  e il rendiconto consuntivo, presentati dal Governo  e  predisposti  dai Dirigenti  del Ministero del Tesoro di concerto con i dirigenti  del Ministero del Bilancio e della Programmazione Economica  e  del  Ministero delle Finanze  con le modalità previste  della legge 468\1978 come modificata dalla legge 362\88( art. 81 Cost.)
-                      “che la  rispondenza al pubblico interesse dell’azione amministrativa  viene garantita dalle  amministrazioni pubbliche  con l’attuazione  principi enunciati dall’art. 2 dlgs 165\01”
(art. 5  dlgs 165\01)
-                      che gli uffici pubblici devono essere organizzati  secondo i principi generali  fissati da disposizioni di legge, e che la  direzione degli  uffici di maggiore rilevanza deve essere affidata  ai Dirigenti che devono venire  individuati nel rispetto della disciplina in materia di trattamento dei dati personali di cui al dlgs 196\03 art. 176,( art. 2 co. 1 e co. 1 bis dlgs 165\01).
-                      Il suddetto art. 2 comma 1 bis vuole precisare  che l’individuazione dei Dirigenti  da preporre ai vertici degli uffici  si deve realizzare nel  rispetto  e la salvaguardia dei dati personali, facendo cosi salve le carriere dei  dirigenti assunti nei ruoli dirigenziali della carriera direttiva ordinaria disciplinata dal dpr 748\72, ristrutturata dal dlgs 29\93 e trasfuso nel dlgs 165\01, ossia tra  i Dirigenti che sono stati illegittimamente retrocessi in carriera con il loro inquadramento nella IX qualifica funzionale, dirigenti che ai sensi del suddetto art. 2 comma 1 bis  del dlgs 165\01, dovrebbero venire restituiti ai ruoli di legittima appartenenza se l’amministrazione ottemperasse all’obbligo della salvaguardia dei dati personali tra i quali rientrano certamente i  dati riportati  nei decreti di inquadramento nei ruoli  (dirigenziali)  nei quali della  erano stati originariamente inquadrati prima in prova e poi in ruolo,presso l’Amministrazione Finanziaria.
-                      I  compiti e i poteri dei dirigenti vengono  individuati  dall’art. 16( dlgs 165\01)dove si prevede che  “ nell’ambito di quanto previsto dall’art.  4 co. 2(dlgs 165\01), solo i dirigenti  preposti al vertice degli uffici  dirigenziali possono adottare e sottoscrivere atti e provvedimenti amministrativi che impegnano l’amministrazione verso l’esterno,
-                       e che le  attribuzioni dei Dirigenti  possono essere derogate soltanto espressamente e ad opera di precise disposizioni legislative (art. 4 co. 3dlgs 165\01).
-                      Dirigenti a cui sono state demandate anche  le competenze che l’art.17 della legge 146\80 affidava ai  dirigenti delle Intendenze di Finanza,
-                      Competenze confermate dal dlgs 361\98  decreto emanato in attuazione degli artt.11 e 12 della legge 59\97  ( Bassanini), ossia gli articoli, in base ai quali ( art.  11) è stato emanato anche il dlgs 300\99 e il decreto  prot. N. 1319 del 28.12.2000  rispettivamente
-                      -    il decreto di istituzione delle Agenzie Fiscali (dpgs 300\99)
-                      -    il decreto di attivazione delle agenzie Fiscali ( prot. N.1319\2000)
Dove l’art. 6 del decreto di attivazione delle Agenzie Fiscali  prevedeva che alle stesse (Agenzie Fiscali)  dovessero venire attribuite le funzioni già attribuite alle “strutture dei Dipartimenti“ che venivano contestualmente soppresse.
Strutture Dipartimentali  che a loro volta, nell’anno 1992, erano subentrate agli uffici finanziari allora esistenti (comprese del Intendenze di Finanza) uffici TUTTI SOPPRESSI dall’art.75 del dpr 287\92, emanato in attuazione della legge 358\91, decreto che faceva comunque  “salve” le professionalità acquisite dal Dirigenti in servizio nel precedente ordinamento (art.1 e 80 dlgs 287\92), compresi ovviamente i dirigenti delle Intendenze di Finanza.
Ne consegue che tutti i dirigenti dei vecchi uffici finanziari avrebbero dovuto dirigere anche le nuove strutture dei  subentrati  “Dipartimenti” e successivamente tutte le strutture delle Attuali Agenzie Fiscali  nonchè le strutture operative di Equitalia, essendo  subentrata   la stessa Equitalia) nelle funzioni un tempo affidate dalla legge agli  Intendenti Di Finanza ai sensi dell’art. 24 del dpr 602\1973 dove si prevedeva che “ il ruolo è consegnato all’esattore dall’intendenza di finanza  e che la sospensione e la rateizzazione della riscossione  prevista dall’art. 39  e 19  del dpr 602\73 era sempre di competenza dell’Intendente di Finanza che  ai sensi dell’art. 19 dello stesso decreto  e dell’art. 36 comma 3 del dlgs 46\99 (sezione staccata della direzione regionale delle entrate) solo l’Intendente di finanza aveva i poteri per concedere le suddette agevolazioni“  per comprovata necessità di mantenere livelli occupazionali  “e di assicurare il proseguimento di attività produttive, tenuto conto della localizzazione delle imprese in regioni ultraperiferiche a scarsa densità demografica come la Sardegna,
- e cio  in ossequio al  “ principio di non discrimine “ fissato dall’art. 299 paragrafo 2 del Trattato CEE  modificato dal Trattato di Amsterdam, dove si prevede la concessione di particolari agevolazioni  atte  a compensare i sovra costi di trasporto nei territori ritenuti meritevoli di specifici aiuti utili alla sviluppo economico e alla coesione sociale.

3) Che le suddette competenze competessero esclusivamente ai Dirigenti assunti nei ruoli  dirigenziali della Carriera Direttiva delle Intendenze di Finanza lo aveva previsto l’art. 80 del dpr 287\92  quando  assicurava ai Dirigenti in servizio, la salvaguardia delle professionalità acquisite nel precedente ordinamento, e la valenza della suddetta
Previsione  e’ stata  confermata dal Consiglio di Stato con decisione della IV sezione n. 3802 del 7.07.2000 e dal Consiglio di Stato con decisione della IV sezione n. 3499 del 22.06.2000, dove  il Consiglio di Stato precisa che l’art. 3 del dlgs 29\93 attribuisce  ai soli Dirigenti l’emanazione di atti di pertinenza dell’amministrazione, ivi compresi quelli che la impegnano verso l’esterno, nonchè gli atti relativi alla gestione tecnica, finanziaria e amministrativa, ed anche quella relativa alla gestione delle risorse umane, che vale a collocare i dirigenti  in una posizione di responsabilità del tutto peculiare, cui non è in alcun modo assimilabile quella del personale che non sia stato assunto  nei ruoli e nelle qualifiche dirigenziali della carriera direttiva ordinaria disciplinata dal dpr  3\57 e ristrutturata dal dpr 748\72,
-   dalla Corte Costituzionale nella  sentenza n. 351\2008,  con la quale la Corte, chiamata a pronunciarsi sullo Spoils System subìto da un dirigente assunto nei Ruoli  Dirigenziali  della Pubblica Amministrazione,  a cui veniva riconosciuto un risarcimento economico come equo indennizzo in alternativa alla reintegrazione nei ruoli della Pubblica Amministrazione  di appartenenza, ha tenuto a precisare che:
“ il risarcimento economico dei danni  offerto al  Dirigente come – tutela equivalente - non ripara il danno che lo  Spoil Sistem  ha arrecato all’interesse della Collettività.
L’interesse della Collettività  alla reintegrazione d’ufficio del Dirigente dello Stato è anche interesse all’esercizio del dovere individuale (del Dirigente) di svolgimento di pubbliche funzioni  con le modalità per le quali ha prestato giuramento di svolgerle (funzioni) con disciplina ed onore, secondo quanto previsto  dall’art. 54 co 2 della Costituzione”.

La Corte Costituzionale con la Sentenza 351\2008 ha voluto ribadire come la neutralità, l’imparzialità, la legalità, il buon andamento sono presidi da conservare nell’interesse dei cittadini che altrimenti non sarebbero uguali di fronte alla legge in termini di servizi, regole, diritti e doveri, che la funzione pubblica è un valore in sè, è  un presidio democratico contro possibili arbitri e ingiustizie del potere, è un’argine all’egoismo dei singoli e delle maggioranze politiche.

Avere ai vertici delle Pubbliche Amministrazioni Dirigenti di carriera, assunti tramite pubblici concorsi, anzichè di nominati, non solo consente ai dirigenti di affermare autonomi poteri, ma permette loro di mettersi al servizio dei reali interessi della gente, di essere custodi di valori condivisi, di fare argine alle sempre possibili prepotenze di Singoli, di Gruppi Organizzati o di Poteri Forti.

4) In tal senso si è espresso anche il Tar del Lazio con sentenza n.6884 del 1° agosto 2011 che ci ha svelato un importante segreto di Stato, infatti ha dichiarato illeciti e illegittimi  gli  ottocento  incarichi dirigenziali conferiti a semplici impiegati invece dei veri Dirigenti  delle Agenzie delle Entrate sparse nelle varie sedi d’Italia.
Pertanto  se  è vero che su un organico di 1.200 dirigenti  solo 400 posti risultano coperti da dirigenti abilitati (ossia assunti tramite regolare concorso) e gli atri 800 incarichi  sono stati conferiti a dei “nominati“
“ alla luce di quanto previsto dalla  normativa sulla formazione delle piante organiche“
i suddetti ottocento incarichi conferiti  “a nominati”, non possono essere altro che  posti in organico  sottratti ai veri Dirigenti del Ministero dell’Economia e finanze, che a causa di una erronea interpretazione del dpr 44\90, erano stati illegittimamente  inquadrati nella nona qualifica funzionale, Dirigenti che,
-  se l’erroneo inquadramento nella IX qualifica  si fosse realizzato in buona fede -
avrebbero dovuto venire restituiti ai ruoli di legittima appartenenza, dopo che l’art.17 co. 82 della legge 127\97 aveva abrogato le norme con le quali anche i Segretari Comunali erano stati  erroneamente  e illegittimamente  retrocessi in carriera  con  il loro inquadramento nella nona qualifica funzionale,
-   E  la restituzione si rendeva d’obbligo dal momento che la carriera dei Segretari Comunali risultava equiparata a quella dei Dirigenti  del Ministero delle Finanze assunti nei ruoli  dirigenziali della Carriera Direttiva disciplinata dal dpr 748\72 e ristrutturata dal dlgs 29\93,
-   e dal momento  che detta  equiparazione era prevista all’art. 25 e nelle tabelle allegate al dpr 749\72 e che la stessa (equiparazione) è stata  ribadita  dall’art.11 bis del d.l. 283\81 convertito dalla legge 432\81, dal d.l. 2\85 convertito dalla legge 72\85, dall’art. 2 co. 4 del dlgs 29\93  nonche dalla legge 334\97 .
tenuto conto poi che:

5) La Corte dei Conti  sezione di controllo sugli enti  con determinazione  n. 31\2008  nell’adunanza del 28 marzo 2008 e n. 43\2010 nell’adunanza dell’11 maggio 2010 e

6) il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (sezione quarta)  con sentenza n. 03812\2012  depositata in segreteria  il 27.06.2012,  hanno precisano che  anche dopo l’entrata in vigore dell’art.36, comma 4 septies della legge n.31\2008  introdotto in sede di conversione  del decreto legge n.248\2007, Equitalia S.p.a. è sottoposta al controllo della Corte dei Conti previsto dall’art. 100, co. 2 della Costituzione e della sua legge di attuazione n. 259\1958, rimanendo immutati in capo  ad Equitalia S.p.a. i presupposti di soggetto che fruisce di contribuzioni ordinarie pubbliche,  costituito con apporto di risorse pubbliche al patrimonio e con integrale sottoscrizione del capitale sociale, pertanto  il Consiglio di Stato  sostiene che l’attività di riscossione  essendo  stata devoluta all’Agenzia delle Entrate ai sensi dell’art. 3 del d.l. 203\2005 convertito nella legge 248\2005, i cui uffici sono incardinati nella Pubblica Amministrazione, per cui  appare evidente che anche   - Equitalia S.p.a.  -  agendo in qualità di agente della riscossione – in quanto concessionario  di un pubblico servizio, ai sensi dell’art. 45 del dlgs 112\99, deve utilizzare  per tutte le incombenze   esclusivamente personale che opera in regime di diritto pubblico, ossia attraverso i Dirigenti della Pubblica Amministrazione, compreso il personale che effettua la notificazione degli atti della riscossione, ossia i “ messi notificatori “ che devono  essere  abilitati alla professione ai sensi dell’art. 12 e 13 del dlgs 59\2012 che ha recepito la normativa comunitaria.
Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale con la succitata sentenza n. 03812\2012  della IV sezione, depositata in segreteria il 27.06.2012, ha fatto di più:
ha  precisato  che tutto il personale utilizzato per le incombenze della riscossione  deve essere incardinato nella Pubblica amministrazione ai sensi dell’art. 1 co. 2 del dlgs  165\01.
Il Consiglio di Stato, nel richiamare le previsioni di cui all’articolo 1 del dlgs 165\01, sta confermando quanto previsto dall’art. 42 del dpr 600\73 dove si prevede che anche la sottoscrizione dei ruoli da trasmettere ad Equitalia per la riscossione devono venire sottoscritti esclusivamente dai Dirigenti, dal momento che solo ai Dirigenti compete l’adozione degli atti e dei provvedimenti che impegnano l’amministrazione verso l’esterno, come sancito dall’art. 16 co. 1 e dall’art. 4 co. 2 del dlgs 165\01 e dove l’art.1 che al co. 3 dello stesso decreto precisa che : “le disposizioni contenute nel presente decreto costituiscono principi fondamentali  ai sensi dell’art. 117 della Costituzione, principi costituzionali desumibili anche dall’art. 2 della legge 421\92 e dall’art. 11 co.4  della legge 59\97.
Invece come ci ha svelato il tar del Lazio con sentenza n. 6884 del 1° agosto 2011,
la  trasmissione  dei ruoli  ad Equitalia per la loro riscossione, prerogativa un tempo affidata alla  competenza esclusiva  degli Intendenti di Finanza, ossia alla più elevata “Carica” della Pubblica Amministrazione al pari del Prefetti e degli Ambasciatori, in questi  ultimi dieci anni e’ stata effettuata da semplici impiegati, spesso privi del diploma di laurea,  pertanto appare evidente che tutte le cartelle  esattoriali notificate dagli agenti della riscossione  e da  Equitalia  S.p.a. in questi ultimi   dieci  anni  potrebbero  venire annullate:

1)    per la mancata sottoscrizione dei “ Ruoli”  (trasmessi ad Equitalia ) da parte di un dirigente
Abilitato, ossia assunto tramite pubblico concorso nei Ruoli Dirigenziali della  P.A.
2)    per la notifica della cartella esattoriale effettuata da chi non aveva l’abilitazione ad esercitare
La  funzione  del  “ messo notificatore”

con conseguente  gravissimo danno  all’Erario per i mancati introiti dovuti alla irresponsabile comportamento dei Dirigenti posti al vertice  del Ministero dell’Economia e Finanze, che hanno agito nell’illegalita condivisa e diffusa.
I responsabili del suddetto danno sono facilmente identificabili in quanto i loro nomi  e i dati che li riguardano sono indicati nel documento che contiene l’elenco dei Dirigenti di 1° e 2° fascia in servizio nell’anno 2010 facilmente reperibile.
Si tratta dei Dirigenti che con la truffa e con l’inganno hanno portato via il posto ai colleghi  di pari categoria e livello di funzione, si tratta  di  coloro che hanno  nominato  gli 800 “ Dirigenti Fasulli “ individuati  dal Tar del Lazio nella Sentenza  n. 6884 del 1° agosto 2011, e sono  anche gli stessi  dirigenti che si sono resi  complici di un sistema “fuori legge” che ha voluto porre ai vertici del Ministero dell’Economia e Finanze 800 dirigenti fasulli al posto di altrettanti Dirigenti Veri, seppure inquadrati nella IX qualifica funzionale, Dirigenti in servizio  nei vari uffici  dell’Amministrazione Finanziaria, i soli a cui competeva  la reggenza dell’ufficio in attesa della nomina del titolare ai sensi dell’art. 20 del dpr 266\87.

Dirigenti  la cui  carriera  era stata salvaguardata dall’ art. 2 comma 4,  del dlgs 29\93 nonchè dall’art.  25 e dall’art. 74  dello stesso  dlgs 29\93  ( come modificato dall’art. 21 del dlgs 387\98) e dal  dpr 150\99 che prevedeva che tutti  a  Dirigenti assunti nei ruoli dirigenziali della  suddetta carriera direttiva ordinaria dovessero venire garantite le professionalità acquisite nel precedente ordinamento  ( art. 80 dpr 287\92) , e che gli stessi dovessero venire inquadrati  tra i Dirigenti di 2° fascia,  e tra questi dovessero transitare alla superiore 1° fascia, solo coloro che avevano  ricoperto incarichi di  direzione  di uffici  per un periodo di almeno cinque anni  ( dpr 150\99).
-  Poiche alla data   di entrata in vigore del suddetto dpr 150\99 con il quale era stato approvato il  regolamento  di attuazione del dlgs 29\93, non erano stati ancora espletati i concorsi previsti dall’art. 28 del dlgs 29\93,
-    appare evidente che l’inquadramento nella 1° fascia  non poteva che competere esclusivamente ai vecchi dirigenti, ossia a coloro che erano stati assunti nei ruoli dirigenziali della carriera direttiva ordinaria disciplinata dal dpr 3\57 e ristrutturata dal dpr 748\72, dirigenti  a cui competeva  in aggiunta al trattamento di base,  una  indennità pensionabile  prevista dalla legge 334\97 .
Il fatto che l’inquadramento tra  i Dirigenti  di  1° fascia competesse soltanto a coloro che erano stati assunti nei ruoli della Carriera direttiva  ordinariadisciplinata dal dpr 748\72, ossia gli unici che a quella data potevano aver ricoperto incarichi di direzione di uffici e reparti per almeno cinque anni, e che agli stessi competesse l’indennità di posizione di cui alla legge 334\97, indennità pensionabile correlata esclusivamente alle funzioni dirigenziali attribuite,
-                      scatenò una guerra senza quartiere – all’interno del Ministero delle Finanze , guerra a cui parteciparono le forze politiche in quanto  la stessa indennità competeva anche agli ex parlamentari  non titolari di assegno vitalizio .
-                      Guerra in cui  ebbero la peggio coloro che  erano stati assunti nei ruoli dirigenziali della soppressa Intendenza di Finanza,  ossia i  Dirigenti che avevano diritto (prima di tutti gli altri) a transitare  alla 1°  fascia perchè  avevano ricoperto incarichi di direzione di uffici e reparti  ben oltre i cinque anni, dirigenti che  avrebbero dovuto venire restituiti ai ruoli dirigenziali di legittima appartenenza ai sensi della legge Bassanini  n.127\97 (art. 17 comma 82), dirigenti che invece  furono oggetto di una vera e propria
-                      “ campagna del Fango “ che portò, in aggiunta alla retrocessione in carriera, la loro  rimozione dagli incarichi di direzione fino ad allora ricoperti, e alla collocazione al posto loro, proprio di un  gruppo di  Dirigenti che con sistemi su cui sarebbe il caso di indagare per  gli inquietanti  risvolti penali, si attivò perchè venissero  esautorati dai loro incarichi soprattutto i Dirigenti delle ex Intendenze di Finanza che avevano ricoperto incarichi di direzione di uffici e reparti per almeno cinque anni, condizione prevista dal dpr 150\99 per poter transitare dalla 2° alla 1° fascia dirigenziale istituita dal dlgs 29\93 .
-                      Infatti l’Amministrazione finanziaria invece di dare adempimento a quanto previsto  dall’art.17 co.82 della legge 127\97 e di quanto previsto dal dpr 150\99 , “ assegnò” i posti  dei  dirigenti perseguitati (soprattutto quelli degli ex Intendenti di Finanza)
-                       agli autori della “macchina del fango”, che, impadronitasi dei vertici del Ministero imposero a se stessi e a tutti i dirigenti collocati nella IX qualifica funzionale, e pertanto retrocessi in carriera, una  nuova prova concorsuale interna“, giustificata  come modalità  alternativa ad  un contenzioso per  ottenere più velocemente la restituzione dei dirigenti dalla posizione della IX qualifica funzionale ai  ruoli di legittima appartenenza,concorsi ovviamente truccati  e pilotati  da costoro che  nella prova selettiva  risultarono tutti vincitori e coloro che avevano titolo all’inquadramento nella 1° fascia ottennero solo l’idoneità alla dirigenza ! Ovviamente si trattava di concorso fasullo”,ossia un secondo concorso non previsto dalla legge”

-                      Infatti   per accedere alla Dirigenza bastava aver superato un solo e unico primo concorso, e che  il  secondo concorso (fasullo) “era stato inventato“ solo per portare via il posto al collega Dirigente, che  avendo  più titoli (direzione uffici e reparti per 5 anni) aveva conseguito anche il diritto all’inquadramento nella qualifica di Dirigente superiore  nonchè a  percepire in aggiunta allo stipendio, una indennità  pensionabile correlata alle funzioni, dal momento che  la progressione in carriera dei Dirigenti assunti nei ruoli dirigenziali della carriera direttiva ordinaria disciplinata dal dpr 3\57 e ristrutturata dal dpr 748\72 si realizzava  semplicente “ per anzianita di servizio e con giudizi di non demerito” come precisato  anche dalla Corte Costituzionale con Sentenza n. 521 del 17.12.1987.
-                      Da allora  costoro - gli  scippatori - hanno costituto una vera e propria “organizzazione  illegale” che  si  è impadronita dei vertici del Ministero dell’Economia e Finanze, e tra questi sono compresi i vertici di Equitalia, che si accanisce contro i più deboli e proteggere invece i grandi  evasori  fiscali .
-                      I  loro comportamenti  illeciti e illegittimi,  sono stato stigmatizzati  anche dal Tar del Lazio nella sentenza n. 6884 del 1° agosto 2011, dove si afferma che su un organico di 1.200 dirigenti, 800 incarichi di funzione sono stati conferiti “a nominati”, ossia a semplici impiegati invece di veri dirigenti, che risultano tuttora assurdamente inquadrati ancora nella nona qualifica funzionale e successive modifiche peggiorative.

Ma allora ci chiediamo a quale personale  si rivolgeva il legislatore quando ha emanato l’art. 10 della legge 358\91  con la quale  si modificavano le qualifiche  dei dirigenti individuate nella  tabella VI allegata al dpr 748\72  che identificava le qualifiche dei dirigenti dei vari uffici dell’amministrazione Finanziaria ?
Era ovvio che si rivolgeva ai Dirigenti assunti nei ruoli dirigenziali della carriera direttiva ordinaria disciplinata dal dpr 748\72, dirigenti che una organizzazione criminale sovranazionale ha voluto decapitare  - con il loro collocamento nella IX  qualifica funzionale  - .
Perchè se non fossero stati estromessi dal loro ruolo e dalle  loro funzioni dirigenziali (ruolo e funzioni conferite al momento della loro assunzione in servizio contestualmente all’approvazione della graduatoria   dei vincitori del concorso da parte del  Ministro delle Finanze ai sensi dell’art. 10 della legge 397\75)

I veri dirigenti delle ex Intendenze di Finanza, avrebbero certamente impedito le seguenti  gravissime illegalità perpetrate ai  danni  delle casse dello Stato e quindi a danno del  popolo Italiano :

1)                  la svendita del demanio,  del patrimonio dello Stato e quello degli Enti Previdenziali
2)                   il mancato introito del ricavato della vendita  per l’abbattimento del debito pubblico
3)                  L’annullamento delle cartelle esattoriali  notificate da Equitalia negli  ultimi  anni
4)                  Il   gravissimo danno al prestigio l’onore e all’immagine dello Stato e del suo Ministero dell’Economia e  Finanze .

Danni che potevano venire  facilmente evitati se non fossero stati “ Dolosamente decapitati “ i vertici dei Ministeri delle Finanze, del Tesoro e delle  Ragionerie dello Stato i cui  Dirigenti  avrebbero potuto rammentare ai rispettivi   Ministri quanto   gli studenti di Giurisprudenza apprendono alla  1°  lezione  del 1° anno,  ossia   quanto previsto  all’art. 11  delle  “ disposizioni  sulla legge in generale “  approvate  con R.D. 262\1942  dove si prevede che:
“ La legge non dispone che per l’avvenire , e che essa non ha effetto retroattivo”
Regola\principio  ripetutamente  ribadito   dalla :

a)      Corte  Costituzionale, (ex multis) con sentenza n. 525 del 22.11.2000 (pubblicata su G.U. n.49 del 29.11.2000) dove la Corte conferma: “  l’esclusione degli effetti retroattivi della norma giuridica in quanto inciderebbe  irragionevolmente su situazioni regolate da leggi precedenti ledendo il diritto del cittadino sull’affidamento e nella sicurezza giuridica, principio essenziale dello “ Stato di Diritto”.I Dirigenti onesti,  se lasciati al posto loro  avrebbero potuto richiamare l’attenzione  della classe politica anche  sul fatto che :
b)      la Cassazione a sezioni unite civili (  ex  plurimis ) sentenza n. 4212 del 19 luglio 1982, aveva  ripetutamente  sottolineato in diverse Sentenze che “caratteri distintivi dell’Ente Pubblico devono venire individuati più che nei fini di pubblico interesse da esso perseguiti, nello speciale regime giuridico di assoggettamento al controllo della Corte dei Conti, a cui sono sottoposte  le persone giuridiche a cui sono trasferiti i poteri e le prerogative analoghi a quelli dello Stato, e tutto ciò in attuazione dell’art.103 della Costituzione, dove si prevede che la Corte dei Conti ha giurisdizione esclusiva nelle materie di contabilità pubblica e nelle altre specificate dalla legge (come il  r.d. 1214\1934, d.l.453\93 conv. Legge 19\94, legge n. 20\1994).
Per quanto sopra esposto si chiede che codesta Corte dei Conti voglia accertare la verità dei fatti come sopra documentati, e :

1) voglia attivarsi affinchè la Corte Costituzionale  si pronunci sulla  violazione dei principi  costituzionali  da parte di “Leggi Ordinarie “ che hanno modificato “ leggi speciali” quali” l’art.14 del dlgs 279\97 che in combinato disposto con l’art. 1 del dlgs 173\03 ha modificato l’art. 822 del codice civile, abolendo la distinzione giuridica tra : Patrimonio Disponibile e Patrimonio Indisponibile dello Stato, “distinzione giuridica“ legata indissolubilmente alle Guarentigie Costituzionali e alle molteplici  norme “Speciali” sulla Contabilita di Stato, del Provveditorato Generale dello Stato, e del codice civile art. 822 e seguenti,

2) nonchè l’incostituzionalità  della legge 448\98  dove si prevede che  possa venire venduto\dismesso \alienato l’ immenso patrimonio storico artistico archeologico dello Stato Italiano, patrimonio che tutto il mondo ci ha sempre invidiato, compresi i beni vincolati dalla legge 1098\1939 con le  modalità di vendita equiparate a quelle concesse ai privati dall’art.24 della legge 488\99, dove si prevede che l’acquirente possa venire identificato attraverso una procedura competitiva, in colui che è disposto ad acquistare l’intero complesso dei beni  identificati col termine “Cose di Antichità”.

3) che vengano  dichiarate nulle ab origine tutte le “Dismissioni“ del patrimonio dello Stato effettuate ai sensi dei “poteri speciali “ che il d.l. 332\94 convertito nella legge 474\94 ha conferito  ai Politici (Ministro del Tesoro e Ministro delle Finanze) anziché ai Dirigenti della Pubblica Amministrazione posti nella posizione di vertice equivalente ed equiparata a quella  un tempo ricoperta  dagli Intendenti di Finanza ai sensi del  r.d. 185\1933 e del dpr 72\1955, poteri che erano sottoposti alla giurisdizione della Corte dei Conti  ai  sensi dell’art. 103 comma 2° della Costituzione.

4) La suddetta richiesta  di annullamento e’ suffragata dal fatto che  la Corte di Giustizia dell’Unione  Europea con sentenza del 26 marzo 2009, causa C – 326107 ha condannato l’Italia per i “ poteri speciali”  che sono stati conferiti al Ministro del Tesoro e delle Finanze, in quanto i suddetti “Poteri Speciali“ si pongono in contrasto  con i principi dettati dalla normativa comunitaria, di cui all’art.260 del trattato sul funzionamento dell’Unione Europea;
in particolare l’Italia sarebbe venuta meno agli obblighi ad essa incombenti  in forza
degli artt. 43 e 56 del Trattato CE. , e che a seguito della “condanna“ l’Italia ha dovuto emanare il DPCM 20 maggio 2010 con il quale è stato abrogato l’art. 2  del d.l. 332\1994 convertito nella legge 474\94,  che conferiva “ poteri speciali” ai politici (Ministro del Tesoro e ministro delle Finanze).

5) Pertanto in  conseguenza  della suddetta abrogazione, risultano  abrogate anche le privatizzazioni   effettuate dall’autorità politica -  tramite  poteri speciali - anzichè dall’autorità amministrativa, come previsto dall’art. 829 del codice civile dove si prevede che un bene del demanio pubblico per poter essere venduto
(in quanto ritenuto non più rispondente alle esigenze della collettività) deve  transitare\passare dal demanio pubblico al patrimonio dello Stato, e che la suddetta modificazione giuridica deve essere dichiarata da una autorità amministrativa, distinzione giuridica prevista dall’art. 826 del codice civile, articolo nel quale vengono elencati i beni facenti parte del patrimonio disponibile ed i beni facenti parte del patrimonio indisponibile, distinzione  giuridica che sarebbe venuta meno  a seguito dell’entrata in vigore dell’art. 14 del dlgs 279\97 e dell’art. 1 del dlgs 173\03 ( legge ordinaria )  che ha modificato l’art. 822 e 826 del codice civile ,che ha consentito la “vendita” e il successivo riaffitto a prezzi esorbitanti dallo stesso acquirente persino degli immobili che un tempo erano destinati ad accogliere le  sedi  delle Intendenze di Finanza e della Guardia di Finanza, svendite e riaffitti  su cui  tuttora indaga la Procura della Repubblica di Cagliari e Oristano in quanto gli acquirenti risultano appartenere a famiglie camorristiche  cui ancora si indaga.
-                      Modifica  del codice civile  di cui deve venire dichiarata l’incostituzionalità, dal momento  che la suddetta  distinzione giuridica ( disponibile\indisponibile) era contemplata non solo dall’art. 822 e 826 del codice civile, ma  era regolata anche  dalle norme speciali sulla contabilità di Stato, modifica (del codice civile ) effettuata pertanto in  violazione del principio ermeneutico che recita: “ lex posteriori generalis non derogat priori speciali “.

6) Per i suddetti motivi e a seguito dell’emanazione del DPCM 20 maggio 2010 con il quale è stato abrogato l’art. 2 del d.l. 332\94 convertito nella legge 474\94, e di conseguenza  anche l’art. 4 comma 227 e comma 320 della legge 350\2003).

7) Sempre, e  di   conseguenza  dovrebbero risultare abrogati  anche  i seguenti DPCM: DPCM  5 ottobre 1995; DPCM  21/03/1997; DPCM 17/09/1999; DPCM 28/09/1999; DPCM 23/03/2006.
Con i quali si è proceduto alla privatizzazione (tramite poteri speciali) delle  società del gruppo ENI Spa, del gruppo STET  (STET Spa, telecom italia spa) società del gruppo Enel (Enel spa, Enel distribuzione  spa, Enel produzione spa, società del gruppo Finmeccanica spa, e società del gruppo  Snam rete Gas spa, anche l’art.4 comma 227 e 320 della legge 350\2003

8) E, sempre di conseguenza, con la  soppressione dell’art.2 del d.l.332\ 94. convertito nella legge 474\94 da parte del DPCM 20 maggio 2010) dovrebbe venire richiesta abrogazione per l’Incostituzionalità  dell’art. 3 comma 111 della legge 662\1996 che riscrive l’art. 14 bis della legge 86\94 , articolo (14 bis) introdotto dal d.l. 406\95 convertito dalla legge 503\95  dove si prevede che  il Ministro del Tesoro (uomo politico e non Dirigente dello Stato)  in base ai “ poteri speciali” conferiti  dal d.l. 332\94 convertito nella legge 474\94 è  autorizzato a vendere a società private di gestione il patrimonio Immobiliare degli Enti Previdenziali, con modalità di vendita in uso nei mercati finanziari individuando senza regole gli acquirenti  tra “ soggetti che dimostrino idonea capacità imprenditoriale”  oppure a società private di gestione che “non possono venire controllate neanche indirettamente dagli Enti Previdenziali conferenti il patrimonio immobiliare.

9) Che voglia condannare il dott. Befera  al risarcimento dei gravissimi danni Causati all’erario  nella sua  condotta  tenuta nella  doppia veste di Direttore Generale dell’Agenzia delle Entrate e di Direttore Generale di Equitalia Spa

A) E per aver  autorizzato  dei semplici impiegati, anzichè i dirigenti inquadrati nella IX qualifica funzionale in servizio nell’Agenzia delle Entrate, alla sottoscrizione degli atti di  accertamento e di  iscrizione a ruolo da trasmettere ad  Equitalia  spa per la riscossione;
B) per aver autorizzato  Equitalia  spa alla notifica degli atti di accertamento e riscossione  da parte di personale (messi notificatori) privi del prescritto titolo abilitante;
Comportamenti che  potrebbero causare la nullita di tutti gli accertamenti effettuati dall’Agenzia delle Entrate negli ultimi anni, dal momento che è vietata la riemissione delle Cartelle Esattoriali  già notificate in base al principio giuridico “ Ne Bis In Idem “
comportamenti  che  risultano comprovati :
1)    dalla sentenza del Tar del Lazio n. 6884 del 1° agosto 2011  e dalla Corte Costituzionale con ordinanza n. 377 del 9 dicembre 2007 dove si afferma che su un organico di 1200 dirigenti, ottocento incarichi di funzione dirigenziale sono stati conferiti a semplici impiegati  anzichè ai dirigenti in servizio, dirigenti che seppure inquadrati nella IX  qualifica funzionale, erano gli unici funzionari  che in assenza del Dirigente Titolare, ai sensi dell’art. 20 del dpr 266\1987 potevano sottoscrivere gli atti che impegnano l’amministrazione verso l’esterno.
2)   Dalla Determinazione della Corte dei Conti sezione di Controllo sugli Enti n.31\2008 depositata il 28 marzo 2008 e dalla Determinazione n. 43\2010 depositata il 18.05.2010 si sancisce l’assoggettamento  della gestione finanziaria di Equitalia Spa al controllo della Corte dei Conti ai sensi della legge 259\58 art. 2 e 3, dove si precisa che  la notifica degli atti emessi da Equitalia Spa deve essere effettuata da messi notificatori che abbiano i requisiti previsti dall’art. 12 e 13 del dlgs 59\2010 nonchè  di quanto previsto  dall’art 36 del d.l. 248\2007 convertito nella legge 31\2008 dove al comma 4 ter si prevede che “la cartella di pagamento” di cui all’art. 25 del dpr 602\1973 e successive modifiche deve contenere  – a  pena di nullità - l’indicazione del “ Dirigente “responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo e quello di emissione e di notificazione della stessa cartella, e che  la notifica degli atti da parte di Equitalia spa, può essere effettuata (dalla data di entrata in vigore della legge n.31\08) oltre che dai messi notificatori abilitati,  anche  tramite il sevizio postale con le modalità previste  dall’art.7 della legge 890\1982 come integrato dall’art. 36 comma  2 quater  e 2 quinquies  del d.l. 248\07 convertito  nella legge 31\2008.

Chiediamo quindi la punizione nei termini di legge per tutti i reati sopra contestati, e quant’altro ravvisabile dall’esposizione dei fatti sopradescritti e scaturenti dalle indagini, il ripristino della legalità, della giustizia e le più severe sanzioni e condanne previste dalla LEGGE.

Ci riserviamo inoltre di costituirci parte civile nell’instaurando procedimento penale;
e, ai sensi dell’ex art. 408 c.p.p., chiediamo di essere avvisati in caso di richiesta di archiviazione.


IN FEDE.

fonte: http://www.albamediterranea.org/index.php?option=com_k2&view=item&id=445%3Aquerela-suprema-di-orazio-fergnani&Itemid=16


1 commenti:

Orazio Fergnani ha detto...

Caro Antonio Bacherini .... non ci conosciamo ma permettimi di chiamarti così perchè mi sento di doverti ringraziare per aver pubblicato per intero il testo della denuncia mia e di altri colleghi di AlbaMediterranea ed altre associazioni (abbiamo firmato in tre a nome nostro ma come presidenti di varie organizzazioni).

Hai perfettamente recepito uno dei presupposti fondanti la motivazione che ha determinato questa denuncia e cioè quella di utilizzare questo strumento come veicolo per fare scandalo e sbugiardare per bene i cialtroni che hanno usurpato il trono metaforico che competeva e compete soltanto al "Cittadino".

L'altro punto che hai perfettamente rilevato è che in realtà noi siamo perfettamente consapevoli che la nostra denuncia non avrà mai nessun seguito, infatti , come detto prima, il nostro fine è ben altro e cioè l'utilizzo mediatico dello sputtanamento....

Però forse ti sfugge che al procuratore (che è il soggetto che decide se mettere sotto indagine e procedere...) .... occorre soltanto avere "notizia del reato" non importa in che forma, se è generica, se è più o meno circostanziata..., estesa o concisa.... l'importante è che abbia "notizia di reato" da "persona informata dei fatti... e noi abbiamo riportato NOTIZIE DI REATO .... E SIAMO INFORMATI DEI FATTI.... Poi... se, e quando, un qualche Procuratore della Repubblica si degnerà di far vedere che esiste e fa' il suo dovere... noi siamo qui a completa disposizione ....

Per completezza di informazione va detto che questa è la decima che facciamo contro le più alte cariche dello Stato, sempre per un range di violazioni del codice penale che vanno da una quindicina ad una trentina... e la prima di queste dieci è stata depositata oltre tre anni fa'....

Fra queste quella più eclatante è stata quella contro Monti, Napolitano, ed altri che abbiamo depositato il giorno dopo l'insediamento di Monti il 18 novembre 2011.... seguita poi da quella del 09 dicembre 2011 e quella del 24 dicembre 2011.... tutte querele estremamente circostanziate con circa 180 (centottanta) pagine di documenti allegati...

Querele a cui si sono ispirati molti personaggi che le hanno replicate, fra cui anche alcuni da te citati che li hanno riproposti con qualche piccola variante a partire dall'aprile di quest'anno... Ovviamente però senza mai andare a toccare il principale argomento responsabile dello sfascio attuale dello Stato.. e cioè l'argomento tabù del "SIGNORAGGIO".

Ed infine vale la pena d sottolineare che un aspetto non ti è apparso nella giusta luce... e cioè che il reato di "riduzione in schiavitù... fu denunciato (e preso in considerazione) pure dal professor Auriti nella sua famosa denuncia contro Bankitalia.... esattamente per gli stessi motivi per cui oggi la proponiamo noi...

Ti ringrazio fin da ora pure per la pubblicazione di questa mia precisazione e ti rinnovo i ringraziamenti per la pubblicazione sul vostro affermato, celebre e stimato sito.

Ciao.

Orazio Fergnani - AlbaMediterranea.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi