Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 1 luglio 2011


"Lo IODIO protegge non solo la tiroide, la anche il seno, la prostata e le ovaie ed anche altri tessuti molli nel corpo, se è presente in quantità sufficienti.

Quando abbiamo a che fare con malattie che minacciano la vita, non abbiamo mesi per menare il can per l'aia con posologie basse. Dobbiamo far alzare in fretta i livelli di iodio. E dobbiamo averlo concentrato in certi organi o tessuti. 
  
Negli anni '30 lo iodio era una medicina universale presente in USA. La farmacopea lo usava  a dosaggi molto più alti di quanto si possa immaginare oggi.
La posologia standard per un trattamento dio allora era da 300 mgs (46 gocce di Iodio in soluzione Lugol ) a 1 gr (1000 mmg, 154 gocce). E' importante anche rendersi conto che oggidì la soluzione di Lugol non è universalmente la stessa  come in passato a casa di nuovi requisiti legali federali  (In USA ndt) sui livelli di concentrazione. (PS: la soluzione di Lugol si può trovare a vari livelli di concentrazione, ndt ) 

Lo ioduro di potassio (anche KI) è un sale di iodio stabile (NON radioattivo).Lo iodio stabile è una sostanza chimica molto importante necessaria al corpo per produrre ormoni tiroidei.

A seguitro di un evento radiologico o nucleare, dello iodio radioattivo può essere rilasciato nell'aria e quindi respirato nei polmoni di qualsiasi essere che respiri aria. Lo iodio radioattivo può anche contaminare il rifornimento locale di cibo e quindi entrare nel corpo attraverso il cibo o le bevande.

Nel caso di contaminazione interna di iodio radioattivo, la ghiandola tiroidea  assorbe velocemente le sostanze chimiche. Lo iodio radioattivo assorbito dalla ghiandola tiroidea, può poi danneggiarla. Dato che lo iodio NON radioattivo agisce in modo da evitare che lo iodio radioattivo venga assorbito dalla tiroide, esso può aiutare a proteggerla ed evitare che si danneggi.



In emergenze, ci potrebbe essere poco tempo o niente del tutto per consultare un medico o un terapeuta per poter avere la giusta posologia. Questa quindi la dosestandard di ioduro di potassio per le emergenze di radioattività : 
- infanti, neonati, bambini : il KI veine somministrato per esposizione  di 5 centigrays (cGy) o più. 
dalla nascita ad 1 mese= 16 mg; da 1 mese a 3 anni: 32 mg ; da 3 a 12 anni: 65 mg; 
- adolescenti dai 12 ai 18 anni: 65 mg (o fino a 120 mg se l'adolescente ha una taglia da adulto)

"Lo iodio nascente", sebbene più costoso (in America ndt) , ha un miglior sapore e ci si sente meglio quando lo si sente scendere in gola ed è abbastanza dolce da  poter essere dato ai bambini, che in genere non si lamentano per il suo gusto.

La mia raccomandazione è di usarlo in alte dosi  sia per saturare la tiroide (cosa che al rende quindi meno vulnerabile ad attacchi chimici e radioattivi) che per mettere ko qualsiasi sostanza contaminante che fosse già stata assorbita.

Questo tipo di iodio contiene  ca 400 mcg per goccia, quindi 10 gocce sono 4 mg e 100 gocce sono 40, quindi è sicuro prendere dosi molto più alte di quanto sia suggerito sulla confezione. 

100 gocce al giorno sono una forte dose, ma quando trattiamo malattie a rischio di morte, non è insolito sentire che lo si è usato fino a 200 gocce  al giorno in dosi separate, ma se prendete lo iodio il giorno in cui avete sentito l'allarme radiazione, io ne prenderei subito 100 gocce o 50 per bambini, in dosi separate
Io credo che la forma atomica del "nascente" sia più efficiente di quella molecolare, intendendo con questo che ne avrete bisogno di meno;  ma se davanti ad una nube radioattiva, si dovrà procedere ben oltre le speculazioni.

Di nuovo, il governo sta raccomandando una monodose, cosa che ha senso se non c'è tempo di  indagare sulle deficiente di iodio. In condizioni normali è importante ricordare che non si dovrebbe saltare subito a questi livelli ; piuttosto partire con dosi piccole e monitorare le reazioni detox, che saranno meno se si usano congiuntamente il bicarbonato di sodio o altre sostanze

Tuttavia nelle emergenze che hanno a che fare con le radiazioni non ci possiamo permettere tempo per indagare i livelli di iodio esistenti.

Il Dr. Brownstein ha detto di usare 200-300 mg con i suoi pazienti di cancro alal prostata e seno e con quelli che hanno metastasi e che hanno bisogno di dosi maggiori. Anche il dr Browstein usa sia la soluzione di Lugol che quella "nascenrte", lasciando quest'ultima ai pazienti più delicati. 

Le alte dosi di ioduro di potassio, assunte una volta sola  sono necessariedurante una emergenza, ma non sono esenti rischi e effetti collaterali, che includono: serie reazioni allergiche, feci nere, confusione, febbre, battito cardiaco irregolare, gusto metallico, vesciche orali, mani insensibili o tremolanti, o piedi, eruzioni cutanee, dolori di stomaco, gonfiore della gola o collo, insolita stanchezza, debolezza.
Effetti endocrinologici collaterali includono: ipo- e ipertiroidismo, 

Se sottoposti a nube radioattiva è imperativo prendere iodio, qualsiasi tipo si abbia per mano. Se l'unico che avete a disposizione è quello topico che non è adatto per ingestione orale,  allora dipingetivi il corpo e quello dei vostri figli con quello.

Sono pochi quelli che hanno accesso allo iodio "nascente" e quindi pochi potranno godere del suo effetto dolce prendendo dosi ripetutte e e riducendo gli effetti collaterali. Dato che il "nascente" è in forma atomica, viene assorbito più in fretta e questo può anche essere vantaggioso in situazioni di emergenza. Il suo lato negativo è il costo, per doverne usare cosi tanto.

(...) Le persone che sono legate all'industria medica e nucleare affermano falsamente: “non c'è evidenza che una esposizione a basse dosi di radiazioni causi cancro: il rischio è solo teorico” oppure “il rischio è insignificante" oppure “le esposizoni accidentali erano al di sotto del livello di sicurezza” ed anche  “c'è ragionevole buona prova che una esposizione a basse dosi di radiazione  sia benefica e diminuisca il tasso di cancro. 

Con ragionevole prova scientifica standard, il peso della evidenza umana mostra decisamente che il cancro può essere indotto da radiazione ionizzante anche alla dose minima possibile, il che significa che il rischio NON è mai teorico.
Lo iodio tuttavia NON farà nulla per proteggere la persona dalla esposizione all'uranio, cesio o plutonio radioattivi "  

http://www.youtube.com/watch?v=EoMfg76gAUo&feature=related


L'assenza di iodio nel corpo umano incentiva il cancro. Le carenze di iodio portano ad enormi aumenti di morte per cancro. 
Il Dr. Jorge Fletcher, nel video a lato, chiarisce molto bene perchè tutti abbiamo bisogno di iodio e perchè dovremmo ignorare le avvertenze governative di ambito medico. 

Ci dice che lo iodio era la prima e unica medicina per il trattamento del gozzo, un trattamento che era efficace al 100 per cento ma oggidi alcuni medici sono diventati cosi idioti e cosi contro lo iodio che pensano sia esso stesso a causare il gozzo ed altre condizioni tiroidee.

Quando non c'è abbastanza iosio nel seno, arriva il cancro al seno, ma prima che una donna lo abbia, avrà un problema con il seno fibrocistico. Lo stesso per le ovaie. Poichè l'assunzione dello iodio è scesa, il tasso di cancro al seno è aumentato e continua a salire di anno in anno. Il consumo di iodio nella popolazione americana è sceso del 50 per cento dagli anni 70: un calo deliberatamente istigato dalle istituzioni governative".



fonte
Traduzione Cristina Bassi





Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi