Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 22 luglio 2012
Non ci sono documenti che possono quantificare in modo certo e preciso il volume ed il tipo di rifiuti che gli Stati Uniti hanno versato negli oceani prima della emanazione della legge che ha proibito tale pratica, la cosiddetta "legge anti-dumping" risalente al 1972. Tuttavia, si stima che fino al 1968 siano stati smaltiti nei "siti discarica" dell'oceano 38 milioni di tonnellate di materiale di scavo, 4.5 milioni di tonnellate di rifiuti industriali, 4,5 milioni dei fanghi di depurazione, 100 milioni di tonnellate di petrolio prodotto a base di (plastica), più di 1 milione di tonnellate di metalli pesanti e un'imprecisata quantità (nell'ordine di molte tonnellate) di rifiuti chimici sono stati liberati nell'oceano. L'archivio degli Stati Uniti mostra che tra il 1946 e 1970 oltre 55.000 contenitori di rifiuti radioattivi sono stati smaltiti in 3 siti di dumping dell'Oceano Pacifico. Inoltre, 34.000 tonnellate di rifiuti radioattivi sono stati smaltiti in 3 siti di dumping della costa orientale degli Stati Uniti tra il 1951 e il 1962. Nessuna legge in materia di "dumping" dei rifiuti radioattivi è stato messo in vigore prima del 1972

Una quantità incredibile di copertoni scaricati in mare; la foto è di "repertorio" in quanto non sono disponibili immagini dei cosiddetti "siti di dumping" localizzati negli oceani di molte parti del mondo; si tratta di aree dove la profondità delle acque è elevata, dove venivano scaricati rifiuti di ogni genere, persino radioattivi. Gli Usa hanno dismesso tale pratica nel 1972, ma in alcune aree del mondo, nonostante il "dumping" sia proibito dai trattati internazionali, avviene anche oggi. E anche nel Mar Mediterraneo, tutt'oggi le ecomafie affondano rifiuti, spesso affondando le "carrette del mare" con la quale li trasportano, come ha documentato ampiamente il giornalista Gianni Lannes


Antonio Bacherini per nocensura.com


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi