Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 2 settembre 2012

La ragazzina che non poteva abortire è morta
Finisce in tragedia la storia di Esperanza, malata di leucemia e "condannata" dalle leggi della Repubblica Dominicana

Abbiamo parlato poco tempo fa di Esperanza, la ragazzina in Repubblica Dominicana che doveva scegliere fra suo figlio e la sua vita: anzi, la ragazzina a cui questa scelta era preclusa. Malata di una forma di leucemia, si doveva urgentemente sottoporre a chemioterapia, ma essendo incinta avrebbe dovuto prima di tutto sottoporsi ad aborto terapeutico.


Parliamo al passato perché Esperanza è morta, e aveva solo 16 anni. La sua condizione era terminale e non ha potuto curarsi come avrebbe dovuto perché la legge della Repubblica Dominicana sull’aborto parla chiaro. L’Ivg è vietata con divieto costituzionale e a nulla sono valse le preghiere della madre. L’aborto a Santo Domingo è vietato e così non c’è stato nulla da fare, non potendo abortire la ragazza non si è sottoposta alle cure, ed è morta. I medici avrebbero potuto iniziare comunque il trattamento ma inizialmente, scrive la Fox Latino, “avevano paura delle eventuali conseguenze legali”. La ragazza è così morta venerdì scorso per “complicazioni collegate alla sua malattia”. Il ciclo di chemio era stato iniziato, ma “il corpo non ha risposto alla cura”, è andata in arresto cardiaco ed è morta.

La madre, disperata, afferma di non aver più nulla da vivere: “La vita di mia figlia veniva prima. So che aborto è un crimine e un peccato. Ma ora mi hanno uccisa, sono morta, morta. Non sono più nulla. Lei era la mia ragione di vita. Ora non vivo più. Rosa è morta. Fatelo sapere al mondo”. Nel 2009 la Repubblica Dominicana ha approvato l’articolo 37 della Costituzione che definisce “il diritto alla vita come inviolabile dal concepimento alla morte naturale”. Questo articolo ha condotto all’abolizione della pena di morte nel paese: e alla morte di Esperanza.


fonte: Giornalettismo


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi