Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 13 agosto 2012

Quando ho letto su queste pagine la notizia secondo cui il sindaco di Parma potrebbe perdere la sua scommessa circa la chiusura dell’inceneritore (è bene chiamarlo così) perché i lavori di costruzione proseguono a ritmo serrato al fine di ottenere 40 milioni di euro di contributi statali, mi sono incazzato come una iena.
Non tanto per il caso singolo, quanto perché – e forse non tutti lo sanno – l’Italia è l’unico paese d’Europa che ha dato impunemente incentivi all’energia prodotta dai rifiuti, nonostante che questo fosse assolutamente vietato. Infatti, la delibera del Comitato Interministeriale Prezzi adottata il 29 aprile del 1992 (governo Andreotti), in coerenza con le direttive europee e gli accordi internazionali, prevedeva che l’energia prodotta da fonti rinnovabili dovesse avere un costo maggiore rispetto a quella prodotta da fonti tradizionali (carbone e petrolio). In pratica, l’Enel era obbligata – ritirando l’energia elettrica prodotta – a remunerare maggiormente chi produceva da fonti rinnovabili rispetto a chi produceva da fonti tradizionali. Peccato che tale delibera (altrimenti nota come “CIP 6”) prevedesse che a questo regime “drogato” di prezzi dovesse accedere non solo l’energia prodotta da fonti rinnovabili, ma anche quella prodotta da “fonti assimilate”, e, guarda caso, tra queste fonti assimilate c’erano anche gli inceneritori di rifiuti (“gli impianti di cogenerazione, gli impianti che utilizzano calore di recupero e fumi di scarico; gli impianti che utilizzano gli scarti di lavorazione e/o di processo; gli impianti che utilizzano fonti fossili prodotte esclusivamente da giacimenti minori”).

Ed è così, che, storia tutta Italiana, dal 1992 al 2008 (in cui si pose un termine agli incentivi per gli impianti in costruzione o approvati alla data del 31 dicembre 2008) l’Italia – in barba alle normative europee – cavò di tasca a noi tutti, tramite la bolletta dell’energia elettrica – soldi per finanziare qualcosa che non avremmo dovuto finanziare e che nuoceva oltretutto gravemente alla salute. In pratica, i cittadini erano costretti a pagare per farsi del male. E qui (apro una parentesi) mi rifaccio ad un mio precedente post in cui sottolineavo che va bene essere cittadini onesti, ma vorremmo anche che lo Stato lo fosse.
Con il cosiddetto “decreto Romani” relativo alle energie rinnovabili, la porcata si perpetua e gli inceneritori – questa volta realizzati entro il 31 dicembre 2012 – potranno godere dell’attuale regime agevolativo di vendita dell’energia “limitatamente alla quota di energia prodotta da fonti rinnovabili” (!). E si stima per l’inceneritore di Parma una perdita di 40 milioni di euro di guadagni se entrerà in funzione successivamente a tale data.
In Liguria dicono, lo diceva anche il grande Gilberto Govi “è una polenta tutta motti”, cioè una polenta tutta grumi, per dire qualcosa venuto male. Ecco, la storia degli inceneritori in Italia è questo. Una polenta tutta motti, a parte per coloro che gli inceneritori li hanno costruiti e per coloro che li gestiscono, in questo paese – per loro – del bengodi.
Per il resto solo ragioni per non farli gli inceneritori: costano tantissimo; devono bruciare in continuazione; disincentivano la raccolta differenziata (i comuni “ricicloni” d’Italia non hanno ovviamente alcun inceneritore); producono emissioni nocive; producono scarti di lavorazione, ovverosia scorie, nella specie, rifiuti speciali pericolosi. E ricordiamo che per quello che ancora residua dopo la raccolta differenziata, l’alternativa c’è, ed è, ad esempio, il trattamento a freddo del residuo.
Di più, il Parlamento Europeo ha di recente votato il divieto di incenerimento entro il 2020 di rifiuti recuperabili o compostabili.
Cosa risponde il nostro attuale governo delle banche all’Europa tramite il suo ministro dell’Ambiente, Clini (sì, proprio quello favorevole al nucleare e che ora afferma che a Taranto si potrebbe essere morti per cancro nel rispetto delle norme vigenti)? Risponde con la soluzione dell’incenerimento di rifiuti nei cementifici. Una particolare attenzione – oltre che ai rifiuti – anche al cemento dunque da parte del ministro di un paese come l’Italia con la più alta percentuale di produzione di cemento in Europa ed il territorio più dissestato. “Viva l’Italia, assassinata dai giornali e dal cemento”.
Nei prossimi giorni accompagnerò il mio unico figlio all’aeroporto: va all’estero a concludere il biennio di specializzazione universitaria. Dell’Italia ne ha abbastanza. Posso dargli torto? No.


fonte: ilfattoquotidiano.it


1 commenti:

barbaranotav ha detto...

al FQ converrebbe ricordare anche le porcate fatte dal suo governo amico

addirittura lo dicono i Verdi stessi

http://www.verdi.it/dossier/23428-lo-scandalo-cip6.html?start=5

Il FQ ha "copiato" la replica fatta a Grillo?

http://archivio-radiocor.ilsole24ore.com/articolo-526666/energia-bersani-replica-beppe-grillo/

tra l'altro come volevasi dimostrare pure bugiardo. Che avrebbe tolto il Bersanator?

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi