Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta esteri governo economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola immigrazione eurocrati facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria parentopoli Grecia germania siria banchieri inquinamento mario monti enrico letta marijuana big pharma napolitano nwo obama vaccini Traditori al governo? agricoltura ogm austerity sondaggio tecnologia Angela Merkel bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi PD terrorismo BCE clinica degli orrori equitalia privacy video nucleare prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo evasione fisco magdi allam moneta pedofilia usura FBI elezioni francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società troika Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon africa attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini m5s magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL Unione Europea aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri casaleggio cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 8 agosto 2012
Bella ragazzadi George Luis
Lo stress è un forte ostacolo per il nostro benessere e la nostra vitalità e oggi come mai è costantemente presente nelle nostre giornate. Il dolore che ci procura però è spesso causato dalla cattiva interpretazione di questo stato d’animo e il nostro approccio errato nei suoi confronti.
Vi è mai capitato di provare a rilassarvi e scoprire che più ci impegniamo per rilassarci più ci stressiamo? Vi è capitato per caso anche di scoprire che nel momento in cui smettiamo di voler controllare la situazione e il nostro stato d’animo improvvisamente ci ritroviamo rilassati? Perché succede questa strana cosa e cosa significa veramente essere rilassati?
Rilassarsi significa cedere il controllo. Possiamo non renderci conto consciamente ma è una cosa che sperimentiamo ogni volta che usciamo fuori da situazioni di stress, rabbia, paura e ansia. Semplicemente smettiamo di volerle controllare o ci distraiamo facendo altro e loro ci lasciano in pace.
Queste sono emozioni le proviamo ogni volta che abbiamo la sensazione di perdere il controllo. Che si tratti di relazioni, lavoro, salute o denaro, ogni volta che abbiamo la sensazione di perdere aderenza, veniamo avvolti da rabbia, tristezza, paura, ansia e non solo.

A volte riusciamo a rilassarci e risolvere il problema interrompendo il flusso di pensieri, facendo una passeggiata o andando a vedere un film ma è solo una soluzione temporanea.
La vera soluzione è accettare queste emozioni e questi stati d’animo. E questo non significa essere incoscienti o irresponsabili ignorando tutto quello che ci circonda, significa essere saggi e accettare le cose per quello che sono.
L’ auto-consapevolezza – la vera chiave per rimanere rilassaci a lungo.
Senza consapevolezza è facile perdere le staffe e cadere nella depressione. Quando siamo consapevoli delle nostre emozioni e le accettiamo siamo in grado di valutare la gravità del problema, darle i giusto peso e trovare la soluzione più adatta.
Lo so, non è facile oggi giorno.. sembra che gli unici momenti in cui possiamo “staccare” un po’ dallo stress quotidiano è quando ci dedichiamo ai nostri hobbyoppure quando decidiamo di rifugiarci su una spiaggia o dentro una Spa.
Anzi spesso il flusso di pensieri è talmente intenso che purtroppo neanche questo non basta e ci ritroviamo li dentro quell’idro massaggio, o sotto quell’ombrellone a pensare se quel lavoro è andato bene, se domani riusciremo ad arrivare in tempo a quel appuntamento e cosi via. E tutto questo perché abbiamo paura, paura di fallire, paura di non arrivare in tempo, paura di non farcela, paura dello stress stesso. E’ la paura che ci frega!
Non dobbiamo avere paura dello stress, dobbiamo accettalo e comprenderlo
Lo stress non è sempre una cosa cattiva, è la nostra interpretazione che lo rende dannoso. Lo stress può essere una fonte di energia che ci spinge ad agire per stare meglio e raggiungere i nostri obiettivi.
Le nostre risposte allo stress si manifestano sotto forma di emozioni, emozioni che ci portano messaggi importantissimi, segnali di azione che ci indicano che qualcosa non va, che c’è qualcosa che dobbiamo cambiare.
Se invece di odiare queste emozioni diventiamo curiosi e cerchiamo di comprenderle saremmo in grado di conoscere e scoprire la nostra vera natura.
Sono consapevole che spesso non possiamo permetterci questo lusso, fermarci elavorare su di noi per capire noi stessi, non ne abbiamo il tempo materiale, ma vi racconterò un piccolo segreto. Non avremmo mai tempo per fare quello che vogliamo se non ce l’ho prendiamo!
Come possiamo ripristinare il nostro benessere, rilassarci e tornare a sentirci forti e vitali ogni volta che siamo messi alla prova? C’è un modo, una strategia semplice e sicura per rilassarsi senza prendere un aereo e andare in vacanza e senza intossicare il nostro sangue con sostanze chimiche?
Una tecnica di rilassamento per tutti!
Si che c’è! Usando questa strategia possiamo imparare a liberarci dalla tensione, possiamo essere in grado di pensare in modo chiaro e concentrato, prendere ottime decisioni, migliorare la nostra efficienza e la nostra vitalità.
1. Silenzio. Trovate un posto tranquillo dove potete essere lasciati in pace per un paio di minuti senza nessuna interruzione.
2. Mettetevi comodi, seduti o sdraiati, ma mantenete la schiena dritta. Senza curvarvi ne indietro ne avanti. Se siete a casa potere scegliere di sdraiarvi su un letto con le mani appoggiate lungo i fianchi, ma se si tende ad addormentarsi in questa posizione è meglio stare seduti.
3. Siate consapevoli. Chiudete gli occhi e concentratevi sull’ambiente circostante. Ascoltate i suoni intorno a voi. Anche se non sembra esserci alcun suono, quando si ascolta con attenzione potere sentire suoni che prima non avete notato. Come uccelli, fruscio delle foglie o il ronzio dei fondo del PC. Sentite il vostro peso sulla superficie dove siete seduti e siate consapevoli del vasto spazio che vi circonda.
4. Respirate in modo naturale. La respirazione è molto importante e come spiego anche nel mio ebook (che puoi scaricare gratuitamente qui), influisce in una maniera pazzesca sulle nostre emozioni e sui nostri stati d’animo! Fatte un bel respiro profondo. Fattelo con i vostri tempi e non vi sforzate e non cercate di controllarlo. I primi due respiri saranno molto probabilmente brevi e veloci, sopratutto se siete stressati, non vi preoccupate. Vi accorgerete che a poco larespirazione rallenta e man mano che andate avanti ogni inspirazione e espirazione sarà più lunga, profonda e lenta.
Ogni volta che espirate dite a voi stessi, “Mi sento più calmo e rilassato” servirà per calmare al mente.
5. Scansionate mentalmente il vostro corpo. Man mano che vi calmate scansionate mentalmente il vostro corpo in cerca di altri punti tesi. Scansionate la vostra testa e lentamente andate avanti arrivando alla gola, alle spalle, le mani, i polmoni, l’addome, le cosce, i polpacci e infine le gambe. Cercate le parti del vostro corpo che sono ancora tese.
Se trovate una parte contratta, tesa o dolente semplicemente concentrati su di essa, senza nessun giudizio. Evitate di provare a sciogliere questo dolore. Si rischia solo di aumentare la sua intensità. Essere consapevoli è sufficiente. Dite a voi stessi, “Non ho bisogno di tenere questa tensione o questo dolore dentro di me.” Poi, delicatamente, lasciate che la tensione si sciolga da se.
6. Siate gentili e pazienti con voi stessi. Quando un dolore è stato eliminato passate al successivo. Se il dolore o la tensione rimane non preoccupatevi. Significa che ha bisogno di più tempo e minore giudizio. Se il tempo non vi permette di superarlo prendete un appunto mentale e tornateci nella prossima sessione.
Non chiedete a vuoi stessi di sentirvi completamente rilassati dopo ogni sessione. Significherebbe cercare di controllare l’intera esperienza e come ben sapete, più si cerca di controllare le cose meno ci si rilassa. Se vi sentite più rilassati anche solo di 30% del solito congratulatevi con vuoi stessi.
7. Immaginate la vostra prossima mossa. Tenete pronto nella vostra mente il prossimo passo, immaginate la vostra prossima azione e accompagnatela con questo sentimento di pace, tranquillità, gioia e gratitudine. Aprite gli occhi e continuate la vostra vita quotidiana rigenerati e rilassati.
Tanta Gioia e Vitalità.
Fonte: linfavitale.com tratto da ecplanet.com




2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma non sarebbe meglio eliminare lo stress vivendo meglio? potremmo vivere meglio mettendo a posto le cose a livello mondiale.Visto che siamo quasi tutti consapevoli di quello che ci è imposto da altri esseri umani che di umano non hanno niente.....secondo me l'essere umano è talmente complesso a livello celebrale che non riesce a capire che al mondo potremmo stare bene tutti, e senza grandi sforzi...basterebbe un po di altruismo ed educazione civica, eliminando l'ignoranza tra 2 o 300 anni dovremmo arrivarci...scusate ho cenato bevendo del vino....

Paolo Babaglioni ha detto...

Buon articolo. Vorrei cercare di integrarlo. Sono d'accordissimo sulla pratica della respirazione che se eseguita metodicamente e costantemente può essere sufficiente per rilassarsi.

Provate anche a visualizzare. La visualizzazione soprattutto dei colori può essere veramente impressionante come risultati sia dal punto di vista del rilassamento che dal punto di vista creativo.

Una pratica continua della visualizzazione può portare alla realizzazione degli obiettivi in modo semplice e naturale.

Ogni colore equivale a una emozione a una sensazione. Gestendo questa utile pratica imparerai a migliorarti, a rilassarti e a scoprire che i sogni davvero diventano realtà.

Ulteriori info qui:
http://www.tecnichedirilassamento.com/

Paolo Babaglioni

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi