Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

martedì 27 dicembre 2011
La Philip Morris ha ingannato sia i ricercatori che i consumatori. L'accusa è di quelle pesanti ed è stata mossa dai ricercatori dell’universita’ della California a San Diego (Usa). I ricercatori, infatti, asseriscono che la nota azienda di sigarette e tabacco abbia fuorviato ed ingannato i fumatori sulla sicurezza degli additivi usati nelle sigarette stesse. Tutto ciò sarebbe successo circa dieci anni fà in quanto la  Philip Morris oscurò i risultati sulla tossicità degli additivi usati nel confezionare le loro "bionde". Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Plos Medicine.
Al riguardo l'azienda aveva sostenuto, nello studio Project Mix, che non c'erano le prove sulla tossicità associati agli additivi presi in esame che, è bene farlo presente, sono circa 300 e sono usati per alterare il sapore delle sigarette rendendolo più apprezzabile per i consumatori. Ma il Centro di ricerca per il controllo sul tabacco dell’universita’ californiana ha ora effettuato un nuovo studio, in cui sostiene che lo studio originale ‘non aveva rivelato i pericoli degli additivi’. Dallo studio risulta un aumento del 20% di utilizzo degli additivi cancerogini. Hanno poi appurato come non siano stati messo in rilievo 19 dei 51 additivi testati nella presentazione dei loro risultati di ricerca. La ragione è data dal fatto che la P.M. aveva usato il suo studio, pubblicato su Food and chemical toxicology nel 2002, per difendere l'uso degli additivi nelle sigarette. Le particelle sotto accusa aumenta la quantità di particelle sottili aumentando la risposta infiammatoria. Ovviamente l'azienda se ne frega altamente e va avanti per la sua strada, tanto di consumatori ce ne saranno sempre e qualcuno morto di cancro non può nuocere alle loro casse.

fonte


Condividi su Facebook

1 commenti:

Anonimo ha detto...

tutte cazzate!!!
c'e' bisogno di uno studio per sapere che fumare fa morire prima?

ma per favore...chi fuma lo sa benissimo che scontera' il suo porco vizio, e non c'e' da dar la colpa alle multinazionale del fumo, ma solo ed esclusivamente ai fumatori.

un fumatore

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi