Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute mass media diritti civili giustizia ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie banche carceri eurocrati satira immigrazione renzi scuola facebook euro grillo guerra manipolazione mediatica bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari Russia massoneria poteri forti sovranità monetaria razzismo manifestazione finanza debito pubblico tasse israele siria UE disoccupazione ucraina travaglio agricoltura marijuana militari banchieri mario monti trilaterale califfo canapa germania geoingegneria ISIS terrorismo Grecia bambini obama vaticano Traditori al governo? big pharma inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano enrico letta cancro vaccini tecnologia PD nwo armi equitalia Angela Merkel BCE austerity sondaggio umberto veronesi meritocrazia nucleare suicidi fini informatitalia.blogspot.it magdi allam cannabis m5s ministero della salute privacy video assad clinica degli orrori eurogendfor Putin marra sovranità nazionale staminali CIA bancarotta boston bufala droga monsanto prodi INPS elezioni fondatori del sito globalizzazione iene iraq politica troika evasione matrimoni gay nigel farage acqua anatocismo fmi fukushima nikola tesla società usura 11 settembre diritti draghi fisco golpe moneta pedofilia rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu africa alimentazione francia imposimato nsa ricchi terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati autismo bavaglio costituzione federico aldrovandi fiscal compact giuseppe uva lega nord nato petrolio roma servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale Cina Fornero Unione Europea borghezio casaleggio controinformazione corruzione crimea famiglie fed forconi giovanardi giustizia sociale goldman sachs influencer islam mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio propaganda proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna storia suicidio svendita terra turchia violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chernobyl chico forti dittatura edward snowden elites false flag frutta inciucio india laura boldrini magistratura marine le pen no muos no tav nuovo ordine mondiale precariato prelievi forzoso privilegi prostituzione ungheria università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione corte europea diritti uomo delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne ebola educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione islanda latte legge elettorale marò microspia mmt ocse orban paola musu pensioni radioattività ricerca riserva aurea salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi taranto telefono cellulare truffe online vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni degrado dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra multe musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia riformiamo le banche rigore risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

giovedì 16 agosto 2012

di Gianni Lannes

Un tuffo in un mare caraibico? Allora l’alto Tirreno in Italia, è l’ideale, almeno sulla carta. A Rosignano in provincia di Livorno il mare turchese e la sabbia bianca sono però uno degli effetti degli scarichi chimici. L’Agenzia ambientale Onu ha classificato questo tratto costiero come uno dei 15 più inquinanti d’Italia. Cielo, suolo, sottosuolo e mare brutalizzati per oltre un secolo dalla multinazionale Solvay con sede a Bruxelles. In questo angolo della Toscana, alle famigerate “spiagge bianche”  - da Rosignano Marittima a Vado - è possibile tuffarsi in un “limpido” mare al mercurio. La gente accorre a frotte in un'area non balneabile: i cartelli stradali indicano proprio "spiagge bianche". C’è l’interrogazione parlamentare numero 4-08856 – indirizzata ai ministri dell’Ambiente, della Salute e di Grazia e Giustizia - che dal 30 settembre 2010, nonostante 15 solleciti - l’ultimo il 27 luglio 2012 - non ha ricevuto una risposta sia dal governo Berlusconi che dall’esecutivo Monti.  Scrivono ben sei deputati: «nel mare sono presenti almeno 400 tonnellate di mercurio, come verbalizzato dalla conferenza di servizi nel luglio 2009, dato confermato anche dall'Arpa Toscana. Anche il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare è stato coinvolto grazie all'Osservatorio istituito per verificare seSolvay rispettasse l’accordo di programma del 2003, che prevedeva alcune misure di ambientalizzazione: l'arresto dell'elettrolisi del mercurio, micidiale in quanto produce cloro e soda caustica; la riduzione degli scarichi solidi bianchi fino a 60 mila tonnellate l'anno».


“Tutto a posto”? - L’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente in Toscana asserisce di tenere sotto monitoraggio la zona. Ma la situazione è davvero sotto controllo? L'Italia dei Valori ha portato il caso delle spiagge bianche in Regione. Da una parte un ecologista che vorrebbe chiuderle. Da un’altra il sindaco che lo accusa di allarmismo. Poi l’azienda che nega l'inquinamento.  E ora l’Idv vuole vederci chiaro: diteci se le spiagge sono inquinate e, se è così, segnalatelo in modo che i bagnanti siano consapevoli dei rischi. Così l’Idv in Regione ha presentato un'interrogazione: «È impensabile - scrive il capogruppo Marta Gazzarri - che una zona ad alto rischio per la salute dei cittadini venga segnalata come luogo di balneazione. Dallo studio condotto nel 2010 da Ispels e Inail emerge che in Toscana si emette nelle acque ben il 42,8 per cento dell’arsenico riversato in Italia e che il massimo emettitore è la Solvay». Maurizio Marchi, di Medicina Democratica, ha spedito l’ennesimo esposto alla Procura della repubblica perché quel paradiso color bianco e turchese è «un luogo altamente inquinato, usato da Solvay per lo scarico di una quantità impressionante di sostanze tossiche». Il sindaco Alessandro Franchi minimizza. Perché «l’allarmismo non serve e i dati sulla balneabilità e sugli scarichi industriali sono in linea. Io non dico che l’acqua non sia inquinata, non ho gli strumenti per farlo. Devo attenermi a quanto mi certifica Arpat. E finora Arpat mi dice che è tutto sotto controllo». Allora, si rimane al divieto circoscritto alla foce del fosso bianco: 100 metri a nord e 100 a sud. Arpat replica che Solvay ha un’autorizzazione rilasciata dal ministero dell'ambiente il 6 agosto 2010 sottoposta a un controllo integrato annuale. Sui fanghi Solvay inoltre, è ancora aperta un'inchiesta avviata nel settembre 2009, dopo lo sforamento dei limiti accertato da Arpat.


Paradiso mortale - La Solvay, gettando in mare gli scarti di fabbrica, ha reso la zona di Rosignano-Vada in Toscana un luogo ai limiti della fantascienza. Il mare azzurro turchese e la spiaggia bianca candida richiamano un paesaggio tropicale e una visione paradisiaca che però nascondono un inferno malato: opera non di una divinità  ma dell’uomo. È un paradiso artificiale che non può portare alcun beneficio a coloro che lo frequentano. La natura è stata infatti sottomessa dal profitto economico, che l’ha spremuta fino all’ultima goccia.  Rosignano Solvay, cittadina in provincia di Livorno, porta il marchio di fabbrica nel nome (Solvay è un gruppo belga operante nel settore chimico, farmaceutico e delle materie plastiche). Secondo le testimonianze di chi vive in questa realtà, la gente sempre più spesso muore di cancro. I cartelli con scritto “Divieto di balneazione” sono stati rimossi di recente dai gestori degli stabilimenti balneari. La spiaggia e il mare - che sono stati insigniti addirittura di bandiera blu - attraggono numerosi turisti durante tutte le stagioni. Nel 2003 c’è stata una svolta nell’annosa questione degli scarichi a mare della Solvay e dei suoi enormi consumi di acqua dolce. Veniva stipulato un “Accordo di programma” tra istituzioni locali e multinazionale belga con tre obiettivi da raggiungere processualmente: a) ridurre del 70 per cento gli scarichi a mare; b) chiudere la vecchia elettrolisi a mercurio; c) diminuire i consumi di acqua dolce di 4 milioni di metri cubi l’anno. Il primo obiettivo veniva ottenuto, in parte, con un investimento pubblico-privato nella costruzione del depuratore Aretusa che avrebbe dovuto fornire a Solvay 4 milioni di acqua dai depuratori civili di Rosignano e Cecina, a fronte del minore emungimento dalle falde - ad opera di Solvay - di 2 milioni di metri cubi l’anno di acqua di pregio. Il secondo obiettivo si è raggiunto con la chiusura dell’elettrolisi nel dicembre 2007. Tutto il mercurio emesso fino a quel momento però è ancora in mare e nell’ambiente. D’altra parte, l’Accordo di programma non prevedeva la bonifica del sito inquinato evidentemente troppo onerosa per chi pensa solo ai quattrini.

Metalli pesanti - L’obiettivo della diminuzione del 70 per cento degli scarichi solidi entro la fine del 2007 non è stato rispettato. Pendono sulla Solvay una denuncia allaProcura della Repubblica di Livorno e un’indagine della Guardia di finanza, in quanto Solvay ha già ottenuto circa 30 milioni di euro per le misure di ambientalizzazione a fondo perduto dallo Stato. In relazione invece agli scarichi idrici, i problemi principali sono essenzialmente due: l’immissione in mare di fanghi, ovvero residui provenienti dai processi di lavorazione della soda, e la presenza di metalli pesanti bioaccumulabili come mercurio, arsenico, cadmio e cromo. Ulteriori criticità sono rappresentate dalle fughe di ammoniaca e dalla presenza di solventi organici o catalizzatori (chinoni) potenzialmente cancerogeni o mutageni. Per quanto concerne i fanghi, non si pongono problemi di tossicità. Tuttavia questi materiali venivano scaricati in quantità talmente rilevanti (circa 300mila tonnellate annue prima dell’Accordo di programma) da dare origine negli ultimi anni alle cosiddette “spiagge bianche”. Riguardo alla presenza di metalli pesanti assorbiti dai fanghi durante i processi di scarico, i problemi maggiori provengono dal mercurio: questo metallo, in parte arriva con il calcare estratto dalle colline metallifere e in parte deriva dal particolare processo d’elettrolisi adottato dalla società belga fino a giugno 2007. Tale processo è stato caratterizzato per diversi anni da forti perdite che hanno raggiunto anche 100 grammi per ogni tonnellata di cloro prodotta. La questione del mercurio negli scarichi è stata parzialmente risolta nell’ambito del già citato Accordo di programma, con il passaggio dalla tecnologia a mercurio a quella a membrana e con la conseguente eliminazione del mercurio dagli scarichi. Diciamo “parzialmente” perché poco o niente si può fare per il mercurio già scaricato, assorbito dai fanghi più antichi e accumulato nelle catene alimentari. I controlli effettuati da Arpat (l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente in Toscana) presso lo scarico generale e riportati nella “Relazione semestrale sugli scarichi” (I e II semestre 2007) evidenziano che le concentrazioni riferite alla maggior parte di sostanze inquinanti presentano valori al di sotto della soglia stabilita dal Decreto legislativo 152/9929. Arpat, nel corso del 2007, ha eseguito anche controlli a piè d’impianto che sono risultati per la maggior parte entro i limiti di legge. È da sottolineare come i controlli effettuati da Arpat riguardino la concentrazione di determinate sostanze inquinanti nei campioni prelevati dallo scarico Solvay. Ciò che è rilevante ai fini della valutazione dell’impatto ambientale dello stabilimento tuttavia non è solo la concentrazione di una sostanza ma soprattutto la quantità totale scaricata in un certo periodo. Per ottenerla bisogna moltiplicare la concentrazione per la “portata”. Ma è proprio sull’entità della portata che si sono riscontrate divergenze tra i valori dichiarati da Solvay e quelli misurati dal Servizio idrografico della Regione che risultano maggiori. Infatti il rispetto dei limiti stabiliti dalla legge può essere facilmente aggirato pompando acqua pulita nello scarico, diluendo in questo modo gli inquinanti. Tali problematiche sono emerse anche a Rosignano.

Braccio di ferro - Negli anni Settanta, è iniziato il braccio di ferro tra Solvay e Comune. Da una parte, la società belga voleva far attuare il monitoraggio degli inquinanti in un punto di confluenza del fosso di scarico (Fosso bianco) con un altro fosso (Fosso Lupaio) che portava acqua con inevitabile abbattimento delle concentrazioni, in quanto contiene l’acqua della cosiddetta “salamoia esausta”, proveniente dall’elettrolisi dopo un processo di “demercurizzazione”. Dall’altra, il Comune voleva invece la separazione del monitoraggio dei due fossi al fine di permettere un reale controllo delle sostanze inquinanti alle rispettive foci. La questione - ad oggi - è ancora aperta, tant’è che i controlli di Arpat sono effettuati sul Fosso Bianco che contiene le acque di scarico del Fosso Lupaio. A Rosignano prosegue intanto indisturbata la produzione di clorometani, nocivi alla fascia di ozono. Nel 1989 a seguito dell’introduzione di norme internazionali più restrittive nei confronti della produzione di sostanze nocive alla fascia di ozono (Protocollo di Montreal e seguenti), Solvay chiuse l’impianto clorometani di Jemeppe in Belgio e potenziò quello di Rosignano. I clorometani, come i clorofluorocarburi, sono composti molto volatili e leggeri che riescono a raggiungere gli strati alti dell’atmosfera, e qui - scissi dalle radiazioni solari - liberano il cloro che distrugge l’ozono. Il rilascio di enormi quantità di sospensioni ha “sterilizzato” alcuni chilometri di costa, dove la vegetazione marina, la fauna bentonica e pelagica sono scomparse. Le concentrazioni dei solidi sospesi eccedono di molto i parametri previsti dalla legge fin dalla emanazione della Legge 319/’76. Praticamente da allora Solvay gode di un regime di deroga rispetto a questo parametro che viene rinnovato ogni quattro anni con delibera provinciale. La situazione va avanti così, in regime transitorio-stabile, da quasi trent’anni. Il rischio ambientale appare quindi nel complesso elevato, nonostante le autorità sanitarie e della protezione ambientale della zona tendano a minimizzare i pericoli. I tecnici Arpat hanno archiviato molte morie di pesci avvenute in questo tratto di mare con la formula: “morti per cause naturali”. Ma il settore della piccola pesca va ormai scomparendo decimato dal continuo riversamento degli scarichi in mare. Secondo le stime per difetto del Cnr di Pisa, nella sabbia bianca la Solvay ha scaricato 337 tonnellate di mercurio ed altri veleni: arsenico, cadmio, nickel, piombo, zinco, dicloroetano. L’elenco completo è stato pubblicato sul sito dell’Agenzia europea dell’Ambiente (www.eea.europa.eu/it). Più precisamente a Rosignano, secondo Legambiente, sono state  500 tonnellate di mercurio, presenti fino a 14 chilometri dalla battigia. Eppure sulla spiaggia, fatta eccezione per un’area di appena 50 metri intorno allo scarico della fabbrica, non c’è il divieto di balneazione.

Mappa del rischio - Indovinate un pò. Secondo i dati ufficiali dell’Ines (aggiornati però al 2005), il primato italiano spetta all’Ilva di Taranto con il 65 per cento del mercurio - in Italia - riversato  nell’aria e nel mare della Puglia. E ancora? Le acque del porto di Marghera - dove opera la Syndial - presentano dei livelli di contaminazione da mercurio. Si stima che nelle acque adriatiche di Grado e Marano la Caffaro abbia gettato dal 1949 ai giorni nostri, ben 20 chilogrammi di mercurio al giorno. Un’emergenza sulla quale dal 2002 lavora un commissario straordinario incaricato dal governo e pagato dagli ignari contribuenti. Mercurio non bonificato anche a Bussi sul Tirino - stabilimento Solvay - in provincia di Pescara. E poi mercurio in libera uscita a Picinisco (eredi Zarelli) in provincia di Frosinone. L’inquinamento riguarda anche l’Altair Chimica a Volterra in provincia di Pisa e laPieve Vergonte a Tessenderlo in provincia di Vercelli. In Sardegna va anche peggio sotto il marchio Syndial: date un’occhiata a Porto Torres in provincia di Sassari e ad Assemini nel territorio di Cagliari. E sempre la Syndial a Priolo Gargallo in provincia di Siracusa ha scaricato in atmosfera e sui fondali marini migliaia di tonnellate di mercurio. Insomma, veleni in eredità alle giovani generazioni.

Solvay inquinamento, interrogazione parlamentare 2010

Gianni Lannes

fonte: sulatestagiannilannes.blogspot.it


4 commenti:

Elisabetta Furlan ha detto...

Non toccate la Terra e i suoi figli!

http://www.evernote.com/shard/s207/sh/fc3205b1-e53b-4da5-86c3-6bfa1c2d1402/28bd17d2d8d2a500e5ff9124b386b6f2

Anonimo ha detto...

MI DOMANDO COME SI POSSA ESSERE COSI' CIECHI DA NON ACCORGRSI DELLO SCEMPIO PERPETRATO ALL'AMBIENTE, DA ANNI, DALLO STABILIMENTO SOLVAY CON L'APPOGGIO DELLE ISTITUZIONI LOCALI E MI STUPISCO COME LA POPOLAZIONE CONTINUI A VOTARE QUESTI POLITICI SENZA SCRUPOLI

Anonimo ha detto...

nonostante tutto anche quest'anno rosignano ha avuto la bandiera blu!!

simonelambardiarchitetto ha detto...

vi segnalo un'ulteriore interpellanza emessa il 23.7.2013.
link: http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_17/showXhtml.Asp?idAtto=4329&stile=7&highLight=1&paroleContenute=%27INTERPELLANZA%27
cordiali saluti Simone L.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi