Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta esteri governo economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola eurocrati immigrazione facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria germania parentopoli Grecia siria banchieri mario monti inquinamento enrico letta marijuana vaccini big pharma napolitano nwo obama Traditori al governo? agricoltura ogm Angela Merkel austerity sondaggio tecnologia bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi BCE PD equitalia terrorismo clinica degli orrori nucleare privacy video prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo elezioni evasione fisco magdi allam moneta pedofilia troika usura FBI africa francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato m5s mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera Unione Europea aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne casaleggio chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 24 aprile 2012
Mare Golfo del MessicoFonte WashingtonsBlog -tradotto da Anna Moffa

L’Ecosistema del Golfo è stato decimato
La fuoriuscita di petrolio della BP è iniziata il 20 aprile 2010.
Abbiamo già avvertito che la fuoriuscita di petrolio della BP avrebbe danneggiato gravemente l’ecosistema del Golfo.
Da allora, ci sono stati numerosi segni che potrebbe manifestarsi lo scenario peggiore:
  • Un recente rapporto rivela inoltre che ci sono batteri carnivori nelle palle di catrame del petrolio BP sparse sulle spiagge del Golfo
Ndr: Segue video, un lungo, interessante rapporto e alcune foto
Se non avete ancora l’esatta percezione della devastazione del Golfo, il giornalista americano Dahr Jamail la delinea abbastanza chiaramente:




“I pescatori non hanno mai visto nulla di simile,” ha detto il Dr Jim Cowan ad Al Jazeera. “E nei miei 20 anni di lavoro sulla tartaruga rossa, anche osservando qualcosa come 20 – 30.000 pesci, non ho mai visto niente di simile.”

Il Dr Cowan, con il Department of Oceanography and Coastal Sciences dell’Università Statale della Louisiana ha iniziato a sentir parlare di pesce con ferite e lesioni dai pescatori, nel novembre 2010.
Le scoperte di Cowan rispecchiano quelle di altri che vivono lungo vaste aree della Costa del Golfo che sono state colpite dal petrolio della BP e dai disperdenti.
I pescatori del Golfo del Messico, scienziati e lavoratori di frutti di mare hanno detto ad Al Jazeera che stanno trovando un numero preoccupante di gamberetti mutanti, granchi e pesce che loro pensano siano deformi a causa delle sostanze chimiche rilasciate nel corso del disastro petrolifero della BP del 2010.
Oltre al collasso della pesca, ci sono segni inquietanti di impatto dannoso per l’ecosistema: gamberi orribilmente mutati, pesci con piaghe che trasudano, granchi blu sottosviluppati a cui mancano le chele, granchi e gamberetti senza occhi – e gli intervistati puntano il dito contro il disastro dell’inquinamento petrolifero BP come causa.
Gamberi senza occhi

Tracy Kuhns e suo marito Mike Roberts, pescatori commerciali di Barataria, in Louisiana, stanno trovando gamberetti senza occhi.
“Al culmine della scorsa stagione del gambero bianco, nel mese di settembre, uno dei nostri amici ne ha catturato 400 libbre”, ha detto ad Al Jazeera Kuhns mostrando un campione di gambero senza occhi.
Secondo Kuhn, almeno il 50 per cento delle mazzancolle catturate in quel periodo nella Baia di Barataria, una zona popolare per la pesca di gamberetti che è stata fortemente influenzata dal petrolio BP e dai disperdenti, era senza occhi. Kuhn ha aggiunto: “preoccupante, non solo ai gamberi mancano gli occhi, ma non hanno neppure le orbite.”
Gamberi senza occhi, da una cattura di 400 chili di gamberi senza occhi, si dice siano stati catturati il 22 settembre 2011, nella Baia di Barataria, Louisiana [Erika Blumenfeld/Al Jazeera]
“Alcuni pescatori di gamberetti li stanno pescando al largo del Golfo [del Messico]“, ha aggiunto, “Li sto pescando anche in Alabama e Mississippi. Stiamo anche trovando granchi senza occhi, granchi con i gusci molli, invece che duri, granchi completi che sono cresciuti di un quinto delle loro dimensioni normali, granchi senza chele e granchi con gusci che non hanno i loro soliti arpioni … come se fossero stati bruciati da sostanze chimiche.“
Il 20 aprile 2010, la piattaforma petrolifera Horizon Deepwater di BP è esplosa, e ha iniziato a rilasciare almeno 4,9 milioni di barili di petrolio. BP ha poi utilizzato almeno 1,9 milioni di galloni di disperdenti tossici Corexit per affondare il petrolio.
Keath Ladner, un processore di frutti di mare di terza generazione nella Contea di Hancock, Mississippi, è turbato da ciò che sta vedendo.
“Ho visto diminuire la cattura di gamberi marrone di due terzi, e, per ora, il gambero bianco è scomparso”, ha detto ad Al Jazeera Ladner. “I gamberetti sono compromessi dal punto di vista immunitario. Stiamo trovando gamberi con tumori sulla testa, e lo stiamo vedendo tutti i giorni.“
Mentre era su una barca di gamberi nella Baia Mobile con Sidney Schwartz, un pescatore di quarta generazione ha detto che aveva visto gamberi con difetti alle branchie, e “il guscio mancante intorno alle branchie e alla testa”.
“Abbiamo pescato qui per tutta la nostra vita e non ho mai visto nulla di simile”, ha aggiunto.
Ladner ha visto anche cassette di granchi blu, tutti con almeno una chela mancante.
Darla Rooks, un pescatore permanente di Port Sulfur, Louisiana, ha detto ad Al Jazeera che sta trovando granchi “con buchi nei gusci, conchiglie con molti punti bruciati in modo che tutti gli arpioni sui gusci e le chele sono scomparsi, conchiglie deformi, e granchi che stanno morendo dal di dentro … sono ancora vivi, ma li aprono e sentono l’odore come se fossero morti da una settimana.”
Anche Rooks sta trovando gamberi senza occhi, gamberi con crescite anomale, femmine di gamberetti con i figli ancora attaccati, e gamberi con le branchie piene di petrolio.
“Abbiamo visto anche pesci senza occhi, e pesci che non hanno nemmeno le orbite, pesci con lesioni, pesci senza la copertura sopra le branchie, ed altri con grandi masse rosa appese ai loro occhi e alle branchie.”
Rooks, che è cresciuto di pesca con i suoi genitori, ha detto che non aveva mai visto cose del genere in queste acque, e la sua pesca lo scorso anno è stata il “dieci per cento in meno di quello che è normalmente.”
“Non ho mai visto questo”, ha detto, una dichiarazione che Al Jazeeraha ha sentito da tutti gli scienziati, pescatori, e processori di frutti di mare con i quali abbiamo parlato riguardo alle deformità dei pesci.
Dato che il Golfo del Messico fornisce oltre il 40 per cento di tutti i frutti di mare pescati negli Stati Uniti continentali, questo fenomeno non è di buon auspicio per la regione o il paese.
***
“I disperdenti utilizzati nell’esperimento draconiano della BP contengono solventi, come i distillati del petrolio e il 2-butossietanolo. I solventi sciolgono olio, grasso, e gomma,” ha detto ad Al Jazeera il Dr Riki Ott, un tossicologo, biologo marino e sopravvissuto al disastro Exxon Valdez. “Non dovrebbe sorprendere che i solventi sono notoriamente tossici anche per le persone, cosa che la comunità medica sa da molto tempo.”
I disperdenti sono noti per essere mutageni, un fatto inquietante che potrebbe essere dimostrato per le deformità dei frutti di mare. I gamberi, per esempio, hanno un ciclo di vita talmente breve che due o tre generazioni si sono susseguite da quando è iniziato il disastro BP, dando il tempo ai prodotti chimici di entrare nel genoma.
Le modalità di esposizione ai disperdenti sono inalazione, ingestione, e contatto con la pelle e con gli occhi. Gli effetti sulla salute possono comprendere mal di testa, vomito, diarrea, dolori addominali, dolori al petto, danni al sistema respiratorio, sensibilizzazione della pelle, ipertensione, depressione del sistema nervoso centrale, effetti neurotossici, aritmia cardiaca e danni cardiovascolari. Essi sono anche teratogeni – in grado di disturbare la crescita e lo sviluppo di un embrione o di un feto – e cancerogeni.
Cowan crede che i prodotti chimici denominati idrocarburi policiclici aromatici (PAH), rilasciati dal petrolio sommerso della BP, siano probabilmente responsabili di quello che sta scoprendo, perché i pesci con lesioni che sta ritrovando provengono da “un’ampia distribuzione spaziale che è spazialmente compatibile con il petrolio della Deepwater Horizon, sia di superficie che del sottosuolo. Gran parte del petrolio che ha investito la Louisiana proveniva da pennacchi nel sottosuolo, e pensiamo che ce ne sia rimasto ancora molto sul fondo del mare“.
Lo scienziato marino Samantha Joye dell’Università della Georgia, ha pubblicato i risultati delle sue immersioni sottomarine intorno alla zona di origine del disastro petrolifero BP nella rivista Nature Geoscience.
La sua testimonianza ha rivelato fasce enormi di petrolio che coprono il fondo del mare, comprese le foto di creature residenti sul fondo del mare coperte di petrolio.
Mentre mostrava diapositive ad una conferenza annuale dell’American Association for the Advancement of Science a Washington, Joye ha detto: “Questo è il petrolio di Macondo sul fondo. Si tratta di organismi morti a causa del petrolio che si deposita sulle loro teste.”
Il Dr Wilma Subra, un chimico e Macarthur Fellow, ha condotto test su campioni di frutti di mare e sedimenti lungo il Golfo per la presenza di sostanze chimiche nel petrolio greggio BP e disperdenti tossici.
“I test hanno mostrato livelli significativi di inquinamento da idrocarburi nelle ostriche e nei granchi lungo la costa della Louisiana”, ha detto Subra ad Al Jazeera. “Abbiamo anche trovato alti livelli di idrocarburi nel suolo e nella vegetazione.”
Secondo l’US Environmental Protection Agency, i PAH “sono un gruppo di composti organici semi-volatili, che sono presenti nel petrolio greggio, che hanno trascorso del tempo in mare e hanno infine raggiunto la riva, e si possono formare quando il petrolio viene bruciato.”
“I pesci sono esposti ai PAH, e sono stata grado di trovare diversi riferimenti che elencano gli stessi sintomi riscontrati nei pesci dopo la fuoriuscita della Exxon Valdez, così come altri esperimenti di laboratorio”, ha spiegato Cowan. “C’era anche un articolo pubblicato da alcuni scienziati del LSU secondo cui l’esposizione ai PAH ha effetti sul genoma.”
La University of South Florida ha pubblicato un sondaggio i cui risultati corrispondono a quelli di Cowan: un tasso del 2-5 per cento di infezione nelle stesse zone di impatto del petrolio, e non solo nella tartaruga rossa, ma in più di 20 specie di pesci con lesioni. In molte località, il 20 per cento del pesce presentava lesioni, e successivi prelievi di campioni hanno messo in luce aree dove, in modo allarmante, il 50 per cento dei pesci le avevano.
“Ho chiesto ad un campionatore del NOAA [National Oceanic and Atmospheric Administration] qual’è la percentuale di pesce con piaghe ritrovata prima del 2010, ed è un decimo dell’uno per cento”, ha detto Cowan. “Che è quello che abbiamo trovato anche prima del 2010. Ma niente di quello che abbiamo visto con queste infezioni secondarie e, a questo alto tasso dopo la fuoriuscita.”
“Ciò che pensiamo è che sia attribuibile all’esposizione cronica ai PAH rilasciati nel processo di alterazione del petrolio sul fondo del mare”, ha detto Cowan. “Non c’è altro che possiamo utilizzare per spiegare questo fenomeno. Non abbiamo mai visto niente di simile prima.”
***
Il biologo di crostacei Darryl Felder, presso il Dipartimento di Biologia, e l’Università della Louisiana a Lafayette hanno la stessa opinione.
Felder ha monitorato le zone nei dintorni dello scoppio del pozzo Macondo della BP sia prima che dopo che il disastro petrolifero era iniziato, perché, come ha detto ad Al Jazeera “, la National Science Foundation era interessata a queste aree che sono vulnerabili a causa di tutte le perforazioni.”
“Così abbiamo campioni prima e dopo da confrontare”, ha aggiunto. “Abbiamo trovato frutti di mare con lesioni, appendici mancanti, e altre anomalie”.
Felder ha anche campioni di granchi di costiera con lesioni. “Proprio qui a Grand Isle vediamo lesioni che stanno scavando verso il basso attraverso il loro guscio. Abbiamo appena ricevuto i campioni Giovedi scorso e li stiamo studiando ora, perché non abbiamo idea di come si possa collegare questo ad un evento naturale.”
Secondo Felder, vi è un’incidenza ancora più elevata di affezioni al guscio nei granchi in acque più profonde.
“La mia paura è che questi episodi precedenti di lesioni potrebbero essere riconducibili a microbi, e le mie domande sono, abbiamo modificato le popolazioni microbiche nelle vicinanze del pozzo con l’introduzione di questa massiccia quantità di petrolio e, così facendo, abbiamo causato l’attacco dei microbi ad altre cose oltre al petrolio?”
L’unica ipotesi che fa è che i rivestimenti cerosi intorno ai gusci di granchio vengono compromessi da sostanze chimiche di origine antropica o microbi derivanti da tali sostanze chimiche.
“Si crea una zona dove si può verificare una lesione, e i microbi attaccano. Li vediamo con grandi lesioni nere, attorno alla zona dove le loro appendici cadono, e tutto ciò che rimane è un grosso anello nero.”
Felder ha aggiunto che la sua squadra sta continuando a documentare gli incidenti: “E da quello che possiamo dire, vi è un’incidenza molto più alta che stiamo riscontrando, dopo la fuoriuscita.”
“Stiamo vedendo anche una varietà di crostacei molto più bassa”, ha detto. “Non abbiamo lo stesso numero di specie che avevamo prima [della fuoriuscita].”
***
Felder ha anche riscontrato una “strana colorazione” in animali che scavano nel fango che causa macchie ad anelli, e ha detto: “Compatibilmente si tratta di depositi calcarei, forse da popolazioni microbiche in alte [elevate] concentrazioni.”
***
Il Dr Andrew Whitehead, professore associato di biologia alla Louisiana State University, è co-autore del rapporto Genomica e impronta fisiologica della fuoriuscita di petrolio della Deepwater Horizon sui pesci di palude residenti, che è stato pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences nel mese di ottobre 2011.
Il lavoro di Whitehead è di importanza critica, poichè dimostra un legame diretto tra petrolio BP e gli impatti negativi sulla rete alimentare del Golfo evidenziato dagli studi sui killifish prima, durante e dopo il disastro petrolifero.
“Quello che abbiamo scoperto è un segnale molto chiaro, in tutto il genoma, un segnale molto chiaro di esposizione ai componenti tossici del petrolio che ha coinciso con i tempi e le posizioni del petrolio”, Whitehead ha detto ad Al Jazeera durante un’intervista nel suo laboratorio.
Secondo Whitehead, i killifish sono una specie indicatore importante perché sono i pesci più abbondanti nelle paludi, e sono noti per essere il foraggio animale più importante nelle loro comunità.
“Ciò significa che la maggior parte dei pesci di grandi dimensioni che ci piace mangiare e che sono importanti per la pesca, in realtà si nutrono di killifish”, ha spiegato. “Quindi, se ci fosse un grande impatto su questi animali, allora ci sarebbe probabilmente un effetto a cascata su tutta la catena alimentare. Non riesco a pensare ad un animale peggiore del killifish per distruggere la catena alimentare.”
Ma possiamo ben testimoniare gli inizi di questo scenario peggiore.
Whitehead prevede che ci potrebbero essere conseguenze sulla riproduzione dei pesci, e poiché i killifish sono una specie “chiave” nella catena alimentare della palude, “ è più che probabile che impatti su tali specie si propagheranno e contageranno altre specie. Questo dimostra un legame molto diretto con l’esposizione al petrolio DWH e un chiaro effetto biologico. Un chiaro effetto biologico che potrebbe tradursi in conseguenze a lungo termine a livello della popolazione.”
***
Ed Cake, un oceanografo biologico, ed anche un biologo marino e delle ostriche, ha una “grande preoccupazione” per le centinaia di delfini morti che ha visto nella regione da quando è iniziato il disastro BP, che egli pensa siano probabilmente e direttamente collegate al disastro petrolifero BP.
“I sistemi di delfini adulti raccolgono tutto ciò che si trova nell’ambiente, e sappiamo che il petrolio è presente nell’ambiente e si muove lungo la catena alimentare attraverso la rete alimentare – e i delfini sono in cima a quella catena alimentare.”
Cake ha spiegato: “Le sostanze chimiche poi passano nelle loro lipidi, nel grasso, e poi, quando sono in gravidanza, i loro piccoli fanno affidamento su questo grasso, e quindi non c’è da meravigliarsi se i delfini stanno avendo problemi di sviluppo e alla nascita.”
Cake, che vive in Mississippi, ha aggiunto: “Sono passati più di 33 anni dal disastro petrolifero Ixtoc-1 del 1979 nella Baia del Messico di Campeche, e le ostriche, vongole e foreste di mangrovie non si sono ancora riprese nel loro habitat intriso di petrolio negli estuari marini della penisola dello Yucatan. Sono passati 23 anni da quando il disastro petrolifero della Exxon Valdez del 1989 in Alaska, e la pesca dell’aringa che è mancata in seguito a quel disastro non si è ancora ripresa.”
Cake crede che siamo ancora nello scenario di impatto a breve termine del disastro petrolifero BP.
“Non sarò vivo per vedere il Golfo del Messico recuperare”, ha detto Cake, che ha 72 anni. “Senza un finanziamento e un impegno serio, queste cose non tornernno ai livelli di prima di aprile 2010 per decenni.”
***
“Stiamo continuando ad estrarre petrolio nelle nostre reti”, ha detto Rooks. “Pensa di perdere tutto ciò che ti rende felice, perché questo è esattamente ciò che accade quando qualcuno estrae petrolio e spruzza disperdenti su di esso. Le persone che vivono qui non sono così ingenue da fare il bagno o mangiare ciò che esce dalle nostre acque“.
Khuns e suo marito hanno detto ad Al Jazeera che i pescatori continuano a trovare regolarmente palle di catrame nelle loro trappole per granchi, e centinaia di chili di palline di catrame continuano ad essere ritrovate sulle spiagge in tutta la regione tutti i giorni.
Nel frattempo Cowan continua il suo lavoro, e rimane preoccupato per quello che sta trovando.
“Abbiamo anche visto una diminuzione della biodiversità nel settore della pesca in determinate zone. Crediamo che ora stiamo vedendo un altro aumento di incidenza, e questo ha un senso, dal momento che le acque stanno iniziando a riscaldarsi di nuovo, e così le infezioni batteriche stanno davvero iniziando a decollare di nuovo. Pensiamo che questo sia un problema che persisterà fino a quando il petrolio sarà depositato sul fondo del mare.”
La perdita della BP si è mai fermata veramente?
Abbiamo ripetutamente documentato che il pozzo della BP nel golfo Mocando staancora perdendo.
Stuart Smith – un avvocato difensore di successo che ha vinto un verdetto da un miliardo di dollari contro la Exxon Mobil – ha rilevato di recente:
Nuovi dati di campionamento dell’organizzazione no-profit Louisiana Environmental Action Network (LEAN) forniscono la conferma che non solo il petrolio BP è ancora molto presente nell’acqua di Bayou La Batre, ma che esiste ancora in uno stato altamente tossico quasi due anni dopo la fuoriuscita.
Ecco le foto della schiuma marrone oleosa del lavaggio a secco a Bayou La Batre (appena ad ovest di Mobile Bay) il 27 febbraio 2012:
BLB2 28 12C 300x225 2 Years After the BP Oil Spill, Is the Gulf Ecosystem Collapsing?BLB2 28 12A 300x168 2 Years After the BP Oil Spill, Is the Gulf Ecosystem Collapsing?BLB2 27 12F 300x225 2 Years After the BP Oil Spill, Is the Gulf Ecosystem Collapsing?BLB2 27 12D 300x225 2 Years After the BP Oil Spill, Is the Gulf Ecosystem Collapsing?
Photo credit alla Louisiana Environmental Action Network (LEAN)
I campioni d’acqua sono stati prelevati da Dennis e Lori Bosarge, membri di LEAN Coden, Alabama. Ci sono anche i risultati del test certificato da un laboratorio (vedi la relazione completa di laboratorio in fondo), e sono sorprendenti in quanto suggeriscono che il petrolio fuoriesce ancora dal serbatoio di Macondo – molto probabilmente da crepe e fessure sul fondo del mare intorno al pozzo. Alcuni scienziati ritengono che le crepe sono state causate dai pesanti sforzi della BP di “fermare il processo”.
***
Nonostante le numerose opportunità per farlo, la Guardia Costiera statunitense non ha mai negato pubblicamente che il campo Macondo disperde ancora. E questi ultimi risultati dai campioni di Bayou La Batre forniscono nuove prove schiaccianti che la fuoriuscita di petrolio BP non è mai davvero finita.
Il governo se ne sta con le mani in mano …
Il New York Times rileva oggi:
La risposta del Congresso alla fuoriuscita è stata veramente patetica. Non ha approvato una legge solo per evitare un’altra catastrofe, secondo un rapporto pubblicato Martedì da ex membri di una commissione d’inchiesta presidenziale che ha indagato sulla fuoriuscita. Il Congresso non è riuscito nemmeno a codificare valide riforme normative del Dipartimento dell’Interno, che potrebbero essere annullate da una futura amministrazione.
***
L’amministrazione ha messo a punto nuovi standard per ogni fase del processo di estrazione – dalla progettazione dell’impianto di perforazione alla risposta alla fuoriuscita – insistendo sul fatto che gli operatori si preparano pienamente allo scenario peggiore. Ma la relazione dei commissari rileva che i sistemi di attrezzature nuove non sono ancora state testate in acque profonde.
Questo è esattamente come il disastro di Fukushima e il disastro finanziario, perché l’approccio del governo alla crisi è coerente, non importa a quale campo appartiene ciò di cui stiamo parlando: lasciare che le grandi compagnie che finanziano le campagne politiche facciano ciò che vogliono … e poi aiutarli a coprire l’entità del crisi , una volta che colpisce, inevitabilmente.



fonte



0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

In quale IDEOLOGIA ti riconosci di più?

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi